skip to Main Content

La Cina con lo yuan virtuale vuole intaccare il duopolio di Alipay e WeChat Pay

Bitcoin Cina

La Cina ha testato per alcuni mesi la sua moneta (yuan) virtuale per essere pronta il 4 febbraio 2022. L’approfondimento di Le Monde

 

La Banca Centrale del Regno di Mezzo, si legge nell’articolo di Le Monde, si è formata per diversi mesi su un’applicazione “fatta in casa” per sviluppare l’uso dello yuan in modalità “virtuale”. Il rischio è che si diffonda un sistema di sorveglianza.

Anticipare. Siamo al 1° febbraio 2022. Le Olimpiadi invernali di Pechino inizieranno tra tre giorni. Arrivando all’aeroporto, si scopre rapidamente che, in generale, né i commercianti cinesi né i trasporti pubblici accettano la carta di credito Visa o MasterCard. WeChat Pay e Alipay sono esclusi, in quanto non si dispone né di un numero di telefono né di un conto corrente bancario in Cina.

All’aeroporto, invece, le banche cinesi vi propongono un nuovo sistema semplicistico: scambiare, senza spese, i vostri dollari o i vostri euro durante il giorno con yuan virtuali. Basta scaricare l’applicazione creata a questo scopo dalla Banca Popolare Cinese o, ancora più semplice, attaccare un chip a un badge che si porta al collo o anche su uno dei guanti. Naturalmente la vostra foto sarà stata scannerizzata e, grazie all’onnipresente sistema di riconoscimento facciale, qualsiasi furto sarebbe stupido. Durante il vostro soggiorno in Cina, dal treno veloce che vi porterà al Villaggio Olimpico all’acquisto dell’immancabile mascotte – il panda Bing Dwen Dwen – per i vostri bambini, lo yuan virtuale vi libererà da ogni preoccupazione finanziaria.

Questo scenario non è pura finzione. Come uno sportivo prima di una gara, la Cina si è allenata e ha testato per alcuni mesi la sua moneta virtuale per essere pronta il 4 febbraio 2022. Già nel novembre 2020 la banca centrale cinese ha registrato 4 milioni di transazioni per un valore pari a 299 milioni di dollari (245 milioni di euro).

I CINESI SONO ABITUATI

A Shenzhen (sud-est) in ottobre, a Suzhou (est) in dicembre e, su scala minore, a Pechino e in altre città, centinaia di migliaia di cinesi fanno da cavie felici. A Shenzhen, in ottobre, 1,9 milioni di persone si sono offerte volontarie. Una lotteria elettronica ha distribuito 200 yuan (25 euro) a 50.000 di loro. Hanno effettuato poco più di 62.000 transazioni in circa 3.300 negozi autorizzati a incassare il resto per una settimana. Naturalmente può essere utilizzato per lo shopping online. A Suzhou, città di 10 milioni di abitanti, la banca centrale ha raddoppiato la quota: 100.000 abitanti hanno ricevuto 200 yuan da spendere tra l’11 e il 27 dicembre. E un’operazione simile è di nuovo in corso a Shenzhen fino al 17 gennaio.

A Pechino, alla fine di dicembre è stato attrezzato anche un caffè situato in un quartiere finanziario nel sud della capitale. Shen Xue, tre volte campione del mondo di pattinaggio artistico, ha scaricato l’applicazione nel nuovo aeroporto di Pechino Daxing e, grazie a un chip attaccato al suo guanto da sci, ha potuto acquistare un biglietto della metropolitana e recarsi in centro città.

Per i cinesi che sono abituati a pagare con il cellulare da anni, grazie ad Alipay (una divisione di Alibaba) o WeChat Pay (Tencent), scaricare e pagare con l’applicazione della Banca Popolare Cinese è assolutamente comune. Vedere l’effigie di Mao apparire di nuovo, come sulla carta moneta, porta anche un tocco vintage.

LA FINE DEL DUOPOLIO DI ALIBABA E TENCENT

Non è questo il punto. Vedendo i servizi della televisione cinese al supermercato Walmart di Suzhou su questi consumatori che, quando arrivano alla cassa elettronica, hanno la scelta tra Alipay, WeChat Pay e l’applicazione della banca centrale, è difficile non pensare che uno degli obiettivi della banca centrale sia quello di porre fine al duopolio. Insieme, i due giganti rappresentano il 94% dei pagamenti online del paese! Uno dei motivi della vergogna di Jack Ma, fondatore di Alibaba, sarebbe, secondo il Wall Street Journal, il rifiuto di trasmettere i dati raccolti sui consumatori alla Banca Popolare Cinese. Inoltre, a differenza degli operatori privati, questi ultimi non addebitano nulla ai commercianti.

Lanciati dopo sei anni di lavoro preparatorio, i test lanciati dalla banca centrale cinese sono, inoltre, sia tecnici – Pechino è alla ricerca di una tecnologia in grado di elaborare eventualmente 300.000 transazioni al secondo – sia psicologici. I cinesi accetteranno che le autorità controllino le loro spese in tempo reale?

Anche per la comunità internazionale la posta in gioco è alta. Circa dieci anni fa, i fondatori di Bitcoin, la prima moneta virtuale reale, volevano creare uno strumento monetario che non dipendesse più dalle banche centrali. Oggi la Cina sta realizzando un progetto diametralmente opposto. Qualsiasi altra valuta virtuale è vietata in Cina. “Non è come Bitcoin, non è oggetto di speculazione e, contrariamente al progetto di Facebook, questa moneta non è sostenuta da un paniere di valute”, ripetono più e più volte i funzionari cinesi. Il suo nome ufficiale è volutamente austero: Digital Currency Electronic Payment.

UNA BATTAGLIA IN ARRIVO

Gli occidentali si chiedono. Questa moneta virtuale “ha il potenziale per creare il più grande deposito di dati sulle transazioni finanziarie del mondo. E se da un lato può risolvere alcune sfide di governance finanziaria come il riciclaggio di denaro sporco, dall’altro potrebbe anche creare opportunità senza precedenti per la sorveglianza”, hanno scritto gli esperti di un think tank australiano, l’Australian Strategic Policy Institute, nell’ottobre 2020 in uno studio intitolato “The Downside of the People’s Bank of China’s Virtual Currency”. Per loro “non è assurdo ipotizzare che lo Stato-partito cinese incoraggerà o addirittura imporrà agli stranieri di utilizzare questa moneta virtuale in alcune transazioni internazionali come condizione di accesso al mercato cinese”.

Nell’emergente rivalità tra il dollaro e lo yuan, il primato della Cina nella moneta virtuale le permette di stabilire standard che potrebbero ispirare altri paesi. In alcuni scenari, potrebbe persino permettere al Regno di Mezzo e ad altri Paesi di sfuggire alle sanzioni statunitensi basate sull’uso del dollaro nelle transazioni con Stati paria come l’Iran o la Corea del Nord. Anche se la non convertibilità della moneta cinese rimane un grosso ostacolo alla sua internazionalizzazione, tutto è pronto per una battaglia a venire. Vi sono piaciuti i dibattiti intorno a Huawei? Vi piaceranno quelli sulla moneta virtuale cinese.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore