Advertisement skip to Main Content

Anonymous

Anonymous, ecco portata ed effetti degli attacchi alla Russia

Si parla molto di Anonymous dall’inizio della guerra in Ucraina… Ecco perché. L’articolo di Giuseppe Gagliano   “Noi siamo Anonymous. Noi siamo una legione. Non dimentichiamo. Non perdoniamo”. Si parla molto di Anonymous dall’inizio della guerra in Ucraina. L’invasione russa del paese ha scatenato una vera mobilitazione online: molto rapidamente diversi gruppi di pirati hanno…

 

“Noi siamo Anonymous. Noi siamo una legione. Non dimentichiamo. Non perdoniamo”.

Si parla molto di Anonymous dall’inizio della guerra in Ucraina. L’invasione russa del paese ha scatenato una vera mobilitazione online: molto rapidamente diversi gruppi di pirati hanno chiesto una guerra informatica contro Vladimir Putin e gli interessi russi.

Finora, la loro operazione di maggior successo è stata senza dubbio un hacking della televisione russa il 26 febbraio. Per 12 minuti, i programmi di diversi canali televisivi nazionali sono stati interrotti, lasciando il posto al bombardamento dell’Ucraina e alle testimonianze dei soldati sull’orrore di questa guerra. Una cattura video dell’azione è stata condivisa lo stesso giorno sull’account Twitter @YourAnonNews. La notizia poi si è diffusa come una scia di polvere. Diverse persone sono state nel frattempo in grado di confermare il successo dell’attacco che presumibilmente ha coinvolto Rostelecom, un gestore dell’infrastruttura pubblica. Abbastanza per rafforzare il morale delle truppe e soprattutto amplificare il movimento intorno ad Anonymous.

La maggior parte delle operazioni a cui abbiamo assistito sono in realtà piuttosto rudimentali: gli attacchi DDoS, ad esempio, subiti da Roscosmos e vari siti amministrativi russi sono relativamente banali e hanno costituito la maggior parte dell’onere contro i sistemi informatici russi dall’inizio del conflitto.

Tuttavia, questi attacchi rimangono senza precedenti contro uno stato quando si tiene conto del loro numero e della loro intensità.

E poi ci sono anche tante altre azioni indipendenti. Ad esempio, il gruppo Squad303 ha messo online un sito che consente ai russi di essere contattati direttamente per telefono o e-mail per informarli sulla guerra in Ucraina e quindi aggirare la censura. Più di 20 milioni di messaggi avrebbero già potuto essere inviati ai russi secondo Squad303.

Va notato di sfuggita che la pirateria rivolta alle infrastrutture e alle personalità in Ucraina si sta svolgendo anche da parte russa, ma la loro portata e il loro reale effetto sono attualmente molto più limitati delle azioni rivolte alla parte russa. Anche se ci sono buone probabilità che la situazione cambi.

In Ucraina, riferisce la Bbc, le cellule si stanno organizzando per combattere contro l’esercito russo nel cyberspazio. Oltre alla lotta armata sul campo, c’è una feroce lotta online.

Tuttavia, ancor più del rischio di escalation, c’è quello dell’intelligence russa, e cioè degli esperti di guerra dell’informazione, che minacciano di trasformare il movimento a loro vantaggio. In effetti, chiunque può rivendicare il movimento Anonymous… e abbiamo già visto l’intelligence russa sfruttarlo con successo in altre situazioni.

Inoltre, questi attacchi al di fuori del controllo statale comportano un rischio reale di escalation. Perché anche se per il momento le conseguenze per la Russia sono principalmente siti web temporaneamente inaccessibili e infine interruzioni di programmi televisivi molto concise, il paese potrebbe finire per reagire in modo diverso se la pirateria colpisse un sistema critico come gli ospedali o il sistema di distribuzione dell’elettricità.

Back To Top