Advertisement
skip to Main Content

Perché la Cina scuote il vecchio ordine nucleare mondiale

Nucleare Germania

El Pais scrive che Pechino sta accelerando il suo programma nucleare per raggiungere gli Stati Uniti e la Russia, che stanno investendo molto nella modernizzazione dei loro arsenali

 

Prima, all’inizio di quest’estate, sono comparse immagini satellitari di nuovi silos di missili nucleari in varie parti della Cina; poi è venuta fuori la notizia di due test di armi ipersoniche con capacità nucleare condotti da parte della potenza asiatica durante l’estate. Mercoledì scorso, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha pubblicato il suo rapporto annuale sul potenziamento militare della Cina e ha notato che Pechino sta accelerando il suo programma nucleare, il quale “le permette di avere 700 testate nucleari entro il 2027 ed è probabile che cerchi di arrivare ad almeno 1.000 entro il 2030”.

Queste cifre sono molto più alte delle stime del suo attuale arsenale – tra 250 e 350, secondo diverse fonti – e anche della proiezione del Pentagono per il 2020, che indicava una soglia di circa 500 in un decennio.

La mancanza di trasparenza rende impossibile valutare con precisione le caratteristiche dello sviluppo nucleare cinese. Pechino ha risposto al Pentagono liquidando le sue proiezioni come manipolazioni. Ma gli esperti concordano sul fatto che la Cina sta perseguendo un programma ambizioso che non solo mira a modernizzare la tradizionale triade di sistemi di consegna – terra, sottomarino, aria – ma sta anche sperimentando tecnologie non ortodosse – missili ipersonici manovrabili – e mira a un aumento consistente del numero – come suggeriscono i circa 300 nuovi silos in tre luoghi diversi.

È la combinazione di queste caratteristiche che differenzia le azioni della Cina da quelle delle altre potenze nucleari. Tutti loro stanno attuando piani per modernizzare le loro forze atomiche.

La Russia lavora con costanza in questa direzione dalla fine degli anni ’90, quando le sue armi stavano diventando obsolete; gli Stati Uniti si stanno imbarcando in un piano di rinnovamento lanciato nell’era Obama che comporta una spesa di circa 630 miliardi di dollari [circa 545,165 miliardi di euro] per il decennio in corso, secondo una stima del Congressional Budget Office. La cifra è simile al PIL di un paese come la Polonia.

La Russia, come la Cina, sta anche sviluppando missili ipersonici manovrabili con capacità nucleare. Ma i test dell’estate indicano un salto tecnologico per la Cina e, d’altra parte, né Mosca né Washington hanno intenzione di espandere i loro arsenali. Entrambi sono reciprocamente vincolati dal trattato New START a non schierare più di 1.550 testate nucleari (anche se questa soglia viene superata perché include pure le bombe immagazzinate nelle stesse basi dove si trovano i lanciatori).

Anche se gli Stati Uniti e la Russia hanno ridotto le loro capacità nucleari dall’apice della Guerra Fredda (da più di 60.000 testate negli anni ’80 alle 12.000 di oggi, tra dispiegate, stoccate e da smantellare), entrambi i paesi hanno ancora molte più testate nucleari degli altri. Questo è il contesto in cui la Cina – non vincolata dal New START (anche se è vincolata dal più generico Trattato di non proliferazione nucleare, TNP) – sembra intenzionata a ridurre il differenziale, con l’argomento implicito di replicare il suo status geopolitico complessivo sul piano nucleare.

Quanto potenziale di alterazione degli equilibri strategici ha questa mossa nel suo insieme? “Molto dipende da come la Cina decide di utilizzare questa forza maggiore: se prova cose nuove o se la inserisce nella sua politica nucleare esistente”, ha commentato Hans M. Kristensen, direttore del Nuclear Information Project alla Federation of American Scientists e ricercatore allo Stockholm International Peace Research Institute.

“In ogni caso, la questione dei silos attira l’attenzione. Sono davvero tanti”, ha continuato Kristensen. “Questo è uno sviluppo in linea con quello che gli Stati Uniti e l’URSS, in termini di dimensioni e velocità, hanno fatto durante la Guerra Fredda. È un programma molto ampio. Se tutti i silos fossero assemblati, la Cina avrebbe più capacità in quella sezione che Washington o Mosca. Si tratterebbe di missili intercontinentali a combustibile solido, che possono essere lanciati più velocemente di quelli a combustibile liquido che la Cina ha attualmente”. Questo verrebbe senza dubbio preso in considerazione dai pianificatori militari americani.

Per decenni, Pechino ha mantenuto una politica nucleare di deterrenza minima, cioè di disporre di ciò che è indispensabile perché nessuno pensi di attaccarla nuclearmente. Formalmente, non l’ha abbandonata, ma i fatti indicano che quel concetto di minimo è cambiato molto.

