Energia

Ecco i nuovi piani di Biden su gas e petrolio

di

Usa

Biden si muove per vietare nuovi contratti di estrazione di gas e petrolio sui terreni federali. La sua agenda climatica è ampia e ambiziosa, e non sarà facile ottenere l’approvazione del Congresso. L’approfondimento del New York Times

Il presidente Biden mercoledì darà istruzioni alle agenzie federali per determinare quanto dovrebbe essere espansivo il divieto di nuovi contratti per l’estrazione di petrolio e gas sui terreni federali, parte di una serie di ordini esecutivi che lanceranno efficacemente la sua agenda per combattere il cambiamento climatico, hanno detto lunedì due persone con conoscenza dei piani del presidente – scrive il NYT.

Un eventuale divieto di nuovi contratti per la trivellazione manterrebbe una promessa di campagna che ha fatto infuriare l’industria petrolifera ed è diventato un tema centrale nella lotta per lo stato critico della Pennsylvania, dove il metodo di estrazione del gas naturale noto come fratturazione idraulica, il fracking, è diventato un grande business.

La mossa è la più importante tra le tante che Biden ha annunciato mercoledì, hanno detto le due persone. Il presidente inoltre ordinerà al governo di conservare il 30% di tutta la terra e dell’acqua federale entro il 2030, creerà una task force per assemblare un piano d’azione a livello governativo per la riduzione delle emissioni di gas serra, pubblicherà un memorandum che elevi il cambiamento climatico a priorità di sicurezza nazionale. Biden creerà anche diverse nuove commissioni e posizioni all’interno del governo incentrate sulla giustizia ambientale e sulla creazione di posti di lavoro rispettosi dell’ambiente, tra cui una per aiutare le comunità che hanno perso il business del carbone.

I programmi e i proclami dovrebbero segnalare che il cambiamento climatico è tornato all’ordine del giorno del governo, più grande che mai. Quello che non riusciranno a realizzare, almeno per ora, è una rapida riduzione delle emissioni di gas serra.

Un portavoce della Casa Bianca si è rifiutato di commentare gli ordini, e due persone vicine all’amministrazione hanno notato che le decisioni finali su di essi sono ancora in fase di perfezionamento.

La probabilità che il Congresso possa approvare ampie parti dell’agenda dei 2.000 miliardi di dollari di Biden sul cambiamento climatico è solo leggermente maggiore ora che i Democratici detengono la maggioranza più sottile possibile in un Senato al 50 per cento. C’è poca speranza di far passare una carbon tax o un altro meccanismo per dare un prezzo all’inquinamento da gas serra, che spingerebbe le aziende attente ai costi ad emettere meno emissioni.

Senza una legislazione, l’amministrazione dovrà fare affidamento sul processo di regolamentazione per ridurre le emissioni di gas serra delle centrali elettriche e migliorare l’efficienza del carburante dei veicoli, ma anche questo richiede tempo. Non può essere fatto per ordine esecutivo.

“Le tonnellate di inquinamento da carbonio nell’aria sono ciò che conta alla fine”, ha detto Tim Profeta, direttore del Nicholas Institute for Environmental Policy Solutions della Duke University .

Profeta ha detto che gli ordini di mercoledì hanno rappresentato un primo passo importante.

“L’amministrazione Biden può fare molto per iniziare a mettere il paese sulla giusta traiettoria con le proprie autorità”, ha detto Profeta. Mercoledì, ha detto, “inizia il processo”.

Il previsto giro di vite sui nuovi contratti di concessione per l’estrazione di petrolio e gas va oltre le azioni di Biden nel giorno dell’inaugurazione, che ha fermato il Dipartimento degli Interni e l’autorità di altre agenzie per il rilascio di contratti di locazione o permessi di trivellazione per 60 giorni, mentre l’amministrazione ha esaminato le implicazioni legali e politiche dell’attuale programma federale di locazione di minerali.
La nuova politica chiederà alle agenzie di considerare quanta terra e quante acque federali devono essere preservate dalle miniere e dalle trivellazioni o messe da parte per la produzione di energia rinnovabile, secondo le due persone che hanno familiarità con quell’ordine, che hanno parlato a condizione di anonimato perché non erano autorizzate a discutere pubblicamente la questione.

L’estrazione di combustibile fossile su terreni e acque pubbliche è responsabile di quasi un quarto di tutte le emissioni di anidride carbonica degli Stati Uniti, e Biden ha fatto una campagna per porre fine alle nuove trivellazioni come chiave per affrontare il cambiamento climatico.
“È di vitale importanza che il Presidente Biden vieti definitivamente tutte le nuove estrazioni di combustibili fossili, incluso il fracking, su terreni e acque federali”, ha detto Mitch Jones, direttore politico di Food & Water Watch, un gruppo ambientalista.

Durante tutta la campagna, l’ala sinistra del Partito Democratico ha fatto pressione su Biden per chiedere un divieto nazionale del fracking, anche su terreni privati, dove si pratica la maggior parte del fracking. Biden ha rifiutato, ma l’industria del petrolio e del gas è rimasta scettica. La sua mossa nel giorno dell’inaugurazione ha portato la condanna del settore e di alcuni proprietari terrieri.

“Il suo ordine è un attacco diretto alla nostra economia, alla sovranità e al nostro diritto all’autodeterminazione”,ha scritto la tribù indiana degli Ute dello Utah al Dipartimento dell’Interno in una lettera rilasciata dall’American Petroleum Institute.

La task force sul clima che ci si aspetta che Biden crei elaborerà un piano per quello che i funzionari dell’amministrazione amano definire un approccio al cambiamento climatico “di tutto il governo”, e si concentrerà su due aree principali: la giustizia ambientale e la creazione di posti di lavoro.

Gli esperti hanno detto che ogni agenzia dovrà prendere in considerazione il cambiamento climatico nelle decisioni del governo, dagli appalti federali ai regolamenti finanziari fino agli accordi legali.

Creerà anche un certo numero di consigli e comitati per cercare di assicurare che le comunità povere e minoritarie, così come gli americani che vivono nelle aree del carbone, vedano i benefici economici delle politiche energetiche pulite.

Biden dovrebbe anche rilanciare e rafforzare un memorandum presidenziale dell’era Obama nel 2016, elevando il cambiamento climatico a priorità di sicurezza nazionale e richiedendo alle agenzie di intelligence di incorporare il cambiamento climatico nelle loro analisi delle minacce alla sicurezza nazionale.

Alice Hill, che ha supervisionato la pianificazione del clima per il Consiglio di Sicurezza Nazionale durante l’amministrazione Obama, ha detto che la direzione da parte del presidente è necessaria perché gli alti responsabili politici che richiedono tale analisi, e i funzionari dell’intelligence che la preparano, spesso non hanno esperienza nel pensare ai rischi climatici.

Lei e altri hanno detto che Biden aveva bisogno di andare oltre, potenzialmente convertendo il memorandum in un ordine esecutivo che ha più autorità per indirizzare le agenzie ad adottare misure come la definizione di strategie e politiche per affrontare le minacce legate al clima.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

Articoli correlati