skip to Main Content

Perché Kerry avverte l’Europa sulla tassa sul carbonio

Kerry Tassa Sul Carbonio

Kerry ha detto al Financial Times di essere “preoccupato” per la tassa sul carbonio europea e ha invitato Bruxelles ad aspettare

John Kerry, ora inviato di Joe Biden per il clima, ha avvertito l’UE che un aggiustamento della tassa sul carbonio alla frontiera dovrebbe essere una “ultima risorsa”, alla fine di un viaggio di quattro giorni che mirava a costruire un’alleanza transatlantica sul clima prima dei colloqui sul clima delle Nazioni Unite a novembre.

L’ex segretario di stato ha detto al Financial Times di essere “preoccupato” per i prossimi piani di Bruxelles per un meccanismo di aggiustamento alla frontiera del carbonio e ha esortato l’UE ad aspettare fino a dopo la conferenza sui cambiamenti climatici COP26 a Glasgow per andare avanti.

“Essa [una tassa alla frontiera sul carbonio] ha serie implicazioni per le economie, e per le relazioni, e il commercio”, ha detto. “Penso che sia qualcosa che è più di un’ultima risorsa, quando si sono esaurite le possibilità di ottenere riduzioni delle emissioni e di unirsi in un qualche tipo di accordo in cui tutti si fanno carico degli oneri”.

Bruxelles ha detto che il meccanismo di aggiustamento delle frontiere del carbonio sarà progettato per colpire “chirurgicamente” le importazioni dai paesi che non hanno firmato la neutralità climatica entro la metà di questo secolo. Ci si aspetta che inizialmente colpisca le importazioni come l’acciaio e il cemento dai paesi vicini dell’Europa orientale, dalla Turchia e dal nord Africa.

Il meccanismo è il fulcro della spinta verde dell’UE, con una bozza di proposta attesa per giugno.
Mentre l’UE ha esortato gli Stati Uniti a seguire il suo esempio in aree come il carbon pricing e la nuova “tassonomia” verde, che crea standard e definizioni verdi, Kerry ha suggerito che gli Stati Uniti sono più propensi a forgiare il proprio percorso in queste aree.

Il viaggio di Kerry questa settimana, che ha attraversato Londra, Bruxelles e Parigi, è uno dei primi tour internazionali di una Casa Bianca che si è impegnata a mettere la politica climatica al centro dei suoi sforzi diplomatici.

La nuova amministrazione Biden e l’UE hanno lavorato per sviluppare una strategia condivisa prima della COP26, e stanno collaborando per chiedere alla Cina, il più grande emettitore del mondo, di ridurre le emissioni più rapidamente.

Tuttavia, alcune crepe sono emerse nelle conversazioni intorno alla tassonomia, che Bruxelles sta lavorando per finalizzare, e il meccanismo di aggiustamento alle frontiere del carbonio dell’UE.

Il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha detto a Kerry che gli Stati Uniti e l’UE dovrebbero sviluppare una tassonomia “identica”, che assicurerebbe standard verdi comuni su entrambi i lati dell’Atlantico. “Sarebbe un peccato se alla fine  avessimo due set di regole in Europa e negli Stati Uniti”, ha detto Le Maire in una conferenza stampa.

Kerry non sembra accettare il suggerimento francese.

“Sospetto che la segretaria del Tesoro degli Stati Uniti, Janet Yellen, il nuovo presidente della SEC, Gary Gensler, e altri avranno molto da dire su dove ci stiamo dirigendo esattamente per quanto riguarda la divulgazione finanziaria, la tassonomia, le obbligazioni verdi e altre cose”, ha detto.

“Sarà imperativo per gli Stati Uniti pesare, sia con la propria tassonomia, che dobbiamo fare, o ovviamente lavorare con altri paesi”, ha detto, aggiungendo che nessuna decisione finale è stata presa.

“Ovviamente, gli Stati Uniti hanno forti sentimenti sul fatto di non avere una regolamentazione eccessiva”, ha detto, mentre discuteva la tassonomia. “Penso che lo salvaguarderemo”.

Sull’aggiustamento alla frontiera del carbonio, Kerry ha esortato l’UE ad evitare di mettere in atto una nuova tariffa prima della COP26 a novembre.

“[Lasciamo] aperta la possibilità di rendere Glasgow il momento in cui ci riuniamo con un accordo su ciò che faremo tutti e non è necessario avere un adeguamento alle frontiere”, ha detto.

L’incontro di Glasgow sarà un successo, secondo Kerry, se tutti i paesi adotteranno obiettivi di emissioni nette zero, il che significa tagliare le emissioni vicino allo zero.

Gli Stati Uniti ospiteranno i 20 maggiori emettitori del mondo in un incontro sul clima ad aprile, e ci si aspetta che annuncino i propri nuovi obiettivi climatici al vertice.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore