skip to Main Content

Tesla-SolarCity: al via i primi (grandi) progetti

Tesla

Tesla e SolarCity hanno ufficializzato la fusione delle due aziende, ma i progetti green sono già partiti. L’isola di Ta’u, nelle Samoa Americane è completamente rinnovabile 

Solo qualche giorno fa, Tesla ha completato, nonostante il disappunto dei mercati, l’acquisizione di SolarCity, prima azienda americana per installazione di pannelli fotovoltaici. La casa automobilistica fornirà non solo auto elettriche, ma energia pulità per la casa. Partiamo dall’inizio.

L’acquisizione di SolarCity

Nei giorni scorsi i membri del consiglio di amministrazione di Tesla sono stati chiamati a decidere sull’acquisizione di Solarcity. L’85% si è espresso in modo favorevole concludendo un percorso di fusione annunciato già a maggio scorso e finalizzato ad agosto 2016. Elon Musk non ha partecipato alla votazione: il ceo di Tesla, infatti, in quanto detiene il 20% circa del pacchetto azionario delle due aziende e ricopre la carica di presidente in SolarCity.

Tesla, per acquisire SolarCity ha messo sul piatto circa due miliardi di dollari. Non solo: l’azienda di Elon Musk si farà carico anche dei tre miliardi di debiti accumulati dalla società acquisita.

I nuovi progetti: il tetto solare di Tesla

La collaborazione tra le due aziende non ha dovuto, certo, aspettare che si completassero le pratiche per la fusione.

TeslaL’ingresso di Tesla nel mondo delle energie rinnovabili è stato annunciato qualche settimana fa, quando la casa automobilistica ha presentato Solar Roof, una struttura composta da pannelli solari di tipo fotovoltaico, che si mimetizzano sul tetto della casa. Il pannello sarà proposto in quattro differenti versioni, provando a soddisfare tutti i gusti, e ad un prezzo inferiore rispetto a quello dei tetti più comuni. Solar Roof è resistente ad acqua, neve, ghiaccio, grandine e a tutto ciò che può creare problemi agli impianti fotovoltaici attualmente presenti sul mercato.

Un mondo alimentato ad energia rinnovabile

La visione di Elon Musk, che con l’acquisizione di Solar City prova a lanciarsi in nuovi mercati, esplorando nuovi orizzonti, va ben oltre il tetto solare della casa. Il Ceo di Tesla, infatti, vuole dar vita ad un sistema integrato in cui le batterie delle auto potranno essere ricaricate e potranno ricaricare la casa.

Ma non solo. Elon Musk vorrebbe un mondo alimentato da sola energia rinnovabile. Non sarà certo facile dire addio alle fonti fossili, ma l’idea di Musk non è così utopistica, almeno se si guarda alle isole di Ta’u, nelle Samoa Americane. Qui Tesla ha dato vita ad un progetto per rendere tutte le abitazioni e le strutture locali energeticamente indipendenti: l’azienda ha realizzato un impianto da 1,4 Megawatt composto da 5.328 pannelli e da 60 Powerpack dedicati allo stoccaggio, che saprà compensare anche all’assenza completa di Sole, per tre giorni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore