skip to Main Content
ads

Gli Stati Uniti hanno perso la sfida con la Cina sui pannelli solari

Transizione Energetica Germania

I dazi sui pannelli solari imposti dagli Stati Uniti non stanno migliorando le capacità del paese rispetto alla Cina. Tutti i dettagli

Gli sforzi sostenuti dagli Stati Uniti per aumentare le capacità di produzione del solare fotovoltaico domestico imponendo tariffe antidumping sui moduli cinesi sono completamente fallite. Sebbene le tariffe abbiano effettivamente decimato le spedizioni dirette dalla Cina, non sono riuscite a ridurre la dipendenza complessiva degli Stati Uniti dalle importazioni, che dovrebbero raggiungere un nuovo record annuale nel 2021. È quanto emerge da un nuovo rapporto di Rystad Energy.

IMPORTAZIONI RECORD

Gli Stati Uniti sono sulla buona strada per importare un record di 27,8 gigawatt (GW) di pannelli solari fotovoltaici nel 2021 da una serie di paesi, rispetto ai 26,7 GW dell’anno scorso. Se le recenti tendenze delle importazioni continueranno, le importazioni di solare fotovoltaico per il 2021 varranno 8,9 miliardi di dollari in totale, un aumento marginale rispetto al totale del 2020 di 8,7 miliardi, che era anche il record di tutti i tempi.

LA DIPENDENZA DALLA CINA

Nel 2008, il 22% di tutti i moduli fotovoltaici importati negli Stati Uniti era di origine cinese. Un anno dopo, i produttori di PV cinesi hanno implementato una nuova strategia commerciale con margini estremamente bassi che hanno permesso loro di competere con i loro colleghi e dominare il mercato statunitense. Di conseguenza, nel 2011 la quota delle importazioni cinesi di fotovoltaico era salita al 57%. Le tariffe sui moduli cinesi introdotte dagli Stati Uniti nel 2012 hanno portato a un rapido calo della quota di mercato dei produttori cinesi, con stime per il 2021 ora inferiori all’1%, ha ammesso la società di consulenza energetica.

IL MADE IN USA

Tuttavia, l’obiettivo di stimolare le capacità produttive interne non è stato raggiunto, poiché gli Stati Uniti hanno invece riempito il vuoto di offerta con pannelli provenienti da altri paesi asiatici. Nel 2021, si prevede che i moduli solari fotovoltaici prodotti negli Stati Uniti raggiungeranno un totale di 5,2 GW, rispetto ai 27,8 GW previsti dalle importazioni. Di questi 5,2 GW, circa la metà proverrà dalla produzione di pannelli a film sottile, principalmente da First Solar, leader mondiale nella produzione di film sottili. L’altra metà è costituita dai pannelli di silicio composito importato (cSi) più ampiamente utilizzati, sebbene i 2,5 GW previsti rappresentino solo il 50% della capacità produttiva totale degli Stati Uniti.

IL PESO DELLA MALESIA

Approfondendo l’origine delle importazioni solari fotovoltaiche statunitensi, la Malesia è diventata leader di mercato nel 2020, catturando il 42% della quota di mercato delle importazioni statunitensi, seguita dal Vietnam con il 38%, osserva la società di consulenza energetica. Nel 2021 ad oggi questi Paesi rappresentano rispettivamente il 31% e il 28,8%, con la Thailandia al terzo posto al 26,2%. La diminuzione della quota di mercato per Malesia e Vietnam illustra un aumento delle importazioni da altre nazioni, tra cui Thailandia e Corea del Sud. Solo l’1% delle importazioni dal 2021 ad oggi proviene da regioni al di fuori dell’Asia.

QUANTO CONTANO I DAZI AMERICANI

“Poiché l’industria solare negli Stati Uniti è cresciuta negli ultimi anni, il governo ha cercato di proteggere la sua capacità di produzione solare fotovoltaica nazionale, principalmente attraverso l’imposizione di dazi sulle importazioni cinesi. Tuttavia, queste politiche punitive stanno facendo poco per rilanciare la produzione interna. Invece, stanno spingendo più in alto il costo dei pannelli e spostando il loro paese di origine verso altre nazioni asiatiche”, ha spiegato Rystad Energy nell’analisi.

“I dazi statunitensi stanno facendo poco per aumentare la produzione interna. Invece, stanno spingendo il costo dei pannelli più in alto e spostando il loro paese di origine ad altri paesi in Asia. I responsabili politici dovrebbero riconsiderare le loro strategie per far crescere gli Stati Uniti nel mercato globale della produzione fotovoltaica e soddisfare la domanda interna. Una via da seguire potrebbe essere l’emulazione degli schemi di credito d’imposta che sono stati fondamentali per l’implementazione della capacità solare ed eolica nel paese”, ha commentato Marcelo Ortega, analista di energie rinnovabili con Rystad Energy.

LA CINA PROSPERA NEL MERCATO AMERICANO

Sebbene questi moduli importati provengano dal sud-est asiatico, i produttori sono tipicamente imprese cinesi che hanno delocalizzato la fase di assemblaggio, l’ultimo passaggio nella produzione di moduli fotovoltaici. Alcuni sforzi per contrastare queste strategie da parte delle società cinesi sono stati proposti dagli Stati Uniti, ma finora non sono stati sufficienti, ha spiegato la società di consulenza.

Nel 2018, l’amministrazione Trump ha raddoppiato i tentativi di promuovere una catena di approvvigionamento nazionale per i pannelli solari fotovoltaici, adottando dazi specifici. “La politica ha avuto un forte impatto sulle importazioni fotovoltaiche e sugli impianti di capacità nel 2018, abbassando le importazioni a 6,8 GW, in calo del 66,7% rispetto ai 10,2 GW importati nel 2017. Tuttavia, il settore è rimbalzato nel 2019 e nel 2020 grazie in parte a un’esenzione temporanea e al programmato abbassamento graduale dei dazi”.

Nell’agosto 2021, ricorda ancora Rystad Energy, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha ricevuto una petizione anonima per indagare sui produttori cinesi che eludevano i dazi antidumping trasferendo le strutture in Malesia, Thailandia e Vietnam. La mossa avrebbe potuto ampliare le tariffe per includere questi paesi, ma la richiesta è stata respinta a novembre. Se approvato, l’impatto sulla produzione statunitense sarebbe stato probabilmente trascurabile. Nel 2015, un’indagine simile sui moduli fotovoltaici fabbricati a Taiwan ha portato a un’estensione tariffaria che copre Taiwan e ha di fatto ucciso le sue esportazioni di pannelli negli Stati Uniti. Tuttavia, invece di intensificare la produzione negli Stati Uniti, le strutture sono state spostate in altre parti dell’Asia, come la Malesia. L’estensione delle tariffe antidumping ad altre nazioni non sembra incentivare la produzione interna degli Stati Uniti.

CAPACITÀ DI ASSEMBLAGGIO

“Nonostante la capacità di produzione di moduli fotovoltaici degli Stati Uniti di 5,5 GW all’anno, questa capacità è esclusivamente costituita dall’assemblaggio di moduli e si basa su celle fotovoltaiche importate prodotte all’estero. L’Asia è il leader del mercato delle celle fotovoltaiche, con il 52% delle importazioni statunitensi di celle solari quest’anno provenienti dalla Corea del Sud, il 25% dalla Malesia e il 15% dalla Thailandia. Gli Stati Uniti dovrebbero importare un volume record di celle fotovoltaiche nel 2021, con 3 GW previsti entro la fine dell’anno, eclissando i 2,5 GW importati nel 2019”, si legge nel report che precisa come “mentre le capacità di assemblaggio di moduli domestici negli Stati Uniti stanno aumentando, gli attuali livelli di importazione indicano un esiguo tasso di utilizzo della capacità produttiva del 50,8% senza tenere conto della produzione nazionale di celle fotovoltaiche”.

IL PESO DELLA CINA NELL’INDUSTRIA FOTOVOLTAICA

Gli Stati Uniti beneficiano di una parte della produzione interna di polisilicio, ma dopo i dazi del 2012 imposti sui pannelli cinesi, la Cina si è vendicata con dazi sul polisilicio solare importato dagli Stati Uniti, sostenendo così la produzione interna cinese e preparando la scena per diventare il più grande fornitore del mondo. La Cina ora detiene rispettivamente il 97% e il 79% di tutta la produzione di wafer e celle di silicio, il che indica che praticamente nessun silicio prodotto negli Stati Uniti torna in una cella o modulo fotovoltaico.

“Senza cambiamenti significativi, l’industria solare statunitense corre il rischio di diventare solo assemblaggio, continuando a fare affidamento su materie prime estere per le prime fasi della catena di approvvigionamento al fine di aumentare la capacità solare per soddisfare la domanda”, ha concluso Ortega.

(Articolo pubblicato su Energia Oltre)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore