skip to Main Content

Attacco hacker a Moncler, cosa è successo

Moncler Attacco

Moncler ha bloccato un attacco hacker. “Nessun impatto sui risultati economici”, dice la società italiana. Tutti i dettagli

 

Sventato attacco hacker a Moncler.

Mercoledì 22 dicembre l’azienda tessile di lusso ha rilevato un attacco malware ai propri sistemi informatici. Lo ha reso la stessa società tramite comunicato.

L’attacco hacker è stato gestito: “I sistemi di sicurezza della società hanno garantito l’immediata identificazione dell’attacco, consentendo di intraprendere tutte le azioni necessarie per bloccarne la diffusione, tra cui la temporanea interruzione dei servizi IT”.

Sull’accaduto è stata aperta un’indagine. Il gruppo, conclude la nota, ritiene che tale attacco e la conseguente interruzione temporanea dei sistemi non comportino un impatto significativo sui suoi risultati economici.

Tutti i dettagli.

ATTACCO MALWARE A MONCLER

La società controllata e guidata da Remo Ruffini ha rilevato mercoledì un attacco malware ai propri sistemi informatici, “che è stato prontamente gestito”.

Inoltre, Moncher ha comunicato che l’attività di ripristino dei servizi stessi è attualmente in corso.

DOPO IL LANCIO DELLA LINEA DI ALICIA KEYS

Gli aggressori informatici hanno attaccato l’azienda italiana proprio il giorno dopo del lancio della linea della cantante Alicia Keys.

Come segnala il Sole 24 Ore, “martedì 21 dicembre Moncler aveva fatto debuttare la selezione curata dalla cantante, autrice e produttrice Alicia Keys, global partner di Moncler e vincitrice di 15 Grammy Award, il nuovo progetto digitale Moncler Select, che sarà curato – aveva spiegato una nota del brand – da alcune tra le personalità più ispiranti del mondo dello sport, della moda, del business e dell’entertainment”.

NESSUNA CONSEGUENZA SUI CONTI

Il gruppo ritiene che “tale attacco e la conseguente interruzione temporanea dei sistemi non comportino un impatto significativo sui suoi risultati economici”, conclude Moncler.

TUTTI GLI ATTACCHI INFORMATICI DEGLI ULTIMI MESI

Quello a Moncler è solo l’ultimo degli attacchi informatici perpretati ad enti e aziende italiane negli ultimi mesi.

Tra il 7 e l’8 novembre un attacco cibernetico ha colpito i server di MediaMarkt bloccando i sistemi informatici. Il colosso MediaMarktSaturn Retail Group controlla la nota catena di elettronica di Mediaworld. L’attacco informatico ai danni del gruppo che gestisce Mediaworld è avvenuto tramite ransomware, un virus che blocca gli accessi ai sistemi informatici e li sblocca solo dopo il pagamento di un riscatto.

Pochi giorni prima di Mediaworld nell’obiettivo degli hacker era finita la San Carlo. Il 26 ottobre un attacco hacker sempre di tipo ransomware ha colpito l’azienda milanese leader nella produzione delle patatine. Lo aveva rivelato per primo Agi. Da quanto apprende l’agenzia diretta da Mario Sechi all’azienda sarebbe arrivata una richiesta di riscatto dopo attacco ransomware di tipo criptolocker denominato “Conti”. Si tratta della stessa tipologia di quello che ad agosto ha colpito la Regione Lazio, e simile a quello che ha colpito la settimana prima Siae.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore