Advertisement
skip to Main Content

Cosa succede sul Nord Stream 2 tra Russia, Germania, Europa e Usa

Nord Stream 2

Dossier Nord Stream 2. Il punto di Giuseppe Gagliano

 

Il Nord Stream 2 si estende per 1.230 chilometri da Vyborg in Russia attraverso il Mar Baltico fino a Lubmin, in Germania, aggirando l’Ucraina e la Polonia.

Il gasdotto gemello è terminato, ma è in attesa dell’approvazione normativa prima di poter iniziare a fornire i 55 miliardi di metri cubi di gas naturale all’Europa ogni anno.

Tra le crescenti tensioni geopolitiche, questo compito potrebbe non essere così facile, ha riferito la CNBC. Funzionari del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti hanno messo in guardia l’Europa dal piegarsi alle pressioni russe e rinunciare al lungo processo necessario per approvare Nord Stream 2.

Amos Hochstein, un consulente senior per la sicurezza energetica globale presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, ha affermato che se la Russia ha più gas da spedire in Europa per alleviare la crisi di approvvigionamento del continente, dovrebbe farlo attraverso l’infrastruttura esistente dei gasdotti di esportazione, compresi quelli che transitano in Ucraina. Ma l’amministrazione Biden ha scartato l’idea di sanzionare ulteriormente il gasdotto, affermando che la Russia lo avrebbe completato indipendentemente dalle sanzioni economiche imposte. Alcuni legislatori europei si oppongono strenuamente all’accordo e non vogliono che i regolatori lo approvino.

“Vogliamo uscire da questa dipendenza [dall’energia russa]”, ha detto Morten Petersen, un legislatore danese al Parlamento europeo, a “Street Signs Europe” della CNBC.

Funzionari russi affermano che la rapida approvazione del Nord Stream 2 potrebbe aiutare a ridurre i prezzi del gas naturale, mentre l’Europa si affretta ad affrontare una crescente crisi energetica. Il vice primo ministro russo Alexander Novak ha affermato che “il completamento anticipato della certificazione” per Nord Stream 2 aiuterebbe a “raffreddare la situazione attuale”.

In effetti, i prezzi del gas naturale sono recentemente scesi dopo che il presidente Putin ha suggerito che la Russia potrebbe aumentare la sua produzione, affermando che il gigante del gas di proprietà statale Gazprom non si è mai “rifiutato di aumentare le forniture ai suoi consumatori se presentano offerte appropriate”.

Putin ha affermato che Gazprom potrebbe aumentare i flussi di altri 17,5 miliardi di metri cubi attraverso il nuovo gasdotto “dopodomani” se i regolatori lo approvassero “domani”. Secondo Gustav Gressel, senior policy fellow presso il Consiglio europeo per le relazioni estere, un think tank, è solo questione di tempo prima che i regolatori energetici tedeschi diano il loro sigillo di approvazione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore