Innovazione

Che cosa succede a Shenzhen, cuore di Huawei

di

Huawei Shenzhen

L’approfondimento di Giuseppe Mancini da Shenzhen, sede del quartier generale di Huawei

 

Il 2019 è stato un anno difficile per la Huawei. Gli attacchi e le sanzioni di Donald Trump l’hanno gettata nell’occhio del ciclone: se nell’immediato la performance sui mercati è stata preservata (i ricavi sono cresciuti complessivamente del 18%, secondo le ultime stime), il 2020 presenta sfide esistenziali per sostituire al meglio i componenti di origine americana negati, sia microprocessori sia software come Android.

Ma è l’impatto in termini di reputazione – quindi, nel medio-lungo periodo – che può rivelarsi devastante. Del tutto inaspettatamente, l’azienda cinese è stata quindi costretta a difendersi dalle ripetute accuse degli Usa davanti all’opinione pubblica mondiale.

La controffensiva al fuoco concentrico dei media si fonda su due iniziative parallele: far parlare direttamente il fondatore Ren Zhengfei, in una serie di conversazioni diffuse online e di interviste a testate internazionali; aprirsi alle visite di giornalisti stranieri, lo scorso anno circa 4.000 (provenienti soprattutto dai paesi dell’Asia, ma anche occidentali).

Qui a Shenzhen ci sono il quartier generale, i campus per ricerca-sviluppo e gli stabilimenti produttivi della Huawei che si estendono anche nella vicina Dongguan.

La risposta alle accuse di Trump? Rigetto totale.

Le argomentazioni? Huawei è tenuta a rispettare le leggi dei Paesi in cui opera; nessuno ha mai fornito la prova di vulnerabilità nei propri prodotti che consentirebbero l’appropriazione indebita di dati altrui; mettere a rischio la sicurezza dei propri clienti porterebbe a un rapido fallimento.

Huawei è diventata un colosso mondiale solo perché è nata e si è sviluppata lì e non altrove.

Shenzhen si trova sulla costa sud-orientale della Cina, in riva al fiume delle Perle: ha una storia millenaria come insediamento di pescatori e mercanti, a differenza della vicina Hong Kong – appena al di là di una baia – non è mai diventata possedimento coloniale.

La svolta è arrivata però nel 1979, quando Deng Xiaoping l’ha scelta per istituirvi la prima “zona economica speciale” della Cina: un esperimento per rendere più libera ed efficace l’economia cinese, aperta alle aziende straniere e al mercato.

Il museo di Shenzhen racconta quest’epopea con cimeli dei primi operai (dalle tute agli utensili), con i primi prodotti tecnologici, con foto e plastici che testimoniano la trasformazione di un piccolo insediamento in metropoli da 15 milioni di abitanti.

Una metropoli oggi fitta di grattacieli e già “smart” grazie all’uso di autoveicoli elettrici e nuove tecnologie, dall’intelligenza artificiale che regola il ritmo dei semafori ai pagamenti fatti dappertutto via smartphone.

Shenzhen ha attratto gli innovatori, li ha messi in competizione tra di loro: i migliori hanno conquistato i mercati internazionali.

La Huawei ha approfittato anche della maggiore apertura: ha affidato alla Ibm – nel 1997 – la costruzione del suo modello organizzativo, ha adottato la filosofia giapponese del kaizen (“miglioramento continuo”), ha scelto macchinari di varia provenienza – anche occidentale – per assemblare le sue linee produttive.

L’accettazione virtuosa di ciò che è diverso e straniero – macchine, idee, persone – è una delle caratteristiche fondamentali della Huawei.

L’azienda è presente con i suoi prodotti in 170 Paesi, dispone di centri di ricerca e per l’innovazione in quasi ogni parte del globo. E Shenzhen stessa non è particolarmente rappresentativa della Cina. È invece una città pienamente inserita nel mondo globale e interconnesso del XXI secolo, per di più lo influenza coi suoi prodotti innovativi: è infatti sede non solo della Huawei, ma ad esempio anche della Oppo o della BYD che produce veicoli elettrici.

L’immagine di apertura, di integrazione, è testimoniato secondo il vertice del gruppo, dal nuovo campus di Songshan, 120 ettari riservati alla ricerca e sviluppo. Il grande parco è una sorta di Disneyland, dove il fondatore ha voluto riprodurre porzioni significative di città che hanno fatto la storia d’Europa, da Versailles a Oxford passando per Bologna e Verona (tutte collegate con un treno elettrico). Gli edifici seguono richiamano l’architettura originale, ospitano uffici dove lavorano 2.000 persone.

L’idea è forse di rassicurare. Come per dire: “Non abbiate timore, siamo un po’ come voi”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati