skip to Main Content

Biden

Ecco come l’Ira di Biden sta cambiando l’energia negli Stati Uniti. Report Nyt

L'Inflation Reduction Act di Biden ha alimentato una forte crescita degli investimenti nell'energia solare. Ma la legge non è riuscita a stimolare l'industria eolica. L'approfondimento del NYT.

Gli investimenti privati in progetti di energia pulita come i pannelli solari, l’idrogeno e i veicoli elettrici hanno subito un’impennata dopo che il Presidente Biden ha firmato una legge sul clima l’anno scorso, uno sviluppo che dimostra come gli incentivi fiscali e le sovvenzioni federali abbiano contribuito a rimodellare alcune spese dei consumatori e delle imprese negli Stati Uniti.

COSA DICONO I DATI SULL’EFFICACIA DELL’INFLATION REDUCTION ACT

I nuovi dati diffusi mercoledì suggeriscono che la legge sul clima e altre parti dell’agenda economica di Biden hanno contribuito ad accelerare lo sviluppo delle catene di fornitura automobilistica nel sud-ovest americano, sostenendo i tradizionali centri di produzione automobilistica nel Midwest industriale e nel sud-est. La legge del 2022, approvata con il solo sostegno dei Democratici, ha favorito gli investimenti nelle fabbriche in bastioni conservatori come il Tennessee e negli Stati in bilico del Michigan e del Nevada. La legge ha anche contribuito a finanziare una spesa per auto elettriche e pannelli solari domestici in California, Arizona e Florida.

I dati mostrano che nell’anno successivo all’approvazione della legge sul clima, la spesa per le tecnologie a energia pulita ha rappresentato il 4% degli investimenti totali della nazione in strutture, attrezzature e beni di consumo durevoli – più del doppio rispetto a quattro anni fa.

L’EOLICO RESTA INDIETRO

Finora la legge non è riuscita a dare impulso a un settore chiave della transizione dai combustibili fossili che Biden sta cercando di accelerare: l’energia eolica. Gli investimenti nazionali nella produzione di energia eolica sono diminuiti nell’ultimo anno, nonostante i forti incentivi previsti dalla legge sul clima per i produttori. E finora la legge non ha cambiato la traiettoria della spesa dei consumatori per alcune tecnologie di risparmio energetico, come le pompe di calore ad alta efficienza.

Ma il rapporto, che scende a livello statale, fornisce il primo sguardo dettagliato su come le politiche industriali di Biden stiano influenzando le decisioni di investimento nell’energia pulita nel settore privato.

I dati provengono dal Clean Investment Monitor, una nuova iniziativa della società di consulenza Rhodium Group e del Massachusetts Institute of Technology’s Center for Energy and Environmental Policy Research. I risultati vanno oltre le semplici stime della Casa Bianca e di altri paesi, fornendo lo sguardo più completo sugli effetti dell’agenda economica di Biden sull’emergente economia americana dell’energia pulita.

Tra i ricercatori che hanno guidato il primo taglio dei dati ci sono Trevor Houser, ex funzionario dell’amministrazione Obama, che è partner di Rhodium, e Brian Deese, ex direttore del Consiglio economico nazionale di Biden, che è un innovation fellow del MIT.

A QUANTO AMMONTANO GLI INVESTIMENTI

L’Inflation Reduction Act, che Biden ha firmato nell’agosto del 2022, comprende un’ampia gamma di incentivi redditizi per incoraggiare la produzione nazionale e accelerare la transizione della nazione dai combustibili fossili. Tra questi, l’ampliamento delle agevolazioni fiscali per la produzione di batterie avanzate, l’installazione di pannelli solari, l’acquisto di veicoli elettrici e altre iniziative. Molte di queste agevolazioni fiscali sono di fatto illimitate, il che significa che potrebbero costare ai contribuenti centinaia di miliardi di dollari – o addirittura superare i mille miliardi di dollari – se riuscissero a stimolare un numero sufficiente di nuovi investimenti.

I funzionari dell’amministrazione Biden hanno cercato di quantificare gli effetti di questa legge, insieme alla legislazione bipartisan sulle infrastrutture e sui semiconduttori firmata dal presidente all’inizio del suo mandato, contando gli annunci di nuove spese da parte delle aziende legati alla legislazione. Un sito web della Casa Bianca stima che le aziende abbiano finora annunciato 511 miliardi di dollari di impegni per nuove spese legate a queste leggi, tra cui 240 miliardi di dollari per veicoli elettrici e tecnologie energetiche pulite.

L’analisi di Rhodium e del M.I.T. si basa su dati provenienti da agenzie federali, gruppi commerciali, annunci aziendali e depositi di titoli, notizie e altre fonti per cercare di costruire una stima in tempo reale dell’entità degli investimenti già effettuati nelle tecnologie di riduzione delle emissioni previste dal programma di Biden. A scopo di confronto, i dati si estendono fino al 2018, sotto il presidente Donald J. Trump.

I numeri mostrano che gli investimenti effettivi – non annunciati – delle imprese e dei consumatori nelle tecnologie per l’energia pulita hanno raggiunto i 213 miliardi di dollari nella seconda metà del 2022 e nella prima metà del 2023, dopo la firma della legge sul clima da parte di Biden. Si tratta di un aumento rispetto ai 155 miliardi di dollari dell’anno precedente e agli 81 miliardi di dollari del primo anno dei dati, sotto il governo Trump.

Le tendenze dei dati suggeriscono che l’impatto dell’agenda di Biden sugli investimenti in energia pulita è variato a seconda dell’economia esistente di ciascuna tecnologia mirata.

DOVE SI CONCENTRANO GLI INVESTIMENTI

I maggiori successi di Biden sono stati quelli di stimolare maggiori investimenti nel settore manifatturiero americano e di catalizzare gli investimenti in tecnologie ancora relativamente nuove sul mercato.

Alimentati in parte da investimenti esteri, come quelli in impianti di batterie in Georgia, gli investimenti effettivi nella produzione di energia pulita sono più che raddoppiati nell’ultimo anno rispetto all’anno precedente, secondo i dati, per un totale di 39 miliardi di dollari. Nel 2018 tali investimenti erano quasi inesistenti.

La maggior parte di questa spesa si è concentrata sulla catena di fornitura dei veicoli elettrici, anche nel nuovo cluster di attività del Sud-Ovest in California, Nevada e Arizona. L’Inflation Reduction Act prevede diverse agevolazioni fiscali per questi investimenti, con requisiti di contenuto nazionale volti a incoraggiare la produzione di minerali critici, batterie e assemblaggio di automobili negli Stati Uniti.

Tuttavia, i grandi vincitori degli investimenti nel settore manifatturiero, in termini di quota dell’economia degli Stati, rimangono i tradizionali Stati dell’auto: Tennessee, Kentucky, Michigan e South Carolina.

La legge sul clima sembra inoltre aver dato impulso agli investimenti nel cosiddetto idrogeno verde, che scinde gli atomi d’acqua per creare un combustibile industriale. Lo stesso vale per la gestione del carbonio, che cerca di catturare e immagazzinare le emissioni di gas serra dagli impianti energetici esistenti o di estrarre il carbonio dall’atmosfera. Tutte queste tecnologie hanno faticato ad affermarsi negli Stati Uniti prima che la legge le premiasse con agevolazioni fiscali.

L’idrogeno e gran parte degli investimenti per la cattura del carbonio si concentrano lungo la costa del Golfo del Messico, una regione piena di aziende già operanti nel settore dei combustibili fossili che hanno iniziato a dedicarsi a queste tecnologie. Un altro gruppo di investimenti per la cattura del carbonio si concentra negli Stati del Midwest, come l’Illinois e l’Iowa, dove le aziende che producono etanolo da mais e altri biocarburanti stanno iniziando a spendere per sequestrare le proprie emissioni.

Gli incentivi per queste tecnologie previsti dall’Inflation Reduction Act, insieme ad altri sostegni previsti dalla legge bipartisan sulle infrastrutture, “cambiano radicalmente l’economia di queste due tecnologie, rendendole per la prima volta ampiamente competitive dal punto di vista dei costi”, ha dichiarato Houser in un’intervista.

Altri incentivi non hanno ancora modificato l’economia di tecnologie critiche, in particolare l’energia eolica, che ha avuto un boom negli ultimi anni ma che ora sta affrontando una battuta d’arresto a livello globale, in quanto i progetti sono sempre più costosi da finanziare.

I PUNTI DEBOLI DELLA LEGGE DI BIDEN

Nel primo semestre di quest’anno gli investimenti nel settore eolico sono stati inferiori a quelli registrati da quando è stato creato il database.

Negli Stati Uniti, i progetti eolici stanno lottando per superare i processi governativi di autorizzazione, trasmissione e localizzazione dei progetti, compresa l’opposizione di alcuni legislatori statali e locali. I progetti solari e i relativi investimenti nello stoccaggio dell’energia solare, ha osservato Houser, possono essere costruiti più vicino ai consumatori e hanno meno ostacoli da superare, e gli investimenti in questi progetti sono cresciuti del 50% nel secondo trimestre del 2023 rispetto all’anno precedente.

Alcuni mercati dei consumatori non si sono ancora lasciati convincere dalla promessa di sgravi fiscali per le nuove tecnologie energetiche. Gli americani non hanno aumentato la spesa per le pompe di calore, anche se la legge copre fino a 2.000 dollari per l’acquisto di una nuova pompa. Inoltre, nell’ultimo anno, gli Stati che hanno speso di più in termini economici per le pompe di calore sono tutti concentrati nel Sud-Est, dove, secondo Houser, è più probabile che i consumatori possiedano già tali pompe e che ne abbiano bisogno di una nuova.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top