skip to Main Content

Kharkiv

Chi produce munizioni in Europa. Report Economist

L'Europa ha quattro principali produttori di munizioni: Rheinmetall in Germania, Bae Systems in Gran Bretagna, Nexter in Francia, di proprietà del governo, e Nammo, di proprietà dei governi norvegese e finlandese. L'approfondimento The Economist

Le guerre di logoramento, che sono ciò che tendono a diventare i conflitti su larga scala tra avversari militarmente sofisticati come la Russia e l’Ucraina, sono di solito decise da chi ha la migliore industria degli armamenti. L’economia della Russia è quasi 14 volte quella dell’Ucraina, ma le risorse combinate degli alleati dell’Ucraina sono talmente superiori che l’Ucraina dovrebbe essere in grado di vincere. Eppure, mentre il conflitto entra nel suo terzo anno, è l’industria della difesa russa che sta lentamente volgendo la guerra a suo favore.

Niente mostra il problema in modo più evidente dei colpi d’artiglieria. Al culmine della controffensiva estiva, l’Ucraina ne utilizzava circa 7.000 al giorno, un numero nettamente superiore a quello dei russi. La situazione si è invertita: dal mese scorso, mentre le forze ucraine sono state razionate a 2.000 granate al giorno, i russi ne hanno sparate cinque volte tanto. L’Occidente si trova ora di fronte a una scelta, ha dichiarato all’inizio del mese Jack Watling, esperto di rusi, un think tank di Londra. Può dare all’Ucraina ciò di cui ha bisogno, “o cedere un vantaggio irrecuperabile alla Russia”.

Sia l’America che l’Unione Europea hanno difficoltà a fornire aiuti. A Washington, 61 miliardi di dollari di assistenza militare sono bloccati al Congresso. A Bruxelles, 50 miliardi di euro (54 miliardi di dollari) di aiuti finanziari sono bloccati dal veto del leader filorusso dell’Ungheria, Viktor Orban. L’Ucraina teme che l’iper-partitismo americano e l’ostilità di Donald Trump riducano costantemente il sostegno del Pentagono. Questo potrebbe lasciare gli ucraini completamente dipendenti dall’Europa – scrive The Economist.

Finora gli europei non si sono comportati male. Gli aiuti militari impegnati dai Paesi dell’Ue hanno superato i 44 miliardi di euro dell’America. La Germania ha stanziato più di 17 miliardi di euro; anche i Paesi nordici si stanno impegnando a fondo. Ma il quadro è disomogeneo. La Francia ha contribuito con soli 0,5 miliardi di euro, anche se il 16 gennaio il suo presidente ha annunciato che sono in arrivo altri fondi. Lo scorso marzo l’Ue ha dichiarato che avrebbe acquistato all’Ucraina 1 milione di proiettili d’artiglieria nel corso di un anno, attraverso l’Agenzia europea per la difesa. Il mese scorso ne aveva forniti solo 480.000, anche se l’Ue continua a ribadire che il totale sarà raggiunto.

Questo mese l’Agenzia per il sostegno e l’approvvigionamento della Nato ha dichiarato che aiuterà i membri dell’Ue ad acquistare in blocco 1.000 missili Patriot per la difesa aerea, per un valore di circa 5 miliardi di euro. La Nato non può inviare aiuti letali direttamente all’Ucraina, ma l’ordine libererà i membri per trasferire i propri mezzi di difesa aerea. Il programma Act in Support of Ammunition Production (Asap) dell’Ue, lanciato a ottobre, stanzierà 500 milioni di euro per aumentare la produzione di proiettili. Tuttavia, ci vorrà del tempo per avere un qualche impatto. Il 9 gennaio il commissario per il mercato interno dell’Ue, Thierry Breton, ha proposto un fondo da 100 miliardi di euro per potenziare l’industria europea della difesa, non solo per aiutare l’Ucraina, ma anche per tutelarsi da un eventuale ritiro degli Stati Uniti dalla Nato se Trump diventasse presidente. Ma non è chiaro se qualcun altro sostenga l’idea.

Nessuno di questi sforzi risponde all’urgenza della situazione. La spesa militare russa è aumentata del 68% quest’anno, raggiungendo il 6,5% del Pil. Secondo il Ministero della Difesa estone, la produzione russa di munizioni di artiglieria salirà quest’anno a 4,5 milioni di unità. Justin Bronk di rusi ritiene che la Russia stia sfornando 100 missili a lungo raggio al mese, più del doppio della sua capacità all’inizio dell’invasione.

Anche la produzione di proiettili americani ed europei sta aumentando, ma non abbastanza velocemente. La produzione americana di proiettili da 155 mm dovrebbe raggiungere 1,2 milioni all’anno entro il 2025, un aumento di sei volte rispetto all’anno scorso. Sash Tusa, analista della difesa presso Agency Partners, una società di ricerca azionaria, stima che la produzione europea raggiungerà 1,25 milioni. Ma a differenza dell’America, dove le fabbriche di munizioni sono di proprietà del governo, l’Europa dipende da aziende private, il che rende gli aumenti meno certi.

L’Europa ha quattro principali produttori di munizioni: Rheinmetall in Germania, Bae Systems in Gran Bretagna, Nexter in Francia, di proprietà del governo, e Nammo, di proprietà dei governi norvegese e finlandese. Dopo la guerra fredda si sono concentrati sulla produzione di sistemi meno numerosi e più sofisticati. Tim Lawrenson dell’International Institute for Strategic Studies, un think tank, afferma che sono diventati simili ad artigiani che realizzano un numero limitato di prodotti di alta qualità. Prima di passare a linee di produzione ad alta velocità, vogliono che i governi forniscano la certezza di contratti pluriennali, afferma Jan Pie, che dirige l’asd, l’organizzazione europea per il commercio della difesa.

“I nostri ordini sono già tre volte superiori a quelli del marzo 2022”, afferma Morten Brandtzaeg, capo di Nammo. Afferma che l’aumento della capacità produttiva è così grande che il governo deve aiutare l’industria a condividere il rischio. Il produttore europeo più lungimirante è stato Rheinmetall. Si è impegnata a produrre 700.000 munizioni d’artiglieria all’anno entro la fine del 2024 e quest’anno aprirà in Ucraina impianti di produzione e manutenzione per veicoli corazzati.

Un modo per l’Europa di muoversi più velocemente potrebbe essere quello di allentare le specifiche tecniche. I proiettili, sparati dai cannoni d’artiglieria ucraini, spesso usurati, raramente soddisfano i requisiti di precisione (il Paese avrà probabilmente bisogno di 2.000 nuovi cannoni all’anno). E le norme di sicurezza per lo stoccaggio a lungo termine hanno poco senso per proiettili che verranno sparati entro pochi giorni. Nelle guerre di logoramento, la necessità di quantità prevale quasi sempre sulla qualità.

Per l’Europa è ancora più difficile produrre altri tipi di munizioni, in particolare i sistemi missilistici guidati multi-lancio (gmlrs) e gli intercettori per la difesa aerea terrestre (gbad). Il ministero della Difesa estone stima che l’Ucraina avrà bisogno di 8.760 gmlrs all’anno entro il 2025. L’Europa può produrre gmlr e intercettori, ma non in scala. Gli estoni affermano che la produzione annuale di alcuni sistemi di difesa aerea europei è a una cifra. Nico Lange, ex consulente del ministero della Difesa tedesco, sostiene che per il più grande produttore di missili d’Europa, mbda, per aprire nuove fabbriche, i governi devono acquistare almeno dieci anni di produzione. Se gli investimenti venissero fatti ora, secondo lui i razzi potrebbero iniziare ad arrivare nel 2026.

L’Europa farà fatica a mantenere l’Ucraina in lotta quest’anno se gli aiuti americani si esauriranno. A lungo termine, con il sostegno americano sempre più incerto, il continente non ha altra scelta che ricostruire la propria industria della difesa. “Abbiamo la tecnologia, dobbiamo costruire la capacità”, afferma Brandtzaeg. “Non possiamo non farlo”.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Eprcomunicazione)

Back To Top