Innovazione

Come cambiano le entrate degli influencer su YouTube

di

Google causa Youtube

Secondo un report di Bloomberg, con la crisi da coronavirus sta crescendo il numero di influencer di YouTube che non fanno più affidamento sulla pubblicità per la maggior parte delle loro entrate sulla piattaforma di proprietà Google

 

E se dovessi pagare per finire di guardare uno dei tuoi video preferiti su YouTube? No, non stiamo parlando del servizio di abbonamento YouTube Premium (lanciato nel 2018).

Come ha rivelato Bloomberg, una cerchia di influencer di YouTube sta guadagnando la maggior parte delle loro entrate sulla piattaforma di video online facendo pagare ai fan le iscrizioni.

La piattaforma di proprietà Google rappresenta il più grande portale video supportato dalla pubblicità con i suoi oltre 2 miliardi di utenti. Anche grazie al fatto che gli utenti possono guardare un flusso costante di musica, clip e video tutorial gratuiti.

Tuttavia, dalla crisi coronavirus (ma anche un po’ prima) i creatori di video hanno capito che avrebbero potuto far pagare agli utenti la visione dei loro filmati su YouTube come fonte alternativa di guadagno alle inserzioni pubblicitari. Tutti i dettagli.

I GUADAGNI DEGLI INFLUENCER

Come ha riportato Bloomberg, “mentre la pubblicità rimane il principale fattore di guadagno per la maggior parte dei creatori, ad aprile 80.000 canali hanno guadagnato denaro su YouTube da fonti alternative, in crescita del 20% rispetto al mese precedente”. Tra gennaio e maggio, il numero di collaboratori che non fanno più affidamento sulla pubblicità per la maggior parte dei loro guadagni è cresciuto del 40%, secondo Neal Mohan, Chief Product Officer di YouTube. “È importante che i nostri creatori abbiano un portafoglio diversificato”, ha aggiunto Mohan.

NON SOLO ANNUNCI PUBBLICITARI

Negli ultimi anni YouTube ha iniziato a introdurre monetizzazione alternativa, inclusi abbonamenti ai canali, funzionalità di livechat come Super Chat e scaffali di merci sui canali dei creatori per aiutarli a diversificare le entrate.

Nel 2017, YouTube ha introdotto Super Chat, una funzione che consente agli utenti di pagare per far risaltare i loro messaggi in un flusso di commenti. Da allora l’azienda ha implementato altri modi per i collaboratori di fare soldi su YouTube che non fanno affidamento sulla pubblicità, come strumenti per la vendita di prodotti, addebiti per abbonamenti e incoraggiamento di piccoli acquisti in-app.

YOUTUBE COME AMAZON?

Alcuni creatori sperano anche di fare soldi con l’e-commerce, ha sottolineato Bloomberg. “Seth James DeMoor, un corridore professionista e YouTuber, guadagna circa 2.000 dollari al mese in magliette e felpe con il proprio marchio sulla piattaforma”. “YouTube — ha detto DeMoor — potrebbe aggiungere un carrello virtuale all’interno dei video e quindi dividere le entrate risultanti con i creatori”.

TUTTI I MOTIVI

Come ricorda Bloomberg, diversi fattori hanno accelerato l’aumento di forme di reddito alternative su YouTube. “Negli ultimi anni, una serie di scandali sulla sicurezza del marchio hanno costretto YouTube a sospendere la pubblicità sui canali affiliati a personaggi che incitano all’odio o alla pedofilia. Da qui YouTube ha anche limitato la pubblicità su migliaia di video meno offensivi, privando i creatori della loro principale fonte di guadagno e spingendoli a cercare spazio altrove”.

LA CONCORRENZA CON I RIVALI INSTAGRAM, TIKTOK E THWITCH

Molti video influencer hanno preferito passare alle piattaforme rivali come Twitch, Instagram, Facebook e TikTok. La piattaforma di video e giochi in streaming della controllata di Amazon, Twitch, in particolare, ha sviluppato una cultura in cui i fan fanno regolarmente donazioni significative direttamente ai loro personaggi preferiti. Di queste donazioni una piccola parte finisce direttamente nelle casse di Twitch. Ecco dunque come “una fiorente comunità creativa è diventata meno dipendente dalle pubblicità” secondo Bloomberg.

LA PANDEMIA HA STRONCATO LA SPESA PUBBLICITARIA

Dopodiché la pandemia da coronavirus e il successivo crollo della spesa pubblicitaria hanno fatto il resto aumentando la pressione sui creatori di video per sperimentare nuovi modi di fare soldi.

“Mentre alcuni YouTuber hanno lanciato marchi al dettaglio o accordi di sviluppo inchiostrati con servizi di streaming o reti TV” — ha evidenziato Bloomberg — “la stragrande maggioranza degli influencer non sono abbastanza famosi per ottenere uno spettacolo Netflix o iniziare una linea di moda”. Pertanto hanno puntato sui loro fan più appassionati, forse dal 5% al ​​10% del loro pubblico, provando a chiedere il pagamento per la fruizione totale dei video.

UNA NUOVA METRICA: RPM INSIEME AL CPM

Tutto questo si è tradotto infine in una nuova metrica di monetizzazione introdotta da YouTube per far sapere ai creatori esattamente come stanno facendo soldi sulla piattaforma.

Come dicevamo i creatori di YouTube che fanno parte del Partner Program della società possono guadagnare denaro in molti modi diversi: attraverso pubblicità, abbonamenti, donazioni, funzionalità di live streaming e entrate di YouTube Premium.

Ora YouTube sta raccogliendo tutti questi numeri in un unico posto e fornendo tali informazioni ai creatori sotto forma di una nuova metrica di monetizzazione chiamata RPM.

Se il CPM misura il costo di ogni 1.000 impressioni dell’annuncio pubblicitario prima che YouTube prenda la sua quota di entrate, l’RPM mostra le entrate totali di un creatore (sia da annunci che da altre aree di monetizzazione) dopo che YouTube ha preso la sua parte.

Come sottolinea The Verge, in questo modo YouTube aiuta i creatori a capire meglio dove stanno facendo i loro soldi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati