skip to Main Content

Ces 2018, ecco i primi occhiali con Alexa di Amazon integrata

Alexa

Gli occhiali intelligenti con Alexa di Amazon integrata permettono all’utente di poter parlare con l’assistente mostrando, contemporaneamente, le informazioni sul campo visivo di chi li indossa

Si chiamano Rochester, sono stati prodotti da Vuzix e sono i primi occhiali a realtà aumentata ad aver incorporato Alexa, l’assistente virtuale di Amazon. Un’importante novità nel settore degli assistenti digitali che verrà presentata in anteprima al CES di Las Vegas (9 -12 gennaio 2018): gli occhiali intelligenti, infatti, permettono a chi li indossa di poter parlare con l’assistente mostrando, contemporaneamente, le informazioni sul campo visivo, come spiegato da Paul Travers, Chief Executive Officer di Vuzix, in un’intervista. Gli utenti, potrebbero, tra le altre cose, chiedere all’assistente di mostrargli una mappa o visualizzare gli acquisti direttamente sugli occhiali.

Vuzix rilascerà i suoi occhiali AR entro il secondo trimestre del 2018 a un costo di circa 1000 dollari. Il prezzo, come si legge su Bloomberg, potrebbe scendere già a 500 dollari nel 2019.

Amazon ha concesso ai produttori di hardware di terze parti di inserire l’assistente virtuale nei loro prodotti, con l’obiettivo, ovviamente, che Alexa venga integrata su più prodotti possibili. La società è “entusiasta del potenziale degli occhiali e della capacità di portare Alexa ai clienti in un modo nuovo”, ha detto una portavoce di Amazon. Coloro che indosseranno gli occhiali, dovranno essere clienti Amazon o diventarlo, per poter abilitare le capacità di Alexa.

Non è chiaro se anche Amazon rilascerà degli occhiali realizzati in casa, ma senza dubbio il settore degli assistenti digitali è in continuo sviluppo, anche se ancora deve davvero conquistare i consumatori.

Il mercato, nel frattempo, si affolla. Apple, tra gli altri, dovrebbe lanciare i suoi occhiali smart entro il 2020.  Oculus ha detto che avrebbe rilasciato una cuffia VR standalone da 200 dollari, chiamata Oculus Go, quest’anno: il nuovo modello non richiede la connettività a un PC o uno smartphone. Google è stato uno dei primi giocatori nel mondo degli occhiali AR: ha lanciato il prototipo Google Glass (poi ritirati dal mercato e ora destinati all’uso professionale), e ora si è concentrato sull’aggiunta di funzionalità AR ai suoi smartphone Pixel.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore