skip to Main Content

Petrolio

La Russia è in difficoltà su petrolio e benzina? Report Economist

Gli attacchi ucraini alle raffinerie stanno costringendo la Russia a vendere grandi quantità di petrolio non raffinato all'estero e ad importare benzina. Ecco le conseguenze per Mosca e per i mercati internazionali. L'approfondimento del settimanale The Economist

Vendere più petrolio a prezzi più alti dovrebbe essere il sogno di uno Stato petrolifero. Ma per la Russia è il segno di una nuova, punitiva fase della sua guerra con l’Ucraina. Mesi di attacchi di droni ucraini alle raffinerie hanno limitato la capacità della Russia di produrre carburanti raffinati, come diesel e benzina, e hanno trasformato il terzo produttore di petrolio al mondo in un importatore di benzina. Le aziende energetiche hanno cercato di ridurre le perdite vendendo petrolio non raffinato all’estero, spingendo le esportazioni a un massimo di dieci mesi a marzo.

GLI ATTACCHI UCRAINI

Nell’ultimo attacco dell’Ucraina, il 2 aprile, i suoi pianificatori hanno esteso la loro portata. Sono riusciti a piazzare degli esplosivi in una raffineria a 1.115 km dal confine. L’attacco ha incendiato un’unità responsabile del 3% della capacità di raffinazione della Russia. Anche se non ha lasciato danni duraturi, altri hanno avuto più successo.

Complessivamente, secondo la società di dati S&P Global, lo sbarramento ucraino ha messo fuori uso un settimo della capacità di raffinazione russa. I lavori di manutenzione e le inondazioni nella città di Orsk l’8 aprile hanno messo fuori uso altre linee di produzione. I prezzi all’ingrosso alla Borsa Mercantile Internazionale di San Pietroburgo hanno subito un’impennata. L’Ucraina, che è stata a sua volta bersaglio di attacchi alle infrastrutture energetiche, spera che gli assalti rallentino il flusso di dollari verso la macchina bellica del suo nemico e che ne riducano il sostegno.

I colossi petroliferi russi sono quelli che stanno soffrendo di più. Le raffinerie che normalmente producono benzina e diesel per i clienti esteri a prezzi maggiorati sono state dirottate verso la produzione interna. Il volume di gasolio in uscita dai porti russi ha toccato il minimo da cinque mesi. Allo stesso tempo, i baroni del petrolio sono alla ricerca di nuovi clienti per il loro greggio in eccesso, sul quale subiranno perdite di circa 15 dollari per ogni barile che avrebbe potuto essere esportato come prodotto raffinato, afferma Sergey Vakulenko, ex dirigente del settore petrolifero.

Sebbene gli attacchi ucraini siano rallentati dopo la rielezione di Vladimir Putin a marzo, l’Ucraina non ha dato alcuna indicazione che si fermeranno. L’Ucraina è in grado di lanciare droni più velocemente e a basso costo di quanto la Russia possa riparare le sue raffinerie. Alcuni impianti, come la raffineria di Norsi nella città di Nizhny Novgorod, sono stati particolarmente lenti e costosi da riparare, in parte perché l’accesso alle attrezzature è ostacolato dalle sanzioni occidentali. Da questo mese, inoltre, i produttori di petrolio russi dovranno ridurre la quantità di petrolio estratto dal suolo di circa il 5%, come parte di un tetto di produzione concordato con l’Opec+, un cartello petrolifero.

Finora gli automobilisti sono stati protetti dalla “manutenzione non programmata” causata dall’Ucraina (come dice il ministero dell’Energia russo). Il governo ha tenuto sotto controllo i prezzi vietando le esportazioni di benzina per sei mesi a partire dal 1° marzo e stringendo un accordo con la Bielorussia, suo Stato cliente. Nella prima metà di marzo, la Russia ha importato 3.000 tonnellate di carburante dalla Bielorussia, rispetto allo zero di gennaio. Temendo che ciò non sia sufficiente, i funzionari hanno anche chiesto al vicino Kazakistan di mettere da parte un terzo delle sue riserve, pari a 100.000 tonnellate, nel caso in cui la Russia ne avesse bisogno, secondo quanto riportato da Reuters. Se gli attacchi continueranno, potrebbero iniziare a far salire i prezzi.

LE CONSEGUENZE SULLE FINANZE RUSSE

Le conseguenze per le finanze pubbliche russe dovrebbero essere limitate, anche se le entrate petrolifere rappresentano il 34% del suo bilancio. Rosneft, la compagnia petrolifera statale, distribuirà un dividendo minore se non riuscirà a recuperare le entrate perse, ma molti dubitano che questi dividendi arrivino alle casse dello Stato. Il governo risparmierà persino un po’ di denaro versando meno sussidi al barile alle raffinerie. I maggiori introiti della Russia sono le tasse sulle risorse. E poiché queste sono riscosse sotto forma di royalties alla testa del pozzo, il governo è indifferente tra il petrolio esportato come greggio o come carburante raffinato, afferma Vakulenko. Finché la Russia è in grado di esportare greggio, può riscuotere le royalties.

COSA CAMBIA PER IL MERCATO DEL PETROLIO

Gli osservatori al di fuori della Russia stanno osservando se gli attacchi dell’Ucraina influenzeranno il mercato globale del petrolio. Non hanno ancora avuto un grande impatto, ma il prezzo del Brent è salito del 19% quest’anno a poco meno di 90 dollari al barile, grazie alle limitazioni dell’offerta dell’Opec+, alle condizioni economiche globali migliori del previsto e alle perturbazioni nel Mar Rosso. Pochi osservatori sono più in gioco di Joe Biden, che deve affrontare le elezioni a novembre. La sua amministrazione ha esortato l’Ucraina a fermare gli attacchi, temendo che questi provochino dure ritorsioni da parte della Russia e facciano salire i prezzi della benzina. I leader ucraini sono disposti a correre il rischio.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top