skip to Main Content
ads

Boom di droni, anche in Italia

Droni Covid-19 Enac

Sempre più aziende italiane si affidano ai droni per i loro servizi: il settore è vitale e in continua evoluzione

Cambia il mercato dei droni in Italia: rispetto allo scorso anno,  si riduce infatti la quota di aziende produttrici, ma raddoppiano i consumer e aumentano gli addetti del settore. A dirlo sono i dati di “Osservatorio sull’industria dei droni”, un’indagine condotta da Doxa Marketing Advice, la società organizzatrice di Dronitaly, fiera italiana dei droni che aprirà i battenti questo venerdì 30 settembre a ModenaFiere.

Gli aeromobili hanno conquistato il mondo del calcio, quello dell’intrattenimento, delle forze armate (che li utilizzano per controllare il territorio) e dell’agricoltura di precisione, dove sono strumenti irrinunciabili per la mappatura dei terreni. Secondo i dati Doxa, il 67% delle aziende che forniscono servizi con i droni lo fanno per l’agricoltura, il 62% per servizi fotogrammetrici, il 42% per rilievi topografici, il 31% per analisi ambientali, il 24% è relativo alla Protezione civile, il 6% allo sport.

droniL’indagine, alla sua seconda edizione, e realizzata su un campione rappresentativo di oltre cinquanta aziende, mostra un settore vitale. “Continuano a nascere nuove società (+10% rispetto al 2015), con un fatturato medio delle aziende superiore alle previsioni. Per l’anno in corso si stima una crescita ulteriore, che potrebbe portare la dimensione del business molto vicina ai livelli record di 3 anni fa, con ricadute positive anche dal punto di vista occupazionale. Su questo aspetto vale la pena di segnalare che nel 2016 il numero medio di addetti per azienda potrebbe crescere di 2 unità a confronto con quanto previsto lo scorso anno. Tra i mercati esteri più interessanti per quanto attiene allo sviluppo del business, ci sono USA, Canada, America Latina e Cina”, ha commentato Massimo Sumberesi, a capo del dipartimento Doxa Marketing Advice responsabile dell’Osservatorio.

Non solo droni volanti. La rivoluzione di quelli acquatici

Il 30 Settembre, a Dronitaly, protagonisti della Fiera (la più grande del settore, con oltre 50 aziende presenti e 20 convegni), saranno anche i droni acquatici. I dispositivi a controllo remoto, galleggianti o subacquei, possono aiutare nelle operazioni di ricerca e salvataggio di persone, monitoraggio della salute delle acque e dell’ambiente e nelle attività idrografiche.

Un esempio concreto. Un drone sperimentale, dell’Istituto di Scienze Marine (ISMAR) di Bologna e del CNR di Oristano, equipaggiato con un nuovo sonar ultra-sonico, è in grado di leggere il fondale della laguna di Santa Giusta e quindi ricostruire la storia della laguna da un punto di vista biologico e antropico con una precisione impensabile solo fino a poco tempo fa.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore