Innovazione

Auto volanti a guida autonoma: come Airbus sfida Google e Uber

di

Airbus auto volanti

Airbus intende lanciare un servizio di ride sharing con auto volanti a guida autonoma, sfidando Google ed Uber (che il ride sharing lo faranno su strada)

Il 2017 sarà l’anno della guida autonoma, grazie a Tesla, Google ed Uber. Ma anche l’anno delle auto volanti, senza conducente, grazie ad Airbus e alla folle idea del Ceo Tom Enders. Sì, Airbus ha annunciato, nelle scorse ore, nel corso del Digital Life Design, che nel 2017 potrebbe debuttare (per i dovuti test) un prototipo di auto volante. Dopo aver fondato lo scorso anno la divisione Urban Air Mobility, il potente costruttore europeo di aeromobili è pronto a portare su strada (o per aria, meglio) i frutti del proprio lavoro.

Auto volanti“Stiamo ultimando la progettazione, abbiamo completato quella relativa ai software e alla sperimentazione tramite simulatore. Stiamo affrontando la questione in modo estremamente serio e prima del termine del 2017 testeremo il nostro primo modello di auto volante, un aero-taxi a guida autonoma”, ha affermato il Ceo.

Se è vero che si tratta solo di test e che per il vero debutto commerciale bisogna ancora attendere almeno fino al 2020, è anche vero che Google ed Uber, che in questi mesi tanto si stanno spendendo per portare si strada le loro auto a guid autonoma, devono iniziare a fare i conti con una nuova tecnologia che potrebbe mandare in pensione le giovani idee dei big tecnologici.

Mentre Uber e Google, infatti, stanno lavorando (separatamente) ad un servizio di ride sharing a guida autonoma, i cui veicoli viaggiano per le strade cittadine, Airbus sta lavorado ad un servizio simile a quello dei due colossi, ma i cui veicoli (o velivoli) sfruttino uno spazio cittadino ancora libero: l’aria. “Un secolo fa il trasporto si è spostato sottoterra, ora abbiamo i mezzi tecnologici per conquistare il cielo”, ha detto Enders.

La bizzarra idea del taxi volante, che vagamente ricorda i taxi di SeaBubbles, che si libreranno ad un palmo dalla Senna di Parigi, potrebbe finalmente risolvere il problema traffico in città, offrendo ai viaggiatori un’alternativa valida e veloce di spostamento. Oltre ai test, comunque, Airbsu nei prossimi anni dovrà superare diversi ostacoli: servono delle norme che regolamentarizzino i percordi d’aria cittadini di questi velivoli.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati