skip to Main Content

Ecco perché gli Usa hanno bloccato la vendita di chip Nvidia e Amd alla Cina

Chip Cina

Gli Stati Uniti ordinano ai chipmaker statunitensi Nvidia e Amd di interrompere la vendita di chip ad alte prestazioni alla Cina. Tutti i dettagli

I produttori di chip statunitensi colpiti dalla nuova regola sulle esportazioni alla Cina.

Il designer di chip Nvidia e la rivale Advanced Micro Devices Inc (Amd) hanno dichiarato mercoledì che il governo degli Stati Uniti ha imposto loro di fermare le esportazioni di alcuni chip ad alte prestazioni verso la seconda economia più grande del mondo.

Una mossa che potrebbe paralizzare la capacità delle aziende cinesi di svolgere lavori avanzati come il riconoscimento delle immagini. Negli ultimi anni, il governo degli Stati Uniti ha applicato crescenti restrizioni all’esportazione ai chip realizzati con tecnologia statunitense a causa del timore che le aziende cinesi potessero usarli per scopi militari o rubare segreti commerciali.

Ma le nuove regole sulle licenze all’export di chip potrebbero ostacolare gli affari di Nvidia in Cina.

Ieri le azioni di Nvidia sono crollate del 6,6% mentre quelle di Amd sono scivolate del 3,7%. L’annuncio segnala una nuova escalation della repressione degli Stati Uniti sulle capacità tecnologiche della Cina mentre le tensioni ribollono sul destino di Taiwan, dove si producono i chip per Nvidia e quasi tutte le altre principali aziende di chip, commenta Reuters.

Tutti i dettagli.

LE REGOLE USA PER LE ESPORTAZIONI DI CHIP

Nvidia ha affermato che per i funzionari statunitensi la nuova regola “affronterà il rischio che i prodotti coperti possano essere utilizzati o deviati verso un “uso finale militare “o” utente finale militare “in Cina”.

“Stiamo adottando un approccio globale per implementare ulteriori azioni necessarie relative alle tecnologie, agli usi finali e agli utenti finali per proteggere la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e gli interessi della politica estera”, ha dichiarato un portavoce del Dipartimento del Commercio.

“Ciò include la prevenzione dell’acquisizione e dell’uso da parte della Cina della tecnologia statunitense nel contesto del suo programma di fusione militare-civile per alimentare i suoi sforzi di modernizzazione militare, condurre violazioni dei diritti umani e consentire altre attività maligne”.

I PRODOTTI DI NVIDIA E DI ARM INTERESSATI

In particolare, il divieto alle esportazioni riguarderà i chip A100 e H100 di Nvidia progettati per accelerare le attività di apprendimento automatico. Tutto ciò potrebbe interferire con il completamento dello sviluppo dell’H100, il chip di punta Nvidia annunciato quest’anno.

Invece i nuovi requisiti di licenza impediranno ad Amd l’esportazione dei suoi chip di intelligenza artificiale MI250 in Cina, ma la società ritiene che i suoi chip MI100 non saranno interessati. Amd ha affermato che non crede che le nuove regole avranno un impatto materiale sulla sua attività.

LE CONSEGUENZE PER LE AZIENDE CINESI…

Per gli analisti del settore i requisiti degli Stati Uniti potrebbero rendere più difficile per la Cina acquisire chip per l’informatica avanzata.

Senza i chip americani di aziende come Nvidia e AMD, le organizzazioni cinesi non saranno in grado di svolgere a costi contenuti il ​​tipo di elaborazione avanzata utilizzata per il riconoscimento delle immagini e del parlato, tra molte altre attività.

…E PER I CONTI DELLE SOCIETÀ

Ma la mossa del governo americano potrebbe avere un impatto anche sui guadagni delle aziende nazionali.

“Potrebbe anche influenzare i guadagni di produttori statunitensi come Nvidia e AMD”, ha affermato alla Bbc Mario Morales, analista con sede in California presso la società di informazioni di mercato IDC. “Entrambe le società hanno un’ampia esposizione alla Cina e potrebbero vedere un maggiore impatto in futuro, soprattutto se la Cina sceglierà di vendicarsi”, ha sottolineato Morales.

COSA FARÀ NVIDIA

In particolare, Nvidia ha affermato di aver registrato vendite per 400 milioni di dollari in questo trimestre in Cina. Ora però potrebbero sfumare se le aziende cinesi decidessero di non acquistare prodotti Nvidia alternativi. La società ha aggiunto che prevede di richiedere esenzioni dalla regola, ma “non ha garanzie” che i funzionari statunitensi le concederanno.

Il divieto di chip arriva quando Nvidia la scorsa settimana prevedeva già un forte calo delle entrate per il trimestre in corso sulla scia di un settore dei giochi più debole, sottolinea Reuters. Nvidia ha dichiarato di aspettarsi vendite per il terzo trimestre di 5,90 miliardi di dollari, in calo del 17% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore