Energia

Perché Eni Gas e Luce si gaserà con Tate di Riffeser Monti

di

Il gruppo Eni acquista il 20% di Tate, start up fondata da Matteo Riffeser Monti. Tutti i dettagli

Shopping in casa Eni. La società Eni Gas e Luce del gruppo capeggiato dall’ad, Claudio Descalzi, ha acquisito il 20% di Tate srl, start-up innovativa attiva dal 2019 nella vendita di energia elettrica e gas esclusivamente online, di cui amministratore unico è Matteo Riffeser Monti (della omonima famiglia perno del gruppo editoriale Monrif).

Tutti i dettagli.

L’ACQUISTO

La strada della digitalizzazione di Eni Gas e Luce passa anche attraverso la start up Tate: la società del gruppo Eni ha acquisito il 20% dell’azienda tech. “ Questa operazione permette a Eni Gas e Luce di investire in una tech company completamente digitale già attiva nel mercato dell’energia e pronta a svilupparsi e a crescere nei servizi digitali”, annuncia il Cane a Sei zampe in una nota.

CHI E’ TATE

Tate, società a responsabilità limitata, è una start-up innovativa costituita nel 2017 e attiva in qualità di reseller di energia elettrica e gas su piattaforma esclusivamente digitale, tramite una app proprietaria.

Tate, tramite una piattaforma multiservizi, offre ai propri clienti, oltre ad energia elettrica e gas, anche altri servizi digitali.

I SOCI

L’azienda fino all’ingresso del gruppo Eni era controllata dai co-fondatori (Matteo Riffesser Monti, socio di maggioranza, Alexander Frizzi, Mattia Lobertini e Micael Saillen) e da Nana Bianca srl (secondo socio dopo Riffeser Monti).

MATTEO RIFFESSER MONTI

Matteo Rifesser Monti, che possiede 139.759,00 euro del capitale sociale (261.445,94 euro totale), è anche presidente di Monrif srl e consigliere di Monrif Spa, Poligrafici Editoriale Spa e Poligrafici Real Estate Srl.

I NUMERI DI TATE

Nel 2019 Tate ha fatturato 801.084 euro, quadruplicando i ricavi del 2018 (attestatisi a 191.103). I costi sono stati pari, però, a 1.040.166 euro, registrando un utile in perdita a 173.164.

ENI PUNTA AI MILLENIAL

Grazie a Tate e all’app di Matteo Riffesser Monti, Eni spera di conquistare il “segmento dei Millennials, che conta oggi circa 13 milioni di persone in Italia ed è destinato a ricoprire un ruolo crescente nel mondo del lavoro e nella società, senza dimenticare che i Millennials  utilizzano strumenti e servizi digitali come supporto quotidiano alle scelte di acquisto di beni e servizi”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati