Advertisement
skip to Main Content

Cosa fanno Exxon, Chevron, Shell, Bp e non solo sul petrolio

Riserva Strategica

Le Big Oil stanno rallentando la produzione mentre passano alle fonti rinnovabili o tagliano i costi, ma non significa che il mondo avrà meno petrolio. L’approfondimento del New York Times

Dopo anni di estrazione di sempre più petrolio e gas, i giganti occidentali dell’energia come BP, Royal Dutch Shell, Exxon Mobil e Chevron stanno rallentando la produzione mentre passano alle energie rinnovabili o tagliano i costi dopo essere stati colpiti dalla pandemia. Scrive il The New York Times.

Ma ciò non significa che il mondo avrà meno petrolio. Questo perché le compagnie petrolifere statali in Medio Oriente, Nord Africa e America Latina stanno approfittando dei tagli delle compagnie petrolifere di proprietà degli investitori per aumentare la loro produzione.

Questo massiccio cambiamento potrebbe invertire una tendenza decennale di aumento della produzione interna di petrolio e gas che ha trasformato gli Stati Uniti in un esportatore netto di petrolio, benzina, gas naturale e altri prodotti petroliferi, e rendere l’America più dipendente dall’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, dai leader autoritari e dai paesi politicamente instabili.

La spinta dei governi ad aumentare la produzione di petrolio e gas significa che ci potrebbero volere decenni perché le forniture globali di combustibili fossili diminuiscano, a meno che non ci sia un forte calo della domanda di tali combustibili.

Il presidente Biden ha effettivamente accettato l’idea che gli Stati Uniti dipenderanno maggiormente dal petrolio straniero, almeno per i prossimi anni. La sua amministrazione ha chiesto all’OPEC e ai suoi alleati di aumentare la produzione per aiutare ad abbassare l’aumento dei prezzi del petrolio e della benzina, anche se cerca di limitare la crescita della produzione di petrolio e gas sulle terre e le acque federali.

L’approccio dell’amministrazione è una conseguenza di due priorità contrastanti: Il presidente Biden vuole che il mondo si allontani dai combustibili fossili mentre protegge gli americani da un’impennata dei prezzi dell’energia. Nel breve periodo, è difficile raggiungere entrambi gli obiettivi perché la maggior parte delle persone non può facilmente sostituire le auto con motore a combustione interna, i forni a gas e altri prodotti basati sui combustibili fossili con versioni che funzionano con elettricità generata da turbine eoliche, pannelli solari e altre fonti di energia rinnovabili.

Le compagnie petrolifere occidentali sono inoltre sotto pressione da parte di investitori e attivisti ambientali che chiedono una rapida transizione all’energia pulita. Alcuni produttori statunitensi hanno detto che sono riluttanti a investire di più perché temono che i prezzi del petrolio scendano di nuovo o perché le banche e gli investitori sono meno disposti a finanziare le loro operazioni. Di conseguenza, alcuni stanno vendendo parti dei loro imperi di combustibili fossili o stanno semplicemente spendendo meno nel campo del petrolio e del gas.

Questo ha creato una grande opportunità per le compagnie petrolifere statali che non sono sottoposte a tanta pressione per ridurre le emissioni, anche se alcune stanno anche investendo in energie rinnovabili. Infatti, i loro padroni politici spesso vogliono che queste compagnie petrolifere aumentino la produzione per aiutare a pagare il debito, finanziare programmi governativi e creare posti di lavoro.

Saudi Aramco, il primo produttore mondiale di petrolio, ha annunciato che prevede di aumentare la capacità di produzione di petrolio di almeno un milione di barili al giorno, fino a 13 milioni, entro il 2030. Aramco ha aumentato i suoi investimenti di esplorazione e produzione di 8 miliardi di dollari quest’anno, a 35 miliardi di dollari.

“Stiamo capitalizzando l’opportunità”, ha detto recentemente l’amministratore delegato di Aramco, Amin H. Nasser, agli analisti finanziari. “Naturalmente stiamo cercando di beneficiare della mancanza di investimenti da parte dei principali attori del mercato”.

Aramco non solo ha vaste riserve, ma può anche produrre petrolio molto più a buon mercato delle compagnie occidentali, perché il suo greggio è relativamente facile da estrarre dalla terra. Quindi, anche se la domanda diminuisce a causa di un rapido passaggio ad auto e camion elettrici, Aramco sarà probabilmente in grado di pompare petrolio per anni o decenni più a lungo di molte compagnie energetiche occidentali.

“Le compagnie statali stanno andando per la loro strada”, ha dichiarato René Ortiz, un ex segretario generale dell’OPEC ed ex ministro dell’energia in Ecuador. “Non si preoccupano della pressione politica mondiale per controllare le emissioni”.

Anche le compagnie petrolifere statali in Kuwait, Emirati Arabi Uniti, Iraq, Libia, Argentina, Colombia e Brasile stanno progettando di aumentare la produzione. Se i prezzi del petrolio e del gas naturale dovessero rimanere alti o salire ulteriormente, dicono gli esperti di energia, altre nazioni produttrici di petrolio saranno tentate di aumentare l’offerta.

La quota di mercato globale del petrolio delle 23 nazioni che appartengono all’OPEC Plus, un gruppo dominato dalle compagnie petrolifere statali dell’OPEC e da paesi alleati come la Russia e il Messico, crescerà al 75% dal 55% nel 2040, secondo Michael C. Lynch, presidente della Strategic Energy and Economic Research di Amherst, Mass, consigliere occasionale dell’OPEC.

Se questa previsione si avverasse, gli Stati Uniti e l’Europa potrebbero diventare più vulnerabili ai disordini politici in quei paesi e ai capricci dei loro governanti. Alcuni leader e analisti europei hanno a lungo sostenuto che il presidente russo Vladimir V. Putin usa le vaste riserve di gas naturale del suo paese come una clava – una lamentela che è stata espressa di nuovo di recente quando i prezzi europei del gas sono saliti a livelli record.

Altri produttori di petrolio e gas come l’Iraq, la Libia e la Nigeria sono instabili, e la loro produzione può aumentare o diminuire rapidamente a seconda di chi è al potere o da chi lo sta cercando di prendere.

“Adottando la strategia di produrre meno petrolio, le compagnie petrolifere occidentali trasferiranno il controllo delle forniture alle compagnie petrolifere nazionali di paesi che potrebbero essere partner commerciali meno affidabili e avere regolamenti ambientali più deboli”, ha affermato il signor Lynch.

Un’eccessiva dipendenza dal petrolio straniero può essere problematica perché può limitare le opzioni che i politici americani hanno quando i prezzi dell’energia aumentano, costringendo i presidenti a supplicare effettivamente l’OPEC di produrre più petrolio. E dà ai paesi produttori di petrolio una maggiore influenza sugli Stati Uniti.

“Oggi, quando le compagnie di scisto americane non hanno intenzione di rispondere a prezzi più alti con investimenti per motivi finanziari, dipendiamo dall’OPEC, sia che sia disposta a rilasciare la produzione di riserva o meno”, ha detto David Goldwyn, un alto funzionario dell’energia nel Dipartimento di Stato nell’amministrazione Obama. Ha paragonato il momento attuale a quello del 2000, quando il segretario all’energia, Bill Richardson, “andò in giro per il mondo a chiedere ai paesi OPEC di rilasciare la capacità di riserva per alleviare la pressione dei prezzi”.

Questa volta, le compagnie energetiche statali non stanno semplicemente cercando di produrre più petrolio nei loro paesi. Molte si stanno espandendo all’estero.

Negli ultimi mesi, Qatar Energy ha investito in diversi campi offshore africani, mentre la compagnia nazionale rumena del gas ha acquistato un blocco di produzione offshore da Exxon Mobil. Mentre le compagnie occidentali cedono riserve inquinanti come le sabbie bituminose canadesi, gli esperti di energia dicono che ci si può aspettare che le compagnie statali intervengano.

“C’è un sacco di frutta a basso costo che le compagnie statali possono raccogliere”, ha detto Raoul LeBlanc, un analista petrolifero di IHS Markit, una società di consulenza e ricerca. “È un’enorme opportunità per loro di diventare attori internazionali”.

Il Kuwait ha annunciato il mese scorso che intendeva investire più di 6 miliardi di dollari nell’esplorazione nei prossimi cinque anni per aumentare la produzione a quattro milioni di barili al giorno, dai 2,4 milioni attuali.

Questo mese, gli Emirati Arabi Uniti, un importante membro dell’OPEC che produce quattro milioni di barili di petrolio al giorno, sono diventati il primo stato del Golfo Persico a impegnarsi per un obiettivo di emissioni di carbonio nette zero entro il 2050. Ma solo l’anno scorso ADNOC, la compagnia petrolifera nazionale degli Emirati Arabi Uniti, ha annunciato che stava investendo 122 miliardi di dollari in nuovi progetti di petrolio e gas.

L’Iraq, il secondo produttore dell’OPEC dopo l’Arabia Saudita, ha investito molto negli ultimi anni per aumentare la produzione di petrolio, puntando ad aumentare la produzione a otto milioni di barili al giorno entro il 2027, dai cinque milioni attuali. Il paese soffre di disordini politici, carenze di energia e porti inadeguati, ma il governo ha fatto diversi accordi importanti con compagnie petrolifere straniere per aiutare la compagnia energetica statale a sviluppare nuovi campi e migliorare la produzione di quelli vecchi.

Anche in Libia, dove le fazioni in guerra hanno ostacolato l’industria petrolifera per anni, la produzione sta aumentando. Negli ultimi mesi, ha sfornato 1,3 milioni di barili al giorno, un massimo di nove anni. Il governo mira ad aumentare questo totale a 2,5 milioni entro sei anni.

Le compagnie petrolifere nazionali in Brasile, Colombia e Argentina stanno anche lavorando per produrre più petrolio e gas per aumentare le entrate per i loro governi prima che la domanda di petrolio diminuisca con i paesi più ricchi che tagliano l’uso di combustibili fossili.

Dopo anni di frustranti delusioni, la produzione del giacimento di petrolio e gas di Vaca Muerta, o Mucca Morta, in Argentina, è balzata quest’anno. Il campo non aveva mai fornito più di 120.000 barili di petrolio al giorno, ma ora ci si aspetta che finisca l’anno a 200.000 al giorno, secondo Rystad Energy, una società di ricerca e consulenza. Il governo, che è considerato un leader climatico in America Latina, ha proposto una legislazione che incoraggerebbe una produzione ancora maggiore.

“L’Argentina è preoccupata per il cambiamento climatico, ma non lo vede principalmente come una sua responsabilità”, ha detto Lisa Viscidi, un’esperta di energia all’Inter-American Dialogue, un’organizzazione di ricerca di Washington. Descrivendo il punto di vista argentino, ha aggiunto: “Il resto del mondo ha globalmente bisogno di ridurre la produzione di petrolio, ma questo non significa che noi in particolare dobbiamo cambiare il nostro comportamento”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore