skip to Main Content

Trump promuove le rinnovabili in extremis? L’ipotesi del New York Times

Trump

Il pacchetto di aiuti sulla scrivania del presidente Trump contiene incentivi alle rinnovabili e limitazioni d’uso alle sostanze chimiche dannose per il clima. L’approfondimento del New York Times

 

Negli ultimi giorni del 116° Congresso, i legislatori hanno autorizzato 35 miliardi di dollari di spesa per l’energia eolica, solare e altre fonti di energia pulita, limitando al contempo l’uso di una potente sostanza chimica che riscalda il pianeta usata nei condizionatori d’aria e nei frigoriferi. Entrambe le misure, sostenute da alcuni dei più potenti repubblicani del Senato, erano collegate all’enorme pacchetto di spesa governativa e di aiuti per il coronavirus che dovrebbe arrivare alla scrivania del presidente Trump all’inizio di questa settimana, creando di fatto la prima legge significativa sul cambiamento climatico almeno dal 2009 – scrive il NYT.

Il senatore Chuck Schumer di New York, il leader democratico, ha definito lo sforzo “la più grande vittoria nella lotta contro il cambiamento climatico in un decennio”.

Anche il senatore John Barrasso, repubblicano del Wyoming e uno dei principali oppositori della maggior parte delle politiche sul cambiamento climatico, ha festeggiato: “Questo accordo protegge sia i consumatori americani che le imprese americane”, ha detto. “Possiamo avere aria pulita senza danneggiare la nostra economia”.

I sostenitori della politica del cambiamento climatico hanno detto che l’approvazione delle misure climatiche – in particolare i limiti sui refrigeranti – potrebbe segnalare al resto del mondo che gli Stati Uniti sono pronti a ricongiungersi allo sforzo globale per rallentare il riscaldamento del pianeta. La riduzione graduale dei refrigeranti sarebbe una delle politiche federali più significative mai adottate per ridurre le emissioni di gas serra, secondo un’analisi del Rhodium Group, una società di ricerca e consulenza.

Entro il 2035, la legge contribuirebbe ad evitare l’equivalente di 949 milioni di tonnellate di anidride carbonica, secondo le stime del gruppo, che ha una portata simile a quella delle emissioni supplementari previste dalla politica climatica del signor Trump sull’inquinamento dei veicoli e sul metano dovuto alle operazioni di petrolio e gas.

Biden si è impegnato a mettere in atto l’agenda più ambiziosa in materia di cambiamenti climatici da parte di un presidente. Nel giorno dell’inaugurazione dovrebbe aderire formalmente all’accordo di Parigi, il patto del 2015, in base al quale quasi tutti i Paesi hanno accettato di ridurre le emissioni di gas serra. Trump ha formalmente ritirato gli Stati Uniti dall’accordo a novembre. Biden si è anche impegnato ad ospitare un summit globale sul clima a Washington nei primi 100 giorni della sua amministrazione.

Il disegno di legge per la riduzione dei refrigeranti che riscaldano il pianeta “è la cosa più importante, insieme al ritorno a Parigi, che possono mostrare nei primi 100 giorni”, ha detto Durwood Zaelke, presidente dell’Institute of Governance and Sustainable Development, un’organizzazione di ricerca. “Questa è una delle prime mostre di successo”.

La nuova legislazione richiederebbe ai produttori di prodotti chimici della nazione di ridurre gradualmente la produzione e l’uso di refrigeranti chiamati idrofluorocarburi, o HFC. Sono una piccola percentuale di gas serra nell’atmosfera, rispetto all’anidride carbonica dei combustibili fossili che alimentano i veicoli, le centrali elettriche e le fabbriche, ma hanno una potenza di 1.000 volte superiore a quella dell’anidride carbonica.

In un accordo del 2016 firmato a Kigali, in Ruanda, negli ultimi giorni dell’amministrazione Obama, 197 nazioni hanno accettato di eliminare gradualmente gli HFC a favore di alternative meno pericolose per il clima. L’accordo di Kigali era un emendamento al Protocollo di Montreal, l’importante trattato del 1987 per chiudere il buco nell’ozono.

Una volta che l’emendamento di Kigali sarà attuato da tutte le nazioni, gli scienziati dicono che eviterà un aumento delle temperature atmosferiche di quasi un grado Fahrenheit. Questo sarebbe un passo importante per evitare un aumento della temperatura atmosferica di 3,6 gradi Fahrenheit, il punto in cui molti esperti pensano che il mondo sarà bloccato in un futuro di innalzamento del livello del mare, gravi siccità e inondazioni, una diffusa carenza di cibo e acqua e uragani più potenti. Ma l’amministrazione Trump non ha mai ratificato il patto di Kigali, e ha invece proposto di revocare i regolamenti federali che limitano l’uso degli HFC negli Stati Uniti.

Ora, Trump sta per firmare un disegno di legge che richiederà agli Stati Uniti di seguire i termini dell’accordo di Kigali, che richiede alle aziende di ridurre gradualmente la produzione e il consumo di HFC a circa il 15 per cento dei livelli del 2012 entro il 2036. La riduzione graduale sarà amministrata dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente.

I principali negoziatori statunitensi dell’emendamento di Kigali sono stati John Kerry, l’ex segretario di stato, e Gina McCarthy, l’ex amministratore dell’E.P.A., entrambi nominati consiglieri climatici della Casa Bianca.

Anche in un’amministrazione Biden, non è certo che gli Stati Uniti ratificheranno il patto di Kigali, perché per farlo sarebbe necessaria una maggioranza di due terzi dei voti in Senato. Ma la nuova legge metterebbe gli Stati Uniti in regola, a prescindere.

“Questo dà il via libera a Kigali per entrare in azione”, ha detto Frank V. Maisano, un direttore dello studio legale Bracewell, che rappresenta le aziende chimiche.

Le aziende chimiche americane sono state in realtà tra i più forti sostenitori del patto di Kigali e del disegno di legge sugli HFC, perché la maggior parte già produce i sostituti degli HFC più rispettosi del clima e un phaseout li metterebbe in una posizione di vantaggio competitivo rispetto ai produttori della vecchia tecnologia.

Stephen Yurek, l’amministratore delegato dell’Istituto per la climatizzazione, il riscaldamento e la refrigerazione, un gruppo industriale, era a Kigali quattro anni fa per spingere per l’accordo. Negli ultimi due anni ha passato gli ultimi due anni a fare pressione sui legislatori di Capitol Hill per farla diventare legge.

“Le aziende statunitensi sono già leader con la tecnologia che è stata sviluppata per sostituire i refrigeranti meno ecologici”, ha detto. “Questo disegno di legge è una vittoria per i produttori di tutti questi prodotti – non solo per i refrigeranti, ma anche per i produttori di attrezzature e componenti”, ha detto.

Il signor Yurek ha detto che la sua industria si è anche preoccupata del fatto che almeno otto stati hanno approvato leggi proprie che richiedono riduzioni di HFC e che creano un mosaico di regole, “il che rende le cose più difficili per i produttori”.

La spinta dell’industria ha portato con sé i repubblicani del Senato, almeno 16 dei quali hanno firmato come sponsor della legislazione, che è stata scritta congiuntamente dal senatore Thomas Carper del Delaware, il democratico in carica nella commissione per l’ambiente e i lavori pubblici del Senato, e dal senatore John Kennedy, repubblicano della Louisiana. Lo stato del signor Kennedy ospita centinaia di impianti di produzione di prodotti chimici; egli ha incorniciato la legge come creatore di posti di lavoro per queste aziende.

“Per creare migliaia di posti di lavoro, risparmiare miliardi di dollari e salvaguardare l’ambiente, dobbiamo investire in alternative agli HFC”, ha detto.

I gruppi ambientalisti hanno scelto di leggere grandi cose in quel sostegno repubblicano, anche se potrebbe non concretizzarsi intorno a progetti di legge che si oppongono fermamente ad altre industrie, in particolare alle compagnie petrolifere e del gas.

“Gli elettori vogliono un’azione sul clima, e anche alcuni repubblicani vogliono un’azione sul clima, e i repubblicani in testa a questo accordo sugli HFC stanno iniziando a capirlo”, ha detto Matthew Davis, direttore legislativo della Lega degli elettori per la conservazione.

Oltre al disegno di legge HFC, il pacchetto più ampio comprendeva un disegno di legge bipartisan sulle energie rinnovabili, co-sponsorizzato dalla senatrice Lisa Murkowski dell’Alaska, e da Joe Manchin III della West Virginia, presidente e presidente della commissione per l’energia del Senato.

Il disegno di legge non si approprierebbe di alcuna nuova spesa governativa, ma autorizzerebbe 35 miliardi di dollari di finanziamenti governativi esistenti da spendere per programmi di energia pulita nei prossimi cinque anni, tra cui 1 miliardo di dollari per la tecnologia di stoccaggio dell’energia che potrebbe servire come batterie per l’energia eolica e solare, 1,5 miliardi di dollari per progetti dimostrativi per la nuova tecnologia solare, 2,1 miliardi di dollari per la tecnologia avanzata dell’energia nucleare e 450 milioni di dollari per la tecnologia per rimuovere l’anidride carbonica dall’atmosfera.

Il disegno di legge darebbe anche l’incarico alle agenzie federali di aggiornare i programmi governativi che sovrintendono alla spesa per le energie rinnovabili.

“Alcuni di questi saranno i primi aggiornamenti di questi programmi da quando l’iPhone è stato utilizzato per la prima volta”, ha detto Josh Freed, un analista delle politiche energetiche di Third Way, un’organizzazione di ricerca di centro-sinistra. “E’ di fondamentale importanza perché i sistemi energetici avevano un aspetto molto diverso 10 anni fa. Non c’erano quasi nessun veicolo elettrico sulla strada, pochissimi pannelli solari sui tetti, Tesla non esisteva”.

Il signor Yurek, il lobbista dell’industria dei refrigeranti, ha detto di essere riluttante a usare anche solo la parola “clima” quando parla del progetto di legge, per paura che il Trump ponga il veto a qualsiasi legislazione che sia vista come una spinta all’agenda di Biden.

“Non volevamo dargli alcuna scusa per non firmarla”, ha detto il signor Yurek.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore