skip to Main Content
ads

Oltre il carbone. L’Ue deve facilitare la transizione energetica

Europa

La decarbonizzazione in Europa sembra vicina e gli stati dell’Unione stanno lavorando duramente per ottenere risultati rilevanti. Nonostante l’impegno, il carbone continua a rappresentare un quarto della produzione totale di energia e ha responsabilità per i tre quarti delle emissioni

 

L’Europa ha un segreto (sporco) in fatto di energia: il carbone sta producendo un quarto dell’elettricità che serve al Vecchio Continente, e ben tre quarti delle emissioni. Mentre ci si impegna al massimo per efficientare e rendere green il sistema energetico, la componente del carbone sembra diventare sempre più inquinante, vanificando gli sforzi.  Almeno al momento. La strada intrapresa è oramai quella della transizione e l’Ue, come si legge in  una pubblicazione di Bruegel, dovrebbe proporre ai suoi paesi membri di eliminare progressivamente il carbone e senza dimenticare di mettere in atto un sistema per garantire il benessere sociale dei minatori di carbone che stanno per perdere il lavoro, sfruttando anche il Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione.

Meno carbocarbonene, più emissioni

Il sistema energetico dell’Unione europea sta diventando più verde e più efficiente, ma la sua componente più inquinante: il carbone continua a fornire un quarto dell’energia necessaria (il 24%, facendo seguito al gas 16%, petrolio 2%, nucleare 58%), ma produce una percentuale ingente di emissioni inquinanti totali (76%, contro il 17% gas, 3% petrolio, 4%altri).

Un certo numero di paesi dell’UE continua a sostenere politicamente il carbone per motivi di sicurezza energetica e socio-economici. Esso rimane ancora una fonte predominante in diverse UE paesi: 80% in Polonia, 77% in Estonia e il 49% in la Repubblica Ceca, per esempio. Solo pochi paesi dell’UE hanno preso fatto programmi in merito alla decarbonizzazione. Il Regno Unito è stato il primo paese a fissare una data per la fine dell’uso di questa fonte; la sua ultima centrale chiuderà entro il 2025. La Francia ha seguito questo esempio, impostando un phase-out entro il 2022. Anche Paesi Bassi e Italia hanno proposto piani per chiudere centrali elettriche a carbone entro il 2030 e il 2025 rispettivamente.

Il ruolo del carbone 

Il ruolo persistente di questa materia prima nel sistema elettrico dell’UE rappresenta un problema per il clima, per l’ambiente e per salute umana. Dal punto di vista climatico, esso è il peggior modo di generare elettricità. Le emissioni di carbonio sono superiori a quelli di petrolio e gas. A parità di elettricità generata, una centrale elettrica a carbone emette il 40% più CO2 di una centrale elettrica a gas e il 20% in più di un olio combustibile centrale elettrica (UNFCCC, 2017). Per produrre abbastanza elettricità per una famiglia medie europea per un anno, si produrrebbero con il carbone cinque tonnellate di CO2, tre tonnellate con il gas e zero tonnellate con eolico e solare.

In generale, due sono gli argomenti usati dai governi per sostenere il carbone o, almeno, per procrastinare oltre il suo ritiro graduale: sicurezza energetica e competitività; perdite di posti di lavoro e più ampia economia ripercussioni per le regioni minerarie del carbone.

L’argomento della sicurezza energetica è comprensibile, ma la fattibilità della transizione energetica non dovrebbe essere messa in dubbio. Un paese altamente dipendente dal carbone per la sua elettricità non può passare durante una sola notte ad altre fonti più pulite dell’energia elettrica. Tuttavia, molti paesi dell’UE hanno già eliminato con successo il carbone senza compromettere la sicurezza energetica.

L’argomento socio-economico è illusorio: l’occupazione nel settore del carbone in Europa non rappresenta un problema rilevante a livello nazionale o regionale. La produzione di carbon fossile nell’UE continua a diminuire dal 1990. Nel 2016, solo il 36% del consumo di carbone fossile nell’UE era coperto da produzione locale. Il resto era  importato dalla Russia, Colombia, Australia, Stati Uniti e altri fornitori minori.

Cosa fare?

carboneL’UE dovrebbe proporre – e forse imporre – che i suoi paesi membri eliminino rapidamente il carbone. Allo stesso tempo, dovrebbe mettere in atto un piano per garantire il benessere sociale dei minatori che stanno per perdere il lavoro. L’UE non ha bisogno di istituire un nuovo fondo per questo; ha solo bisogno di fare un uso migliore del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (FEG). Per il periodo successivo al 2020, il FEG dovrebbe essere trasformato in un “Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione e al clima” con un bilancio complessivo più elevato, di cui 150 milioni di euro all’anno dovrebbero essere utilizzati per sostenere le regioni minerarie. Mobilitando lo 0,1 percento del suo bilancio totale, l’UE potrebbe fornire un significativo incentivo agli stati membri dipendenti da questa fonte per eliminarla gradualmente, generando sostanziali benefici per il clima, l’ambiente e la salute umana.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore