Innovazione

La Cia ha spiato le comunicazioni anche di Stati alleati tramite la svizzera Crypto

di

Cia Crypto

Guardarsi dai nemici è bene, ma dagli amici è meglio. Per più di mezzo secolo, i governi di tutto il mondo si sono affidati a un’unica società, la svizzera Crypto AG, per crittografare le proprie comunicazioni di intelligence. Ma ciò che nessuno dei suoi clienti ha mai saputo è che Crypto AG era segretamente controllata dalla Cia e dalla Bnd (i servizi segreti tedeschi). Le due agenzie avrebbero truccato i dispositivi dell’azienda in modo da poter violare i codici utilizzati dai Paesi per inviare messaggi crittografati.

È quanto emerso da un’inchiesta congiunta del Washington Post, dell’emittente tedesca Zdf e la tv svizzero-tedesca Srf.

LA SOCIETÀ CRYPTO AG

La società svizzera Crypto AG, produttrice di dispositivi di crittografia della seconda guerra mondiale, è stata leader di mercato fino al 21° secolo. Il fatto che avesse sede in un Paese neutrale, non allineato ai blocchi della Guerra Fredda, costituiva un quid in più. Peccato però che i clienti non sapessero che la tecnologia fosse in mano americana e tedesca.

IRAN, INDIA E PERFINO VATICANO TRA I CLIENTI

Come emerge dall’inchiesta delle tre testate, la società svizzera ha guadagnato milioni di dollari vendendo attrezzature in oltre 120 paesi. Tra i suoi clienti c’erano l’Iran, le nazioni dell’America Latina, India, Pakistan e persino il Vaticano. Ma anche gli alleati della Nato e paesi amici come Irlanda, Spagna, Portogallo, Italia e Turchia. Inoltre, gestiva informazioni governative provenienti da numerosi paesi africani, asiatici e sudamericani.

A DISPOSIZIONE DELL’INTELLIGENCE USA E TEDESCA

Il controllo di Cia e Bnd su Crypto AG ha permesso agli americani e ai tedeschi di vedere comunicazioni segrete da oltre 130 governi e servizi di informazione in tutto il mondo,

L’INCHIESTA DI SRF, ZDF E WASHINGTON POST

Le ricerche condotte dai giornalisti della tv svizzero tedesca Srf, dell’emittente tedesca Zdf e del quotidiano statunitense Washington Post si basano su conversazioni con ex dipendenti dei servizi di intelligence e Crypto AG e in particolare su un documento che la stessa Cia ha redatto dal titolo “Minerva – una storia”. Quel documento mostra che gli americani e i tedeschi considerano l’operazione Minerva, in seguito Rubicon, un successo senza precedenti.

IL COLPO DEL SECOLO

L’operazione di spionaggio è iniziata nel 1970. Nel 1994 il Bnd tedesco è uscito da Crypto AG, temendo che l’operazione sarebbe venuta alla luce e avrebbe compromesso i rapporti con la Nato. Tuttavia, secondo il rapporto la Cia ha venduto le sue parti dell’azienda solo nel 2018.

CHE NE È ADESSO DI CRYPTO

Nel 2018, gli azionisti hanno in gran parte smantellato Crypto AG. Da quel momento due società hanno rilevato i componenti rimasti: CyOne Security fornitore esclusivo del governo svizzero e Crypto International, che ha assunto il marchio e nega di avere nulla a che fare con i servizi governativi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati