Innovazione

Ecco come Apple sfiderà Google sul motore di ricerca

di

Apple motore ricerca Google
© Techcrunch

Apple ha depositato un brevetto per sviluppare un proprio motore di ricerca e sfidare Google

 

Il colosso di Cupertino si prepara a sfidare Big G nel settore della ricerca online.

Il 23 dicembre l’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti ha ufficialmente concesso ad Apple un brevetto che rafforza i rumor secondo cui la società potrebbe sviluppare il proprio browser web.

Alla fine di ottobre il Financial Times ha rivelato che Apple stava intensificando gli sforzi per sviluppare la propria tecnologia di ricerca per competere con Google, presa di mira dalle autorità antitrust statunitensi.

La causa del Dipartimento di Giustizia intentata contro Google (di proprietà Alphabet) a metà ottobre sta facendo vacillare l’accordo tra l’azienda e Apple sul motore di ricerca incorporato nel browser Safari. Google paga ad Apple miliardi di dollari all’anno per rendere il suo motore di ricerca l’opzione predefinita sugli iPhone.

Ma un’offerta di ricerca interna di Apple fornirebbe alla società un’alternativa nel caso in cui le autorità decidessero di bloccare la partnership con Google.

Come scriveva il Ft, Apple ha iniziato a implementare la propria tecnologia di ricerca sugli iPhone con il suo ultimo aggiornamento software.

Tutti i dettagli sui contenuti del brevetto depositato da Apple sulle ricerche online.

IL BREVETTO DEPOSITATO DA APPLE

Come spiega PatentlyApple, il brevetto depositato da Apple parte dal presupposto che le ricerche di informazioni memorizzate in uno o più sistemi di elaborazione dati producono una serie molto ampia di elementi nei risultati della ricerca. Ad esempio, una ricerca di informazioni su Internet (ad esempio, una ricerca sul Web utilizzando Bing o Yahoo o Google) spesso produce un elenco di risultati di ricerca che include migliaia di elementi (ad esempio, pagine Web) nei risultati di ricerca.

COME FUNZIONERÀ IL MOTORE DI RICERCA TARGATO CUPERTINO

Al fine di rendere i risultati della ricerca più utili per gli utenti, i sistemi di elaborazione dati che restituiscono i risultati della ricerca ordineranno o classificheranno i risultati in base a una classificazione o punteggio che fa sì che l’elenco mostri gli elementi (ad esempio, pagine web) in un particolare ordine.

SFRUTTARE I PUNTEGGI DI INFLUENZA

Il punteggio di un elemento utilizzato per ordinare gli elementi nei risultati di ricerca può essere basato su un punteggio di influenza di un dominio che fornisce l’elemento e ogni elemento nei risultati può avere un punteggio di influenza utilizzato per classificare o ordinare gli elementi all’interno dei risultati di ricerca.

I sistemi che restituiscono risultati di ricerca utilizzano questi punteggi di influenza sviluppati sulla base di un’analisi dei collegamenti ai domini.

Il risultato finale dell’aggiornamento dei punteggi di influenza produce un set di dati in cui tutti i domini hanno un punteggio di influenza positivo (diverso da zero), con alcuni domini che hanno punteggi di influenza significativamente più alti rispetto ad altri domini.

NEL BREVETTO DI APPLE ANCHE LA POSSIBILITÀ DI GENERARE UNA LISTA NERA DI DOMINI

Nel progetto di Apple, il processo di creazione dei punteggi di influenza può iniziare inizializzando un sistema di punteggio di influenza del dominio solo per un sottoinsieme di tutti i domini. In particolare, il sistema può essere inizializzato assegnando un punteggio di influenza iniziale predeterminato a ciascun dominio nel sottoinsieme (e questi domini possono essere selezionati manualmente come importanti domini “fidati”) mentre tutti gli altri domini hanno un punteggio di influenza iniziale pari a zero.

Il brevetto concesso da Apple copre anche un metodo in una forma di realizzazione per la creazione di punteggi di influenza del dominio che possono essere utilizzati per classificare i risultati di ricerca.

Inoltre, un metodo può includere anche la generazione di una lista nera di domini. In questo caso la lista nera viene utilizzata durante il processo di aggiornamento dei punteggi di influenza per tutti i domini e la lista nera include un elenco di domini nella lista nera.

IL MERCATO DELLA RICERCA ONLINE DOMINATO DA GOOGLE

Per Apple si tratterà comunque di sfidare il leader indiscusso della ricerca online.

Come riporta il Ft, la quota di Google nel mercato della ricerca globale è rimasta superiore al 90% per la maggior parte degli ultimi dieci anni. Oggi, rimane vicino ai suoi massimi storici di oltre il 92%, secondo Statcounter, che tiene traccia dell’attività web, seguito da Bing con il 2,9% e Yahoo con l’1,5%.

Tuttavia, i concorrenti di Google di lunga data come DuckDuckGo stanno ottenendo guadagni lenti ma costanti. Secondo Statcounter, la quota di mercato di DuckDuckGo è cresciuta dallo 0,3% all’1,9% in Nord America negli ultimi cinque anni.

L’INGRESSO DI APPLE, CON UN DIFFERENTE MODELLO DI BUSINESS

Quel che è certo, il modello di business di Apple per l’eventuale motore di ricerca sarà diverso da quello di Big G. Google viene pagato infatti per abbinare gli annunci giusti agli utenti giusti. Più ricerche vengono effettuate, più utili saranno i risultati. Più utili sono i risultati, migliore è il targeting dell’annuncio.

Di recente Apple si è concentrata molto sulla privacy degli utenti. È probabile quindi che anche il motore di ricerca sarà in linea con questa posizione di “privacy al primo posto” e Apple scelga di non guadagnare con la pubblicità.

Con il suo ultimo aggiornamento di iOS 14, Apple ha già iniziato a sostituire i risultati di ricerca di Google a favore dei propri. Ma questo scambio silenzioso non arriva senza una serie di sfide, secondo The Conversation. Impostando il proprio motore di ricerca anziché Google sui suoi dispositivi, Apple si aprirà alle critiche di monopolio da parte dei regolatori antitrust in una varietà di mercati.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati