skip to Main Content

Il piano di Macron su nucleare, idrogeno, auto elettriche, spazio e non solo

Macron Piano

Emmanuel Macron ha presentato i dettagli del piano di investimenti della Francia da 30 miliardi di euro. Il punto di Giuseppe Gagliano

Martedì 12 ottobre, Emmanuel Macron ha presentato per quasi due ore i dettagli del piano francese di investimenti da 30 miliardi di euro volto a “trovare la strada per l’indipendenza della Francia e dell’Unione europea” e “per rispondere alle grandi sfide del nostro tempo”.
Il presidente della Repubblica ha prima parlato delle grandi sfide che attendono la Francia. La sfida climatica, che “cambia i nostri mezzi di produzione e consumo” e dovrebbe portarci, secondo Macron, a “ripensare i nostri metodi alimentari collettivi”. La sfida demografica, con l’aumento del numero degli abitanti del pianeta. “Le nostre società stanno affrontando l’invecchiamento demografico” e anche “la pressione delle grandi migrazioni”, ha precisato il Capo dello Stato. Poi, la sfida delle disuguaglianze, accelerata dallo “sconvolgimento dell’economia mondiale”. “La crisi che abbiamo appena vissuto ha rafforzato queste grandi sfide”, ha affermato Emmanuel Macron.
Secondo il Capo dello Stato, questi investimenti dovrebbero consentire di superare le debolezze del modello francese. Tra questi, “un sottoinvestimento nella ricerca. Abbiamo disinvestito molto”, ha così lamentato il presidente della Repubblica, prima di aggiungere che in più “lavoriamo meno degli altri [paesi] cumulativamente. Questo resta vero […] Se vogliamo continuare a riparare le disuguaglianze, dobbiamo produrre di più” aggiunge.
Tuttavia, Emmanuel Macron non “crede” che a queste debolezze si possa rimediare minando il modello sociale francese. “Dobbiamo migliorare l’efficienza della spesa sociale” ritiene, e “fare riforme per produrre di più e trovare il filo conduttore della coppia “innovare-produrre”. L’obiettivo è risolvere il problema posto da un triplice deficit francese: “il deficit di crescita potenziale, il deficit pubblico e il deficit del commercio estero”.
L’obiettivo di France 2030 è, secondo Emmanuel Macron, gettare le basi per costruire un “circolo virtuoso”. “Dobbiamo ora adottare una strategia che permetta di innovare, produrre, esportare e quindi finanziare il nostro modello sociale”, sostiene il presidente della Repubblica, che però tempera: “Non dico che saremo leader in tutti i settori, perché siamo in una competizione aperta. Ma bisogna guardare in quali settori possiamo essere in testa”. Emmanuel Macron ritiene, inoltre, che ci siano settori in cui la Francia è rimasta indietro, il che costituisce “una minaccia”, ma “non possiamo abbandonarli”.
Per questo il Presidente della Repubblica ha fissato precisi obiettivi:
  • Investire 1 miliardo di euro nel nucleare
Mentre il futuro del nucleare diventa una questione chiave nelle elezioni presidenziali del 2022, Emmanuel Macron è chiaramente a favore dell’atomo. “200.000 donne e uomini francesi lavorano nell’industria nucleare, questa è una possibilità”, secondo il presidente della Repubblica. “Dobbiamo reinvestire per essere in prima linea nelle innovazioni rivoluzionarie nel settore”, ha affermato, citando in particolare lo sviluppo di “piccoli reattori” (Small modular reattori, o SMR). EDF deve portare il proprio modello sul mercato entro il 2030.
Emmanuel Macron vuole anche vedere sviluppate “tecnologie per ridurre gli sprechi”. “Siamo pronti a investire 1 miliardo di euro entro il 2030 per accelerare”, annuncia il presidente. “Abbiamo assolutamente bisogno di questa tecnologia, migliorando la sicurezza, abbassando i costi e riducendo gli sprechi”
  • Diventare il leader nell’idrogeno verde nel 2030
Questa è una delle grandi sfide del piano Francia 2030: sfruttando la sua ricerca, la sua rete di start-up, i suoi colossi industriali come Air Liquide e la sua significativa produzione di elettricità carbon free grazie al nucleare, la Francia deve ” diventare il leader dell’idrogeno verde nel 2030″, ha annunciato Emmanuel Macron. “Questo è uno dei settori in cui possiamo essere leader”, ha affermato, chiedendo investimenti “massicci” in questo settore. Concretamente, entro il 2030, la Francia “deve poter contare sul suo suolo almeno due gigafabbrica di el elettrolizzatori e produrrà in maniera massiccia idrogeno e tutte le tecnologie utili al suo utilizzo”, ha aggiunto il Presidente della Repubblica.
  • Accelerare la decarbonizzazione dell’industria
Una delle sfide della transizione ecologica sarà ridurre le emissioni di gas serra del settore industriale. “Tra il 2015 e il 2035 dobbiamo ridurre le emissioni di gas serra nel settore del 35%. È una rivoluzione. Ma siamo solo al 4% “, ha avvertito Emmanuel Macron. “Dobbiamo intensificare la decarbonizzazione. È estremamente costoso per tutti i siti industriali, poiché occorrono diverse centinaia di migliaia di euro per sito”, ha precisato il presidente, che annuncia che in totale, i primi tre obiettivi – che riguardano la riduzione delle emissioni. e il finanziamento dell’energia mix – sarà abbinato a 8 miliardi di euro.
  • Produrre 2 milioni di veicoli elettrici e ibridi
Un’altra ambizione del Presidente della Repubblica: la produzione di due milioni di veicoli elettrici e ibridi entro il 2030. Affinché i veicoli inquinanti vengano gradualmente sostituiti da nuove auto che inquinano meno, Emmanuel Macron desidera affidarsi a una “strategia industriale”. “Non vogliamo diventare la nazione che guida la più green con veicoli non prodotti in casa”, giustifica Emmanuel Macron. I grandi produttori devono quindi collaborare affinché questo obiettivo sia raggiunto. “Se loro non stanno al gioco, non ci riusciremo”, ritiene il Capo dello Stato, che ritiene “sostenibile” questa ambizione.
  • Produrre il primo aereo a basse emissioni di carbonio entro il 2030
Sempre in tema di trasporti, la Francia deve vedere la nascita del primo aereo low carbon “entro il 2030”. “I migliori esperti mi hanno detto: mai nel 2035. Questa lotta dovrà essere “europeizzata al massimo”, ha precisato, ma l’aeronautica, come l’automobile, è “al centro del futuro industriale francese”. Sono previsti massicci investimenti in questi due “attori dei trasporti del futuro”, dell’ordine di “quasi quattro miliardi di euro”, ha annunciato il presidente della Repubblica.
  • Accelerare la robotizzazione e la digitalizzazione dell’agricoltura
2 miliardi di euro saranno dedicati al settore agricolo per renderlo più competitivo. Questi investimenti mireranno a sviluppare tecnologie “digitali, robotica e genetica”, ha annunciato Emmanuel Macron. “Ciò richiede tecnologie innovative, ad esempio con la robotica, che miglioreranno la qualità della vita [dei produttori] e ridurranno l’uso di pesticidi”, spiega. L’obiettivo è quindi rispondere a diverse sfide: produrre in modo “sano, sostenibile e tracciabile”, ovvero produrre di più decarbonizzando l’agricoltura. Il Presidente della Repubblica intende anche “ripristinare il valore dell’agricoltura” permettendo agli agricoltori di essere “pagati per quello che fanno”
  • Avere 20 farmaci biologici contro il cancro e creare i dispositivi medici di domani
Emmanuel Macron ha fornito alcuni dettagli sul piano sanitario annunciato qualche settimana fa. Ha ricordato che nel campo della salute verrebbero investiti 7,5 miliardi di euro, per “trovare la testa su una medicina predittiva innovativa”. Ha chiesto una rivoluzione medica che, secondo lui, sarà basata sulla convergenza tra innovazioni rivoluzionarie con l’intelligenza artificiale. “Il nostro obiettivo è avere almeno 20 farmaci biologici contro il cancro, le malattie emergenti e le malattie croniche e creare i dispositivi domani le visite mediche”, ha precisato il Capo dello Stato.
  • Mettere la Francia “in prima linea nella tutela dei contenuti culturali e creativi”
Di fronte a titani americani come Amazon e Netflix, la Francia deve difendere la sua “immaginazione”. In questa battaglia culturale, la Francia deve mettere in luce le sue creazioni, la sua storia, i suoi valori, ha affermato Emmanuel Macron. Una lotta “sia di civiltà che creatrice di valore”, ha osservato. L’esecutivo vuole quindi “mettere in campo, con gli attori, una massiccia strategia di investimento”, prima nella formazione di professionisti come sceneggiatori o tecnici, poi nella costruzione di “grandi studi” utili agli attori dell’audiovisivo. “Dobbiamo stimolare gli investimenti privati per creare sinergie”, ha insistito l’inquilino dell’Eliseo, al fine di preparare meglio la Francia al “concorso per creare l’immaginario francese ed europeo di domani”.
  • Reinvestire nella conquista dello spazio
Mentre lo spazio è diventato il campo di conquista di nuovi poteri e società private, come SpaceX, Emmanuel Macron spera di vedere la Francia “prendere parte all’avventura spaziale”. “Si sta costruendo un nuovo spazio”, crede. “Il mondo che pensavamo fosse impossibile sta accadendo molto più velocemente di quanto pensassimo.” Il Capo dello Stato vuole quindi sostenere l’industria francese nello sviluppo di mini-lanciatori o microsatelliti riutilizzabili.
  • Esplora i fondali
Il Presidente della Repubblica ritiene che vi siano anche “innovazioni di punta” da realizzare ipotizzando un “investimento nel settore dei fondali profondi”. Ha chiarito che non si tratta di sfruttare questi fondi, ma piuttosto di esplorarli. “Chi può accettare che lasciamo una parte così importante del globo nell’ignoto più completo”, giustifica. Secondo lui, l’esplorazione dei fondali è una “leva straordinaria per comprendere gli esseri viventi”. Permetterebbe inoltre di accedere ad alcuni “metalli rari”, di comprendere il funzionamento di nuovi ecosistemi e di innovare in termini di salute.
  • Quasi 6 miliardi di euro di investimenti in componenti elettronici
Per realizzare questi obiettivi, il Presidente della Repubblica ha posto diverse condizioni: mettere in sicurezza le materie prime, compresi i componenti fisici ed elettronici – sono stati annunciati investimenti di “quasi 6 miliardi di euro” in quest’area per “raddoppiare” la produzione elettronica entro il 2030 e ” garantire” la fornitura di chip -, andare “oltre” nel cloud, investire in “talenti” migliorando la formazione e adottare una strategia di investimento di capitale per facilitare il finanziamento delle innovazioni.
Per concludere, il Presidente della Repubblica ha chiarito di voler costruire questo piano maggiormente con l’Europa. Una collaborazione che Emmanuel Macron dice di aver già avviato nei mesi scorsi con Angela Merkel e che desidera continuare. “Ci saranno elementi di concorrenza ma dobbiamo creare sinergie il più possibile”, ha detto, aggiungendo che le prime misure saranno messe in atto dal 1 gennaio 2022.
Questo piano, dotato di 30 miliardi di euro, rappresenta una spesa significativa per la Francia. Ma Emmanuel Macron “assume in pieno” questo peso finanziario, ha detto nel suo discorso introduttivo, ritenendolo indispensabile e promettente spesa per il futuro: “se non prendiamo questa svolta, continueremo a peggiorare i nostri deficit con l’estero, a creare anche pochi posti di lavoro e opportunità per i nostri giovani. Presumo pienamente un Paese che investe nella creazione di nuovi settori […] per spendere meno per l’assicurazione contro la disoccupazione e la riparazione dei destini”, ha dichiarato il Presidente della Repubblica.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore