skip to Main Content
ads

Petrolio, gas e carbone da record nonostante la transizione ecologica. Report Nyt

Petrolio Russo

I prezzi del petrolio sono al livello più alto da sette anni, l’Europa è alle prese con una crisi del gas e la domanda di carbone è record. L’approfondimento del New York Times

Mentre i leader mondiali hanno giurato di ridurre l’uso dei combustibili fossili per contribuire a tenere sotto controllo il riscaldamento globale, un drastico sconvolgimento nei mercati del petrolio, del gas naturale e del carbone potrebbe complicare il passaggio a fonti di energia più pulite.

I prezzi globali del petrolio sono saliti al livello più alto degli ultimi sette anni, vicino ai 90 dollari al barile, mentre crescono i timori di un’invasione russa dell’Ucraina. L’Europa è alle prese con una grave crisi del gas naturale che ha scosso i mercati energetici di tutto il mondo. E la domanda globale di carbone, il più sporco di tutti i combustibili fossili, è salita a livelli record mentre le economie rimbalzano dai minimi pandemici.

La questione ha un significato più ampio, hanno affermato gli esperti di energia. Anche se i governi e le imprese investono in fonti di energia a basse emissioni di carbonio come l’energia eolica e solare, il mondo rimarrà profondamente dipendente dai combustibili fossili per gli anni a venire. A meno che la transizione non sia gestita con attenzione, molti paesi potrebbero affrontare prezzi energetici volatili e altre interruzioni che, a loro volta, minacciano di minare il sostegno alle politiche per ridurre le emissioni di gas serra.

Ecco quattro grandi tendenze da tenere d’occhio – illustra il NYT.

Prezzi del petrolio più alti, più trivellazioni?

Dopo che la pandemia di coronavirus ha colpito nel 2020, gli investimenti globali in progetti di petrolio e gas sono diminuiti del 30% e sono stati lenti a riprendersi. Ma la domanda globale di petrolio è tornata più velocemente e si prevede che quest’anno raggiunga i record, con il rimbalzo delle economie. Le forniture hanno faticato a tenere il passo.

Oltre a questo, le recenti turbolenze geopolitiche – comprese le interruzioni di fornitura in Kazakistan e i timori di un’invasione russa dell’Ucraina – hanno fatto salire i prezzi del petrolio ai livelli più alti dal 2014.

Anche se le compagnie petrolifere occidentali hanno perforato meno pozzi dall’inizio della pandemia, in parte trattenute dagli investitori diffidenti dei progetti non redditizi, i prezzi elevati potrebbero modificare quel calcolo. Martedì, Exxon Mobil ha annunciato che avrebbe aumentato la spesa per nuovi pozzi di petrolio e altri progetti fino al 45% quest’anno dopo aver riportato 23 miliardi di dollari di profitti per il 2021, il suo miglior risultato in sette anni.

Carbon Tracker, un think tank con sede a Londra, ha avvertito la scorsa settimana che i prezzi del petrolio più alti potrebbero portare le compagnie energetiche a investire miliardi in nuovi progetti di perforazione che potrebbero minare gli sforzi internazionali per combattere il cambiamento climatico.

Negli Stati Uniti, l’aumento dei prezzi della benzina – attualmente in media 3,40 dollari al gallone, un dollaro in più rispetto a un anno fa – è stato un freno all’indice di approvazione del presidente Biden, che sta lottando per convincere il Congresso ad approvare politiche climatiche volte a ridurre le emissioni dei combustibili fossili.

Allo stesso tempo, l’amministrazione Biden ha difeso le mosse per rilasciare nuovi permessi di petrolio e gas sulle terre pubbliche, anche se questi sforzi sono stati rallentati dai tribunali federali.

Ma gli alti prezzi del petrolio non sono sempre una cattiva notizia per l’energia pulita. Possono anche deprimere la domanda di petrolio, per esempio, spingendo le persone a comprare veicoli elettrici che non richiedono benzina. L’anno scorso, le auto elettriche hanno costituito il 20% di tutte le nuove vendite in Europa e il 15% delle nuove vendite in Cina, secondo BloombergNEF, un gruppo di ricerca.

La carenza di gas scuote l’Europa

Negli ultimi mesi, il mondo ha lottato con l’aumento dei prezzi del gas naturale, un combustibile utilizzato sia nelle centrali elettriche che nel riscaldamento domestico, che ha causato effetti a catena in tutto il mondo. Le bollette sono salite dall’Italia alla Corea del Sud, mentre gli impianti di fertilizzanti in Gran Bretagna e Germania hanno dovuto ridurre le operazioni. (Il gas naturale è un ingrediente chiave nei fertilizzanti a base di azoto).

Le cause della crisi del gas sono numerose: La domanda globale è rimbalzata più velocemente dell’offerta dall’inizio della pandemia; una minore produzione di dighe idroelettriche in Cina e Brasile ha portato a un’impennata delle importazioni di gas; un’ondata di freddo la scorsa primavera in Europa ha aumentato la domanda e ridotto le scorte di gas.

La crisi è particolarmente acuta in Europa, dove i prezzi del gas naturale sono ora cinque volte più alti di un anno fa. I funzionari stanno correndo per procurarsi nuove spedizioni di gas da oltreoceano nel caso in cui la Russia, che fornisce un terzo del gas naturale europeo, riduca le forniture in caso di un conflitto sull’Ucraina. Ci sono anche segni che la crisi del gas potrebbe minare l’unità all’interno dell’Unione europea sulle politiche per combattere il cambiamento climatico.

I funzionari stanno attualmente discutendo una nuova serie di misure di energia pulita che mirano a tagliare le emissioni entro il 2030. Alcune nazioni, come la Spagna, hanno chiesto un passaggio più veloce dai combustibili fossili per ridurre l’esposizione dell’Europa ai mercati del gas. Ma altri, come la Polonia, hanno sollecitato un ritardo nell’azione climatica più severa in mezzo alla crisi.

E c’è la possibilità che l’impennata dei prezzi dell’energia possa favorire disordini simili alle proteste dei “gilet gialli” del 2018, che hanno costretto il governo francese a fare marcia indietro sui piani per aumentare le tasse sul carburante come modo per ridurre le emissioni.

Il carbone raggiunge livelli record

In tutto il mondo, l’aumento dei prezzi del gas naturale ha dato una spinta al carbone, che produce tipicamente il doppio di anidride carbonica rispetto al gas quando viene bruciato per l’elettricità, facendo aumentare le emissioni che riscaldano il pianeta.

Il consumo globale di carbone ha raggiunto un record nel 2021 ed era sulla buona strada per aumentare ulteriormente nel 2022, ha detto recentemente l’Agenzia Internazionale dell’Energia. Questo in parte perché la domanda di elettricità sta aumentando in paesi come la Cina e l’India, e gli investimenti nelle energie rinnovabili non hanno tenuto il passo. Ma gli alti prezzi del gas naturale hanno anche spinto molte compagnie elettriche a rivolgersi al carbone.

Gli Stati Uniti ne sono un esempio. Nell’ultimo decennio, poiché i progressi nel fracking hanno portato a un boom della produzione interna di gas, il paese è diventato uno dei più grandi esportatori al mondo di gas naturale liquefatto.

Queste esportazioni sono diventate una fonte chiave di approvvigionamento globale durante l’ultima crisi. Ma hanno anche aumentato i prezzi del gas naturale in patria, il che a sua volta significa che alcuni servizi pubblici stanno trovando economico far funzionare le loro centrali a carbone più spesso. L’anno scorso, le emissioni di energia da carbone degli Stati Uniti sono aumentate del 17% dopo anni di calo costante, mettendo il paese ancora più lontano dal raggiungimento dei suoi obiettivi climatici.

“Illustra davvero quanto siamo dipesi dai prezzi economici del gas naturale per mantenere il carbone in declino”, ha detto Kate Larsen, un partner del Rhodium Group, una società di ricerca. “Nel complesso, ci aspettiamo ancora un ulteriore declino del carbone nei prossimi anni, ma a meno che non ci siano nuove politiche messe in atto per ripulire il settore energetico, l’industria del carbone potrebbe vedere un po’ di vita se ci sono grandi oscillazioni nel mercato del gas”.

Una transizione accidentata

In un recente intervento, Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Agenzia Internazionale dell’Energia, ha sostenuto che le politiche sul cambiamento climatico non sono da biasimare per l’attuale crisi energetica globale. Ma, ha avvertito, “questo non significa che la strada verso le emissioni nette zero sarà liscia”.

Un problema, ha detto, è che mentre molti paesi hanno tagliato gli investimenti in combustibili fossili come il petrolio e il gas negli ultimi anni, la domanda di energia è ancora in aumento, e le nazioni non hanno speso abbastanza per fonti più pulite come l’energia eolica, solare o nucleare per colmare il divario. Se il mondo vuole limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius sopra i livelli preindustriali – un obiettivo che molti leader hanno approvato per evitare le peggiori conseguenze del cambiamento climatico – gli investimenti globali in energia pulita dovrebbero triplicare dai livelli attuali entro il 2030.

Birol ha anche notato che, poiché molti paesi rimarranno dipendenti dai combustibili fossili per gli anni a venire, avranno bisogno di prendere misure per prepararsi alle interruzioni del mercato, come un migliore stoccaggio di gas in Europa o misure di efficienza energetica che possono smussare i danni dell’aumento dei prezzi. “Questo deve accadere rapidamente”, ha scritto, “o i mercati energetici globali dovranno affrontare un periodo turbolento e volatile”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore