Advertisement skip to Main Content

Dazi

Tutte le prossime mosse degli Usa sull’uranio

Dopo il ban all'uranio russo, gli Stati Uniti vogliono incentivare lo sviluppo di una filiera nazionale del combustibile nucleare. Ecco come. L'articolo di Giuseppe Gagliano.

Secondo quanto dichiarato dalla Reuters, è stato firmato dal presidente Biden un pacchetto di misure storiche volte a rafforzare la sicurezza energetica ed economica della nazione, con l’obiettivo di ridurre e, infine, eliminare la dipendenza dagli approvvigionamenti di uranio russo per l’energia nucleare civile.

Con i 2,72 miliardi di dollari di fondi federali recentemente approvati dal Congresso su iniziativa del Presidente, verranno sviluppate nuove capacità di arricchimento negli Stati Uniti, mandando un segnale forte all’industria sul serio impegno nel sostegno alla crescita a lungo termine del settore nucleare. La legge si allinea inoltre con gli obiettivi multilaterali stabiliti con alleati e partner, come evidenziato dalla promessa fatta lo scorso dicembre insieme a Canada, Francia, Giappone e Regno Unito di investire collettivamente 4,2 miliardi di dollari per espandere le capacità di arricchimento e conversione nei rispettivi paesi.

Il “Prohibiting Russian Uranium Imports Act” è una testimonianza dell’impatto e dell’innovazione che possono derivare dalla cooperazione bipartisan. Si riconosce il sostegno continuo del Congresso verso l’energia nucleare civile, considerata componente essenziale nella costruzione di un’economia più pulita negli Stati Uniti. Sotto la guida del presidente Biden, si continuerà a lavorare congiuntamente per avanzare sia gli imperativi nazionali sia quelli internazionali, puntando a un futuro energetico più sicuro e sostenibile.

Tutto ciò rappresenta la logica coerenza di quanto stabilito dal Congresso degli Stati Uniti che ha visto l’approvazione di una nuova legislazione, notevole per il suo impatto e la sua tempestività, che vieta l’importazione di uranio a basso arricchimento proveniente dalla Federazione Russa.

Introdotta dal rappresentante Cathy McMorris Rodgers il 14 febbraio 2023 e ratificata dal presidente il 13 maggio 2024, questa legge rappresenta un passo decisivo nel rafforzare l’indipendenza energetica e la sicurezza nazionale degli Stati Uniti. La “Legge che Proibisce le Importazioni di Uranio dalla Russia” (HR1042) modifica la sezione 3112A dell’USEC Privatization Act, introducendo misure restrittive sull’importazione di uranio non irradiato a basso arricchimento dalla Russia. Tali restrizioni prevedono un divieto assoluto che entra in vigore 90 giorni dopo la promulgazione della legge, con alcune eccezioni e potenziali deroghe se determinate condizioni sono soddisfatte, come la necessità di sostenere il funzionamento continuato delle centrali nucleari o per motivi di interesse nazionale.

Le limitazioni specificate sono impostate per diminuire gradualmente fino al 31 dicembre 2027, con quantità massime autorizzate che si riducono anno dopo anno. Questa programmazione mostra l’intento di permettere un adeguamento progressivo dell’industria, minimizzando al contempo l’impatto sulla capacità produttiva nazionale. La nuova normativa include anche disposizioni per la gestione e l’amministrazione di queste importazioni, affidando al Segretario del Commercio la responsabilità di monitorare e applicare le restrizioni. Un ulteriore articolo stabilisce che la legge terminerà il 31 dicembre 2040, fornendo un quadro a lungo termine per la politica energetica americana riguardante l’uranio.

In conclusione, HR1042 non solo dimostra l’impegno degli Stati Uniti nel distaccarsi dalle risorse energetiche russe in risposta alle dinamiche geopolitiche correnti, ma stabilisce anche un precedente significativo per future politiche energetiche. Questo atto legislativo segna un momento importante nella storia legislativa americana, sottolineando l’importanza della sicurezza nazionale combinata con la sostenibilità e l’indipendenza energetica.

Back To Top