Advertisement
skip to Main Content

Chi spinge e chi frena in Europa sul nucleare. Report Ft

Nucleare

L’Ue è spaccata tra i membri pro-nucleare, guidati dalla Francia, e quelli pro-gas nel sud e nell’est. L’approfondimento del Financial Times

 

Bruxelles ritarderà le proposte tanto attese su come classificare l’energia nucleare e il gas naturale nel sistema di etichettatura di riferimento dell’UE per la finanza verde, poiché gli Stati membri richiedono regole più flessibili per aiutare a contrastare la crisi energetica del continente. Scrive il Financial Times.

Il commissario europeo per i servizi finanziari Mairead McGuinness ha dichiarato al Financial Times che Bruxelles impiegherà più tempo prima di decidere come affrontare le controverse fonti energetiche nell’ambito della cosiddetta “tassonomia sulla finanza sostenibile” prevista per questo autunno.

Il dibattito su come classificare il gas naturale a basse emissioni di carbonio e l’energia nucleare, che non produce CO2 ma i cui sottoprodotti di scarto sono tossici per l’ambiente, è stato sovralimentato dall’aumento dei costi dell’elettricità che ha spinto i governi dell’UE ad azioni finanziarie di emergenza per proteggere le famiglie.

I leader europei dovrebbero discutere la tassonomia e come mitigare l’impennata dei prezzi in un vertice a Bruxelles giovedì.

“Mentre arriviamo alla fine dell’anno ci sarà più pressione per risolvere la questione”, ha detto McGuinness. “Non abbiamo una soluzione pronta perché questa è, sia tecnicamente che politicamente… una di quelle questioni dove si hanno opinioni molto divise”.

I paesi europei pro-nucleare, guidati dalla Francia, e gli stati membri pro-gas nel sud e nell’est, chiedono che le regole della tassonomia non penalizzino le tecnologie che dicono essere vitali per assicurare la transizione verso emissioni nette zero.

I gruppi ambientalisti, tuttavia, vogliono che il sistema si attenga a criteri scientifici per garantire che le regole eliminino, piuttosto che incoraggiare, il cosiddetto “greenwashing” nel settore degli investimenti.

McGuinness ha dichiarato che è “ancora l’obiettivo” di proporre le regole entro la fine dell’anno. “Ma chi può sapere quali saranno i colpi di scena”, ha aggiunto, riferendosi alle elezioni nei paesi dell’UE e alle formazioni di governo che devono ancora essere stabilite. La Francia tiene le elezioni presidenziali il prossimo aprile, mentre in Germania tre partiti sono in trattative di coalizione. La proposta di tassonomia dovrà ottenere il sostegno degli stati membri e degli eurodeputati.

“Stiamo sentendo i cittadini e le imprese parlare di costi energetici più alti e di mantenere le luci accese. Dobbiamo assicurarci di non creare paure che questa transizione sia un problema, perché la transizione è la soluzione”, ha detto.

La crisi energetica europea è l’ultima sfida alla credibilità del sistema di etichettatura verde dell’UE che è stato progettato per essere un “gold standard” per gli investitori per sapere cosa conta come attività economica veramente sostenibile.

Ma le regole sono state impantanate nella controversia, dato che Bruxelles lotta per bilanciare la scienza con delicate decisioni politiche sull’opportunità di assegnare ad alcune attività la più alta etichetta verde, penalizzando quelle che non lo sono.

Dieci paesi, tra cui Francia, Finlandia, Polonia e Ungheria questa settimana hanno detto che è “assolutamente necessario che l’energia nucleare sia inclusa nel quadro della tassonomia”.

McGuinness ha detto che rimane una “questione aperta” se l’etichetta verde sarà ampliata per “accogliere il nucleare e il gas”. Ha detto che i possibili compromessi includono la creazione di un’etichetta “ambrata” per le attività che non hanno ottenuto l’etichetta verde, ma che si assicurerebbero comunque un posto nella transizione del blocco e non scoraggerebbero gli investimenti del settore privato.

La commissione sta anche esplorando come ridefinire le cosiddette attività di transizione che hanno un minore impatto ambientale per evitare che la tassonomia diventi “troppo binaria”, ha detto McGuinness.

“Se tutto il denaro fluisce verso le [attività] verdi oggi, ci saranno vagonate di soldi che non avranno un ambito in cui andare. Avremo fatto zero differenza nel nostro movimento verso la neutralità del clima”.

La tassonomia è diventata una prima cartina di tornasole degli ambiziosi obiettivi climatici dell’UE, che prevedono che il blocco riduca le emissioni medie di carbonio del 55 per cento nel 2030 (rispetto ai livelli del 1990).

Le regole sono osservate da vicino dagli investitori e dalle autorità di regolamentazione negli Stati Uniti e nel Regno Unito, che hanno anche detto di voler creare i loro propri sistemi di classificazione. All’interno dell’UE, la tassonomia sarà usata per giudicare se gli investimenti fatti dagli stati membri sono veramente verdi e costituirà la base per un “green bond standard” dell’UE che sarà usato per emettere 250 miliardi di euro di debito sostenibile nell’ambito del fondo di recupero del blocco.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore