skip to Main Content

Cosa fanno gli Usa per ridurre la dipendenza dalla Cina per le batterie

Batterie

Negli Stati Uniti sta nascendo una promettente industria delle batterie per i veicoli elettrici. L’approfondimento del Financial Times

Per gran parte del secolo scorso, un piccolo angolo della Carolina del Nord ha fornito la maggior parte del litio mondiale, prima che la concorrenza estera, più economica, gli togliesse la corona. Scrive il Financial Times.

Ora gli investimenti stanno tornando nella regione. Questa settimana il gruppo chimico Livent ha completato l’espansione di una raffineria di idrossido di litio a Bessemer City, nella Carolina del Nord. Il progetto ha aumentato per la prima volta in oltre un decennio la capacità produttiva statunitense del composto utilizzato nelle batterie agli ioni di litio che alimentano i veicoli elettrici.

Il litio non è l’unica parte della catena di fornitura delle batterie a ricevere un imminente afflusso di investimenti. Mentre gli Stati Uniti cercano di costruire un ecosistema EV dalle fondamenta e di sottrarre il controllo del mercato alla Cina, il denaro si sta riversando su tutto, dagli impianti di grafite alle raffinerie di cobalto, fino alle gigafabbriche di batterie.

Le aziende si stanno posizionando per rifornire un mercato EV destinato al boom, con le vendite statunitensi che si prevede raddoppieranno a quasi 2,5 milioni di veicoli entro il 2025, secondo la società di consulenza Rho Motion. Il presidente Joe Biden vuole che la metà di tutte le vendite di veicoli negli Stati Uniti sia elettrica entro il 2030.

“Non c’è bisogno di essere coraggiosi o ambiziosi per dire: ‘Svolgeremo un ruolo in questa crescita futura’”, ha dichiarato Paul Graves, amministratore delegato di Livent.

Biden ha dato il peso del governo alla creazione di una catena di fornitura di batterie negli Stati Uniti per raggiungere il triplice obiettivo di combattere il cambiamento climatico, aumentare i posti di lavoro nel settore manifatturiero e ridurre la dipendenza dalla Cina, che domina il mercato.

Ad agosto ha firmato la più grande legge sul clima del Paese. L’Inflation Reduction Act fornirà lucrosi incentivi fiscali alle aziende che sviluppano miniere, impianti di lavorazione, impianti di batterie e fabbriche di veicoli elettrici negli Stati Uniti.

Secondo Benchmark Mineral Intelligence, la legge ha stimolato l’interesse per le forniture di batterie negli Stati Uniti, con aziende che hanno impegnato circa 13,5 miliardi di dollari di investimenti da quando è stata promulgata, rispetto ai 7,5 miliardi di dollari dei tre mesi precedenti. Gli analisti di Cowen stimano che nei prossimi dieci anni l’industria delle batterie del Paese riceverà più di 91 miliardi di dollari grazie a questa legge.

“Mentre prima si prendeva in considerazione l’industria manifatturiera nazionale per una serie di motivi, ora i crediti la rendono potenzialmente più attraente di qualsiasi altra”, ha dichiarato Sarah Morgan, co-responsabile della pratica M&A e mercati dei capitali presso lo studio legale Vinson and Elkins.

Il governo ha preso anche altre misure per promuovere lo sviluppo delle batterie EV. Nell’ambito della legge bipartisan sulle infrastrutture, approvata lo scorso anno, gli Stati Uniti hanno erogato 2,8 miliardi di dollari di sovvenzioni a circa 20 aziende per sostenere la costruzione di qualsiasi cosa, dalle raffinerie di litio agli impianti di produzione di grafite. Secondo le stime del governo, questo investimento totale ammonterà a 9 miliardi di dollari, se combinato con i fondi del settore privato.

Tra i beneficiari figurano i gruppi chimici Solvay e Orbia, che hanno in programma la costruzione di un impianto di fluoruro di polivinilidene da 850 milioni di dollari in Georgia entro il 2026. Il materiale sarà utilizzato come legante per gli ioni di litio e come rivestimento per i separatori delle batterie, fornendo agli Stati Uniti un altro anello nella complessa catena di fornitura dei veicoli elettrici.

“È arrivato il momento per gli Stati Uniti”, ha dichiarato Ilham Kadri, amministratore delegato di Solvay, al Financial Times. Ha aggiunto che gli Stati Uniti sono stati molto più aggressivi dell’Europa nel sostenere una catena di fornitura locale di batterie. “Dal punto di vista geopolitico, la differenza è che loro sostengono la produzione e la localizzazione”.

Biden ha inquadrato la sua spinta ecologica come un modo per affrontare il cambiamento climatico, creare posti di lavoro a livello nazionale e competere con la Cina, che oggi è l’attore dominante nella catena globale di fornitura delle batterie.

La Cina ospita più della metà della capacità di raffinazione di litio, cobalto e grafite del mondo. Secondo gli analisti di Cowen, la Cina possiede il 75% della capacità di produzione di catodi, l’85% di quella di anodi e il 73% di quella di celle.

“Con i suoi sussidi e le sue pratiche commerciali sleali, la Cina si è impossessata di una parte significativa del mercato”, ha dichiarato Biden il mese scorso. “Oggi stiamo facendo un passo avanti per riprendercelo [con] obiettivi e azioni coraggiose per assicurarci di tornare in gioco alla grande”.

Per ridurre la dipendenza degli Stati Uniti dalla Cina per il cobalto, il promotore del progetto EVelution Energy sta costruendo una raffineria da 150-200 milioni di dollari in Arizona, in grado di soddisfare il 40% del fabbisogno della produzione nazionale di veicoli elettrici entro il 2027.

Socrates Economou, responsabile del trading di nichel e cobalto di Trafigura, ha affermato che i 7,5 miliardi di dollari di finanziamenti previsti dall’Inflation Reduction Act per i crediti d’imposta, equivalenti a 1 milione di veicoli elettrici con un sussidio totale di 7.500 dollari per auto, inviano un messaggio forte alle aziende automobilistiche e ai loro fornitori, ma che qualsiasi impatto tangibile richiederà tempo.

“Come dichiarazione iniziale, l’IRA sottolinea qual è l’obiettivo dell’America. Premierà la fornitura di prodotti raffinati che non passano attraverso la Russia o la Cina. Vedremo una maggiore capacità di raffinazione in Occidente, ma non potrà accadere entro due o tre anni”.

Le regole di approvvigionamento interno di materie prime e componenti previste dalla legge hanno scatenato tensioni commerciali con l’alleato Corea del Sud e con l’UE, che ha sostenuto che i crediti d’imposta violano le regole dell’Organizzazione Mondiale del Commercio.

Alcuni sostengono che la forza della domanda avrebbe attirato denaro nel settore anche senza il sostegno del governo. “Molte decisioni di investimento sono state prese quattro anni fa”, ha detto Graves della Livent. “Penso che siano precedenti agli sforzi del governo statunitense di farsi coinvolgere”.

Secondo Cowen, gli Stati Uniti dovrebbero disporre di circa 920 gigawattora di capacità produttiva annuale di batterie entro il 2031, anno in cui scadranno i crediti d’imposta IRA. Le gigafabbriche europee sono sulla buona strada per raggiungere una capacità totale di 1.186 GWh entro quella data. Ma la Cina è ancora destinata a dominare il settore, con una capacità di 5.153 GWh.

Secondo i dati di S&P Global Commodity Insights, solo quest’anno sono stati annunciati 338 GWh di nuova capacità produttiva di batterie negli Stati Uniti, più degli ultimi quattro anni messi insieme.

Con l’approvazione dell’IRA e della legge sulle infrastrutture, “l’amministrazione Biden ha praticamente preso il toro per le corna”, ha dichiarato Sanjiv Malhotra, amministratore delegato di Sparkz, che sta costruendo un impianto di batterie nelle zone rurali della Virginia Occidentale e che assumerà i minatori di carbone sfollati a causa della diminuzione dell’uso del combustibile fossile.

“C’è una corsa in corso in termini di mobilità elettrica… e se gli Stati Uniti vogliono avere una posizione di leadership, hanno solo i prossimi tre-cinque anni per stabilirla. Se continueremo a dipendere dalla Cina per le batterie, credo che possano dire addio”.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore