Energia

Vi dico che cosa succederà (forse) ai prezzi del petrolio

di

L’analisi dell’economista Alberto Clò tratta dalla rivista Energia

È bastato che il 22 aprile scorso all’annuncio americano dell’eliminazione delle deroghe alle sanzioni iraniane i prezzi registrassero un lieve sussulto da 72 a 74 dollari al barile, perché i gufi profetizzassero un’estate calda con prezzi a 85 dollari. Rimanendo però ancora una volta scornati.

Le quotazioni del greggio Brent dopo aver oscillato per un mese tra i 72 e 70 dollari hanno infatti preso a scendere per planare dal 3 giugno intorno a 61 dollari. Un calo di circa il 20%, tanto più sorprendente se si tiene conto dell’acuirsi delle tensioni geopolitiche.

In primis, le sanzioni americane all’Iran che a maggio ne hanno sostanzialmente azzerato le esportazioni, intorno un anno fa a 2,4 milioni barili al giorno. Fatto mai accaduto, nemmeno ai tempi della Rivoluzione Islamica nel 1980. Segno di una vittoria schiacciante di Donald Trump con nessun buyer – Cina ed India compresi – che si sia azzardato a sfidarlo. Con l’immediata risposta di Teheran che ha riavviato la produzione di centrifughe nucleari prendendo e ripreso ad accumulare materiale nucleare.

Iran, Arabia Saudita, Hormuz, Nord Africa, Venezuela sono tutte aree che attualmente presentano rischi o criticità sul lato dell’offerta

A rendere caldo il versante offerta hanno contribuito anche gli attacchi con l’uso di droni a quattro petroliere (due saudite, una norvegese, una degli emirati arabi) e ad una pipeline saudita da 2 mil. bbl/g (pare partiti dall’interno del paese) ed i rischi per le petroliere a superare lo Stretto di Hormuz – largo nel suo punto più stretto 21 miglia e nel tratto di navigazione 2 miglia in entrambe le direzioni – da cui transita giornalmente il 25% delle movimentazioni petrolifere mondiali. Impossibili da rimpiazzare. I punti di attacco sono numerosissimi così che difenderli è impossibile, nonostante la rafforzata presenza della flotta e degli armamenti americani.

Se alle tensioni medio-orientali aggiungiamo quelle in Nord Africa o in Venezuela la caduta dei prezzi sembra inspiegabile.

L’acuirsi dello scontro commerciale Stati Uniti-Cina è tra le ragioni di una revisione al ribasso delle prospettive di crescita economica mondiale

“La Storia mostra – scrive il Petroleum Intelligence Weekly del 24 maggio – che la volatilità dei prezzi è dovuta molto più al versante della domanda che dell’offerta”. A ben vedere, le prospettive della domanda per il 2019 sembravano deviare solo leggermente al ribasso dal profilo di crescita prima previsto (intorno a 1,3 mil.bbl/g), ma l’acuirsi dello scontro commerciale Stati Uniti-Cina, che colpisce beni per 260 miliardi dollari; lo stress macroeconomico in alcune aree (specie Argentina e Turchia); la crisi del settore automotive in Germania e altri fattori hanno portato il FMI a ridurre per il 2019 al 3,3% le previsioni di crescita mondiale rispetto al +3,9% di un anno fa.

Cruciale sarà l’andamento dell’economia cinese (che assorbe un terzo della maggior domanda di petrolio) prevista in leggera decrescita, dal 6,6% del 2018 al 6,3% del 2019, con una domanda di greggio e derivati prevista costante sui livelli dello scorso anno.

Il market sentiment non sembra riservare grandi preoccupazioni ai rischi di una minor offerta, quanto a quelli di una minor domanda

Quel che è mutato, sostiene il settimanale americano, è il market sentiment che non sembra riservare grandi preoccupazioni ai rischi di una minor offerta, come accadde un anno fa quando i prezzi schizzarono a 85 doll/bbl, rispetto a quelli di una minor domanda. Almeno per ora.

In un interessante articolo in uscita su Energia 2.19, Edward Morse e Francesco Martoccia sostengono che sul corso dei prezzi più che i tradizionali fondamentali di mercato contano sempre più altre variabili: dalle nuove tecnologie, ai crescenti rischi geopolitici, all’automazione dei processi di scambio, all’influenza sui mercati dei social media, a partire dai tweet di Donald Trump.

Determinanti a loro dire sono in particolare i mutamenti della tecnologia che hanno prodotto un duplice effetto:

(a) geopolitico: con la ridefinizione del rapporto triangolare tra Stati Uniti che, non più “prigionieri della geografia”, dall’essere il più grande paese importatore di petrolio ne sono divenuti il primo produttore; Arabia Saudita, ancora bisognosa del supporto militare di Washington; Russia alleata di Riyadh e dell’insieme dell’Opec nella gestione dell’offerta internazionale di petrolio;

(b) economico: con una straordinaria riduzione della curva dei costi marginali di produzione dovuta ad un parallelo aumento della produttività del capitale.

Conclusione: un range di prezzi tra 60 e 75 doll./bbl potrebbe essere accettabile ai tre leader del mercato pur nella diversità delle loro funzioni-obiettivo.

Esattamente l’intervallo di oscillazione dei prezzi osservato dalla fine dello scorso ottobre ad oggi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati