skip to Main Content

La transizione energetica trivellerà petrolio e gas

Energia Donne Transizione Energetica

Ogni scenario di transizione energetica comporta un calo della domanda di petrolio, secondo Wood Mackenzie. L’articolo di Alessandro Sperandio per Energia Oltre

La transizione energetica sta mettendo a rischio fino a 14 trilioni di dollari in asset di petrolio e gas. La stima arriva da Wood Mackenzie, citata da Reuters, nell’ultimo scenario catastrofico per l’industria energetica.

 NEL BREVE TERMINE BUONE PROSPETTIVE PER PETROLIO E GAS

A breve termine, il futuro sembra avere buone prospettiva per petrolio e gas, secondo la società di consulenza. La domanda di petrolio e gas tornerà ai livelli pre-pandemici e addirittura li supererà, raggiungendo i 160 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno.

A ciò si aggiunge il fatto che le compagnie petrolifere e del gas stanno diventando ancora più snelle e cattive, e quest’anno saranno in grado di generare tanto flusso di cassa a 60 dollari al barile quanto riuscivano a fare quando il greggio era a 100 dollari al barile di Brent sette anni fa, hanno spiegato gli analisti di Wood Mac.

NEL LUNGO TERMINE PROSPETTIVE PIU’ FOSCHE

Nel lungo termine, tuttavia, le cose iniziano a sembrare diverse, con ogni scenario di transizione energetica che comporta un calo della domanda di petrolio.

Nello scenario più ottimista la domanda globale di gas e petrolio diminuirebbe lentamente e gradualmente, fino a raggiungere i 90 milioni di barili al giorno nel 2050. In questo caso gli investimenti in nuova produzione vedrebbe i prezzi salire sopra gli 80 dollari al barile entro il 2030.

Tuttavia, se il mondo decidesse di perseguire lo scenario di contenimento del riscaldamento entro i 2 gradi, la domanda di petrolio potrebbe scendere fino a 35 milioni di barili al giorno entro il 2050, con un picco di crescita della domanda entro il 2025. Ciò significherebbe prezzi del Brent di 40 dollari al barile in media nel 2030 e a un livello più in basso successivamente, secondo il rapporto Wood Mac.

Anche nello scenario più ambizioso, “il mondo avrà ancora bisogno della fornitura di petrolio e gas per i decenni a venire, e le dimensioni del settore rimarranno enormi”, secondo il vicepresidente di Wood Mackenzie Fraser McKay.

IL RAPPORTO ARRIVA DOPO LA RICHIESTA DI AIE DI STOP AGLI INVESTIMENTI DI IDROCARBURI

Il rapporto arriva appena un giorno dopo che l’Agenzia internazionale per l’energia ha invitato l’industria energetica a interrompere gli investimenti nella nuova produzione di petrolio in questo momento, in modo che il mondo possa raggiungere i suoi obiettivi dell’accordo di Parigi 2050.

 

Articolo pubblicato da EnergiaOltre, qui la versione integrale. 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore