skip to Main Content

Le tasse sul diesel provocano i primi scazzi nella coalizione tedesca

Obbligo Vaccinale

Il governo semaforo che guiderà la Germania dopo l’era Merkel non è ancora decollato e sta già vivendo i suoi primi attriti, a partire dalle tasse per gli automobilisti. Ecco cosa dice El Pais

 

I liberali – scrive El Pais – vogliono evitare più tasse per gli automobilisti. Il governo semaforo che guiderà la Germania dopo l’era Merkel non è ancora decollato e sta già vivendo i suoi primi attriti. Due membri della coalizione tripartita, i liberali e i Verdi, si sono già scontrati sulle tasse sul diesel, una questione molto delicata in un paese che è assolutamente votato all’auto privata e dove l’industria automobilistica è uno dei pilastri dell’economia.

Il futuro ministro dei Trasporti, il liberale Volker Wissing, ha detto che vuole evitare un carico fiscale più alto sugli automobilisti diesel, al che diversi politici ambientalisti hanno risposto con indignazione, accusandolo di ignorare l’accordo di coalizione prima ancora di essere entrato nel governo.

La disputa è ancora sottotono e non si è veramente accesa perché gli alti funzionari dei Verdi non si sono espressi pubblicamente, ma ha portato alla luce il profondo disagio tra gli ambientalisti al passaggio dei Trasporti ai liberali. È un ministero con molta meno brillantezza di altri come Finanze, Economia e Clima o Affari Esteri, ma con competenze chiave. La strategia dei Verdi per decarbonizzare l’economia tedesca e anticipare la transizione energetica comporta la gestione delle politiche di mobilità: aviazione, treni, strade, trasporto merci e, naturalmente, i carburanti.

Il partito dei Verdi ha pensato che il suo co-leader, Robert Habeck, avrebbe dovuto cedere le finanze a Christian Lindner, il presidente del liberale Fdp. Ma il fatto che il terzo partito della coalizione prenda anche i Trasporti ha colpito il gruppo parlamentare dei Verdi. Der Spiegel ha riferito nel fine settimana che i deputati hanno chiesto una spiegazione alla leadership dopo che la distribuzione dei ministeri è diventata nota e che Habeck ha cercato di calmare gli animi ricordando loro che avevano assicurato l’Agricoltura e l’Ambiente, portafogli che sono altrettanto centrali nella lotta contro l’emergenza climatica. Ciò che gli ambientalisti temono ora è che Wissing ottenga milioni di sussidi dal suo collega di partito Lindner per continuare ad alimentare l’auto privata mentre taglia i progetti verdi dei ministeri dell’ambiente.

Se c’è una cosa che ossessiona l’Fdp è l’aumento delle tasse. Gran parte della loro campagna elettorale era basata sull’assicurare ai tedeschi che la pressione fiscale non sarebbe aumentata. E hanno ottenuto questo impegno per iscritto nell’accordo di coalizione. Ma il contratto include anche una futura “armonizzazione fiscale del diesel e della benzina”.

Questo significa fondamentalmente che gli automobilisti tedeschi con veicoli diesel pagheranno di più per fare il pieno alle loro auto. Lo Stato tedesco tassa un litro di benzina a 65,5 centesimi, mentre un litro di diesel costa solo 47 centesimi. Equiparare le due cose equivale a quasi 18 centesimi in più per litro di diesel, che nel corso dell’anno può aumentare i conti di almeno 200 euro per un autista che percorre circa 50 chilometri al giorno. L’ultimo sondaggio sulla mobilità in Germania mostra che il 64% degli spostamenti verso il lavoro sono fatti con l’auto privata (il trasporto pubblico rappresenta il 26% e la bicicletta il 24%).

La frase di Wissing che ha incendiato i Verdi è stata: “L’Fdp farà in modo che le tasse più alte sull’energia diesel siano compensate da tasse più basse sui veicoli”, riferendosi a una riduzione della tassa di circolazione per i proprietari di auto diesel.

Il ministro dei Trasporti del Baden-Württemberg, Winfried Hermann, degli ambientalisti che guidano il governo di coalizione nello Stato occidentale, lo ha accusato di ignorare l’accordo di coalizione. Julia Willie Hamburg, leader dei Verdi nel parlamento della Bassa Sassonia, ha criticato il “comportamento polarizzante e disunificante” del futuro ministro dei Trasporti, che ha descritto come “un colpo al governo semaforo, che non ha nemmeno iniziato a lavorare”. Il portavoce della politica ferroviaria Matthias Gastel ha criticato sui suoi social media: “Un futuro ministro dei Trasporti del governo semaforo dovrebbe essere prima di tutto un sostenitore di treni, autobus e biciclette […] e dimenticare i combustibili fossili.”

In effetti, l’accordo di coalizione sembra aprire la porta alla compensazione per i costi più elevati dell’adeguamento della benzina e del diesel. Il testo afferma che quando entrerà in vigore la direttiva europea sulla tassazione energetica nota come Fit for 55 (che mira a ridurre le emissioni del 55% entro il 2030) – e che include l’armonizzazione – la tripartizione “rivedrà il trattamento fiscale dei veicoli diesel nella tassazione dei veicoli a motore”.

La frase è sufficientemente ambigua perché Wissing si attenga a essa quando si tratta di risarcire i proprietari di auto diesel. I socialdemocratici di Olaf Scholz sono finora rimasti fuori dalla controversia, il che rende le cose più difficili per i Verdi.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore