Innovazione

Anakinra, chi produce il farmaco efficace (forse) contro Covid-19

di

fondazione Gimbe covid-19 pandemia rt r0

La molecola anakinra è “efficace” nel trattamento delle forme più aggressive di infezione da Covid-19. La sperimentazione del San Raffaele di Milano

Non esistono farmaci specifici per la cura del Covid-19. In fase di sperimentazione ci sono numerose terapie e trattamenti con farmaci compassionevoli, ovvero nati per la cura di altre malattie.

Al San Raffaele di Milano si testa anche il farmaco anti-artrite anakinra (nome commerciale: Kirenet) con risultati che lasciano ben sperare: la molecola è “capace di spegnere l’eccessiva risposta immunitaria causata dalle forme gravi di Covid-19”, riporta l’Irccs ospedale San Raffaele, riprendendo uno studio pubblicato su Lancet Rheumatology. Tutti i dettagli.

ANAKINRA

La molecola Anakinra è un antagonista del recettore dell’interleuchina 1. Il principio, specifica l’Agenzia Europea del Farmaco, è utilizzato nel trattamento dell’artrite reumatoide (in associazione con metotrexato), nel trattamento delle sindromi periodiche associate alla criopirina (CAPS), tra cui la malattia infiammatoria multisistemica ad esordio neonatale, e nel trattamento della malattia di Still, comprendente l’artrite idiopatica giovanile sistemica (Systemic Juvenile Idiopathic Arthritis, SJIA) e la malattia di Still dell’adulto (Adult-Onset Still’s Disease, AOSD).

CHI PRODUCE IL FARMACO

Il nome commerciale del farmaco è Kirenet e viene prodotto dalla Swedish Orphan Biovitrum, società biofarmaceutica specializzata in malattie rare, con sede a Stoccolma, e guidata da Guido Oelkers.

L’azienda, nel primo trimestre 2020, ha registrato ricavi pari a 4.639 milioni di corone svedesi (3.265), in crescita del 42% rispetto al 1 ° trimestre 201. L’azienda prevede di chiudere l’anno con ricavi totali tra 15.000 e 16.000 milioni di corone svedesi e un EBITA tra 5.500-6.300 milioni di corone (le previsioni, comunicate a dicembre, restano al momento invariate nonostante la pandemia)

LO STUDIO

La molecole Anakira è stata sperimentata nella cura di Covid-19 su 29 pazienti ricoverati al San Raffaele in ventilazione non-invasiva e con quadri clinici ad alto rischio. A condurre la sperimentazione del San Raffaele, che rientra in uno studio clinico ben più ampio, sono stati Alberto Zangrillo, direttore delle Unità di Anestesia e Rianimazione generale e Cardio-toraco-vascolare, e Fabio Ciceri, vice direttore scientifico per la Ricerca clinica e primario dell’Unità di Ematologia e Trapianto di midollo.

Il lavoro di ricerca è stato condotto dall’immunologo Giulio Cavalli e coordinato da Lorenzo Dagna, primario dell’Unità di Immunologia, Reumatologia, Allergologia e Malattie rare dell’Istituto del Gruppo San Donato.

MOLECOLA EFFICACE CONTRO COVID-19?

L’uso compassionevole del farmaco ha portato buoni risultati: il farmaco anakinra si è dimostrato “efficace e sicuro” nel trattamento delle forme più aggressive di infezione da Sars-CoV-2. La molecola è “capace di spegnere l’eccessiva risposta immunitaria causata dalle forme gravi di Covid-19”, si legge in uno studio pubblicato su Lancet Rheumatology e condiviso dall’Irccs ospedale San Raffaele di Milano.

I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

“Per bloccare la risposta infiammatoria eccessiva e dannosa scatenata dal coronavirus lo abbiamo utilizzato a un dosaggio più elevato e con una somministrazione diversa rispetto all’abituale, endovenosa e non sottocutanea”, ha spiegato Giulio Cavalli. “A 21 giorni dal trattamento, il 72% dei pazienti mostrava un netto miglioramento della funzione respiratoria e dell’infiammazione sistemica”.

IL CONFRONTO CON PAZIENTI NO TRATTATI

Il confronto tra il gruppo di pazienti Covid trattati con alte dosi di anakinra e un gruppo di 16 pazienti cui era stata somministrata la terapia standard ha evidenziato una differenza “notevole”.

“Nel gruppo di controllo la funzione respiratoria è migliorata solo nel 50% dei pazienti e la mortalità è risultata essere 4 volte superiore”, si legge su Lancet Rheumatology.

SERVONO ULTERIORI CONFERME

Ma è presto, ancora per esultare. “I risultati ottenuti dovranno essere confermati da ulteriori studi, di dimensione maggiore, ma sono promettenti. Considerato inoltre che anakinra è un farmaco accessibile e immediatamente disponibile in Italia e in gran parte del mondo”, autorizzato per il trattamento dell’artrite reumatoide, “quanto da noi descritto potrebbe avere un risvolto clinico immediato: una terapia off-label sicura per attenuare la tempesta infiammatoria scatenata dal nuovo coronavirus”, ha affermato Lorenzo Dagna.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati