skip to Main Content

Nucleare

Elon Musk e Miss America sono i nuovi sponsor dell’energia nucleare negli Usa

Gli Stati Uniti hanno bisogno di più energia nucleare? Sì, secondo Miss America. Ecco tutte le celebrità che si sono schierate a favore dell'atomo.

L’energia nucleare sta tornando a far parte del dibattito sui futuri approvvigionamenti energetici, con sostenitori sia nell’amministrazione Biden che nelle industrie del petrolio e del gas.

È anche rientrata nello zeitgeist americano grazie a film, finanziatori miliardari e un’icona del concorso. Tra i sostenitori della scissione degli atomi per produrre elettricità come metodo per combattere il cambiamento climatico ci sono Stone, che ha appena pubblicato un documentario sull’energia nucleare; Musk, che si definisce spesso un ” sostenitore”; e Altman, il capo della startup di intelligenza artificiale OpenAI, che ha intenzione di rendere pubblica una startup di energia nucleare -scrive il WSJ.

GRACE STANKE, MISS AMERICA, L’INFLUENCER DEL NUCLEARE

Grace Stanke, la Miss America in carica, sta conducendo una campagna pubblicitaria di un anno a favore del settore.
“Perché non viene gridato dai tetti?”, ha chiesto la Stanke, 21 anni, studentessa di ingegneria nucleare all’Università del Wisconsin-Madison. È troppo simpatica per gridare, ma finora in più di 20 Stati ha pubblicizzato l’energia pulita e la medicina nucleare nelle scuole, nelle case di cura, in un’assemblea legislativa statale e una volta in un podcast di sci nautico.

“È l’industria che ha salvato mio padre per due volte dal cancro”, ha detto Stanke, riferendosi alle radiazioni e ad altri trattamenti. “È l’industria che alimenta il 20% dell’America”.

La più giovane di tre figli, Stanke è cresciuta a Wausau, nel Wisconsin. Ha iniziato a partecipare a concorsi di bellezza all’età di 13 anni per migliorare le sue capacità di suonare il violino e si è interessata alle scienze nucleari al liceo quando suo padre, ingegnere civile, le disse di non entrare in quel campo perché non c’era futuro. “Mi sono appassionata per dispetto”, ha detto la Stanke. “Quando sei una ragazza di 16 anni e tuo padre ti dice di non fare una cosa, tu la fai”.

La Stanke ha parlato al simposio dell’Associazione nucleare mondiale a Londra questo mese e intende rimanere una voce del settore anche dopo aver incoronato la prossima Miss America. Sta completando il suo ultimo corso elettivo online e ha accettato un lavoro con Constellation Energy, che possiede la più grande collezione di centrali nucleari del Paese. Il lavoro, che inizierà nel 2024, comprenderà un mix di lavoro tecnico – come ingegnere dei combustibili nucleari – e di advocacy pubblica.

TUTTE LE DIFFICOLTÀ DELL’ENERGIA NUCLEARE

Il settore dell’energia nucleare americano ha affrontato per decenni le sfide delle relazioni pubbliche, gravate da costi elevati, lunghi tempi di costruzione, chiusura di impianti e preoccupazioni per disastri come Fukushima e rifiuti radioattivi.

La sua immagine hollywoodiana comprende mutanti giganti, la serie HBO “Chernobyl” e la corsa alle armi atomiche nel blockbuster estivo “Oppenheimer”. Il dipendente della centrale nucleare di Springfield, Homer Simpson, ha fatto cadere una ciambella nel nucleo di un reattore per cercare di ingrandire il dolce.

“Fa sempre la parte del cattivo”, ha detto Stanke. “È ciò che ha creato Godzilla”.

Godzilla appare nel nuovo documentario di Stone, “Nuclear Now”, anche se sostiene che l’energia nucleare è un modo ovvio per ridurre l’impatto del cambiamento climatico. Si tratta di un messaggio simile a quello di Stanke, ma più crudo.

“Dobbiamo costruire e costruire in fretta”, ha detto Stone in un’intervista. “Quello che non va nell’energia nucleare non è mai stato sbagliato. È stato un dono brillante e geniale a cui abbiamo voltato le spalle. Gli americani si annoiano. Vogliono una nuova auto. Vogliono un nuovo televisore. Devono avere un costante cambiamento tecnologico, ma dobbiamo chiederci: cosa c’è di sbagliato nella prova originale dell’energia nucleare?”.

Un tempo l’energia atomica aveva un’immagine sfarzosa, che ispirava acconciature a forma di nuvola a fungo e decorazioni per la casa a forma di stella. In una presentazione televisiva di Walt Disney del 1957, intitolata “Il nostro amico atomo”, l’energia atomica veniva rappresentata come un genio – “Ecco con la mia mano destra, vi do il fuoco magico dell’atomo” – la cui forza distruttiva poteva essere controllata a fin di bene.

Negli anni Cinquanta i turisti si recavano in massa nel deserto vicino a Las Vegas per assistere ai test delle bombe. In una foto pubblicitaria di “Miss Bomba Atomica”, una showgirl indossa un costume da bagno decorato con una nuvola di funghi di cotone.

“Era emozionante perché era americano”, ha detto Spencer Weart, fisico e autore di “The Rise of Nuclear Fear”. “Era un pollice nell’occhio per i comunisti e allo stesso tempo era visto come qualcosa che avrebbe portato grandi benefici economici. Era il futuro. Sarebbe stato gestito dall’energia nucleare”.

L’avvento e la proliferazione della bomba all’idrogeno durante la Guerra Fredda hanno cambiato la percezione pubblica, portando al movimento antinucleare, ha detto Weart. Un’ex Miss America, Yolande Betbeze Fox del 1951, si unì al movimento antinucleare. Negli anni ’60, le obiezioni alle armi cominciarono a migrare verso l’energia nucleare, poi consolidate dagli incidenti alle centrali.

Gli americani hanno ancora opinioni ambivalenti su questa tecnologia e sono molto più favorevoli all’energia eolica e solare, anche se l’opinione sta cambiando, secondo il Pew Research Center. Circa il 57% degli americani è favorevole all’aumento delle centrali nucleari, rispetto al 43% del 2020, secondo un sondaggio Pew pubblicato in agosto.

IL RUOLO DELL’INFLATION REDUCTION ACT E I NUOVI INVESTITORI

L’industria ha ora la possibilità di ottenere miliardi di dollari di finanziamenti federali attraverso l’Inflation Reduction Act incentrato sul clima, la legge sulle infrastrutture del 2021 e prestiti sostenuti dal governo per nuovi progetti, grazie alla sua capacità di fornire energia 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 senza emissioni di gas serra.

Tra gli investitori nelle decine di startup che stanno progettando reattori più piccoli ci sono Bill Gates, cofondatore di Microsoft, Dustin Moskovitz, cofondatore di Facebook, e Altman, che ritiene che l’energia nucleare sarà necessaria anche per l’intelligenza artificiale. Musk ha invitato l’industria dei servizi pubblici a costruire più generazione e si è definito un sostenitore della fissione al CEO Council del Wall Street Journal a maggio.

L’argomento è stato oggetto di TED Talks e di popolari account sui social media. La scorsa primavera, la Stanke ha postato una foto dei festeggiamenti per il suo 21° compleanno, trascorso in viaggio e in visita alla centrale nucleare di Vogtle in Georgia, che era nella sua lista di presenze da Miss America. Un altro momento saliente: un tour della Palo Verde Generating Station in Arizona.

Uno dei messaggi principali di Stanke è la necessità di assumere lavoratori più giovani.

L’età media di un operatore di reattori nucleari è di oltre 40 anni, ha detto. “Questo è un grosso problema”.
Jon Wentzel, vicepresidente della comunicazione del gruppo commerciale Nuclear Energy Institute, che rientra in questa fascia d’età, è d’accordo.

“L’aspetto entusiasmante è che non ha 50 anni”, ha detto.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top