In parte ciò è dovuto al fatto che la Cina è giunta alla conclusione che la sua capacità di rappresaglia nucleare è vulnerabile in caso di un attacco a sorpresa. “Ma questa spiegazione si scontra con il fatto che in passato gli Stati Uniti hanno avuto un dispiegamento nucleare ancora più grande di quello attuale, e questo non ha poi indotto Pechino ad una escalation”, spiega Kristensen. L’altra motivazione plausibile corrisponde, secondo l’esperto, a una questione di “prestigio nazionale”: un paese che si vede come superpotenza non vuole essere nuclearmente molto inferiore agli Stati Uniti e alla Russia.

Un’area importante in cui l’avanzata della Cina potrebbe avere conseguenze è quella dei trattati di controllo delle armi, un elemento chiave per evitare disastri, ma che ora sta attraversando una fase negativa. Il ritiro degli Stati Uniti nel 2001 dal trattato sui missili anti-balistici ha aperto la strada al forte sviluppo della difesa di Washington, che alla fine ha fornito argomenti e spronato la Russia, prima, e la Cina, poi, a cercare modi per aggirare queste difese sempre migliori. Il trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio – che vietava i missili terrestri con gittate tra i 500 e i 5.500 chilometri – è crollato nel 2019, con la decisione di Washington di ritirarsi dopo aver accusato Mosca di averlo violato. Il New START, che limita le testate nucleari dispiegate, è stato esteso in extremis all’inizio di quest’anno per un periodo che termina nel 2026.

“A mio parere, non c’è dubbio che gli sviluppi cinesi influenzeranno i prossimi negoziati USA-Russia. È facile immaginare che l’esercito americano dirà al prossimo presidente di non accettare un accordo con la Russia che riduca il numero di armi nucleari”, osserva Kristensen.

Washington sta cercando di coinvolgere Pechino in nuovi schemi di controllo delle armi, ma Pechino è riluttante, sostenendo, tra le altre cose, che gli Stati Uniti e la Russia sono stati responsabili delle corse agli armamenti. D’altra parte, l’amministrazione di Joe Biden prevede di pubblicare la sua revisione della politica nucleare statunitense all’inizio del 2022, come fa con ogni nuova presidenza. Non è irragionevole pensare che gli sviluppi cinesi influenzeranno la nuova dottrina. Ci si aspetta che Biden includa una politica di no first strike o nessuna risposta nucleare ad attacchi chimici, biologici o convenzionali.

Ma il messaggio di riarmo cinese va oltre le due grandi potenze nucleari. Da un lato, gli altri attori della regione ovviamente ne prendono atto. Dall’altro, c’è un impatto globale.

“La Cina non può sostenere che il suo sviluppo militare sia in linea con i suoi obblighi legali ai sensi dell’articolo 6 del NPT di ‘condurre negoziati in buona fede su misure efficaci per la cessazione della corsa agli armamenti nucleari a breve termine e per il disarmo nucleare” fa notate Shannon Bugos, ricercatrice dell’Arms Control Association, con sede a Washington. “L’incapacità delle cinque potenze nucleari parte dal NPT di rispettare gli impegni di disarmo. Negli ultimi anni sarà un punto di attrito alla Conferenza di revisione del NPT prevista a gennaio”.

Bugos ha sottolineato anche che l’effettivo ritmo di sviluppo dell’arsenale nucleare cinese nei prossimi anni dipende in parte da come si svolgerà la relazione strategica con gli Stati Uniti e, più in generale, da ciò che Washington e i suoi alleati fanno, soprattutto nella regione.

Il lavoro di modernizzazione degli arsenali dimostra che nessuna delle potenze nucleari ha in mente il percorso di disarmo stabilito nel TNP. Tra i firmatari armati – Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Regno Unito – spicca l’atteggiamento di Londra. Non solo sta perseguendo un programma per rinnovare la sua flotta di sottomarini a propulsione nucleare del valore di più di 30 miliardi di sterline, ma ha invertito la sua stessa decisione di ridurre il numero di testate nucleari in suo possesso. Dopo aver fissato un obiettivo per farli scendere da 225 a 180, ha ora portato il limite a 260.

La Francia, da parte sua, è su una rotta più stabile, ma prevede anche investimenti di manutenzione e ristrutturazione per 37 miliardi di euro nel periodo 2019-2025. Anche l’India e il Pakistan stanno mettendo a punto le loro capacità; la Corea del Nord sta facendo quello che può; Israele, avvolto nella sua tradizionale politica di ambiguità nucleare, non sta certo a guardare.

Il quadro turbolento è completato dalla questione iraniana. I negoziati per ripristinare l’accordo nucleare rotto dall’amministrazione Trump dovrebbero riprendere il 29. Le posizioni, tuttavia, rimangono molto distanti. Il nuovo presidente iraniano, l’integralista Ebrahim Raisi, ha avvertito che non intende fare un solo passo indietro. Gli europei stanno cercando di disinnescare la bomba, ma le prospettive non sono semplici. Nel frattempo, i sospetti stanno crescendo, soprattutto tra i nemici regionali dell’Iran, in un ambiente che non sembra rassicurante.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore