skip to Main Content

Cina

L’Ue imporrà dazi contro l’acciaio e l’eolico dalla Cina? Report Le Monde

Dopo quella sui veicoli elettrici, la Commissione europea sta valutando la possibilità di avviare un'indagine anti-sussidi sulle turbine eoliche e sull'acciaio provenienti dalla Cina. L'approfondimento di Le Monde.

Da anni gli Stati Uniti si aspettano che l’Unione Europea (UE) si allinei alla loro agenda e si allontani maggiormente dalla Cina. È troppo presto per dire fino a che punto l’UE-27 sia disposta a spingersi in questa direzione, ma una cosa è certa: dopo aver resistito a lungo alle pressioni di Washington, ora sono molto meno riluttanti a far valere i propri interessi nei confronti di Pechino. La Commissione, che ha appena avviato un’indagine sulle “auto elettriche sovvenzionate dalla Cina”, sta valutando di fare lo stesso in altri due settori in cui il Regno di Mezzo ha lasciato il segno: l’acciaio, secondo un articolo del Financial Times di martedì 10 ottobre confermato da Le Monde, e l’energia eolica.

L’arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca dopo gli anni di Trump ha indubbiamente ravvivato i legami transatlantici, tanto più che Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, vi è particolarmente legata. Ma non è tutto – leggiamo nell’articolo del giornalista di Le Monde. La pandemia di Covid-19 nel 2020 ha mostrato i limiti delle catene del valore globalizzate, quando le fabbriche cinesi si sono bloccate. La guerra in Ucraina, iniziata nel febbraio 2022, ha messo il Vecchio Continente di fronte alla sua dipendenza dall’energia russa e ha accelerato le aspirazioni di “sovranità” di un’UE da tempo refrattaria a questo concetto molto francese. Infatti, anche l’Italia, l’unico Paese del G7 ad aver preso parte al progetto cinese delle “Nuove vie della seta”, ha annunciato all’inizio di settembre che stava considerando di ritirarsi dal progetto.

Anche l’impegno dell’Europa a raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio entro il 2050 la spinge ad adottare un certo grado di autonomia. Traumatizzata dal precedente dei pannelli solari, che ha visto l’industria europea spazzata via dalla concorrenza cinese, vuole evitare a tutti i costi che si ripeta. Negli ultimi anni, la Cina si è affermata in diversi segmenti dell’industria verde ed è addirittura il principale produttore dei materiali critici utilizzati nella produzione di queste nuove tecnologie.

Raddoppiare o triplicare i dazi doganali

Nel settore automobilistico, la Cina non solo esporta sempre più auto elettriche in Europa, ma è anche il principale fornitore di batterie per i produttori occidentali. Si tratta di una questione importante in un momento in cui gli Stati membri dell’UE hanno deciso di eliminare gradualmente i motori a combustione interna entro il 2035. Allo stesso modo, per quanto riguarda l’energia eolica, la Cina è imprescindibile, mentre gli europei hanno deciso di raddoppiare la quota delle rinnovabili (al 42,5%) nel loro consumo energetico entro il 2030.

In questo contesto, il 13 settembre l’esecutivo UE ha annunciato un’indagine antisovvenzioni sulle auto elettriche cinesi, con grande soddisfazione degli americani. “Stiamo arrivando a prezzi [per questi veicoli] che non capiamo davvero come possano essere truccati”, ha spiegato il commissario europeo per la concorrenza, Didier Reynders, a BFM Business il 5 ottobre. Bruxelles sospetta che Pechino sovvenzioni massicciamente le sue case automobilistiche concedendo loro prestiti a tassi preferenziali, concedendo loro agevolazioni fiscali e fornendo loro materie prime e componenti a basso costo.

Concorrenza sleale

Il 24 ottobre, l’esecutivo UE potrebbe annunciare un’iniziativa simile per l’energia eolica. Didier Reynders ha annunciato il 5 ottobre che “se vediamo la possibilità di aiuti eccessivi da parte della Cina, potremmo aprire un’indagine”, in un momento in cui gli operatori del settore denunciano la concorrenza sleale cinese ed esprimono allarme per l’aumento dei tassi di interesse, che sta minando la redditività dei loro progetti. Se, dopo i pannelli solari, “viene inclusa l’energia eolica, abbiamo davvero un problema di sovranità”, sottolinea un diplomatico europeo.

Il commissario per l’energia Kadri Simson, che sarà a Pechino dall’11 al 13 ottobre, ha dichiarato lunedì 9 ottobre di “prepararsi a una buona discussione” con le sue controparti cinesi e di voler “evitare qualsiasi forma di guerra commerciale”. Gli europei sanno di rischiare misure di ritorsione cinesi. In questo contesto, stanno cercando di disinnescare la situazione e sono determinati a rimanere inattaccabili, rispettando le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio. Mentre i dossier delle auto elettriche e dell’energia eolica si prestano a questo scopo, il caso è meno chiaro quando si tratta dell’indagine antisovvenzioni contro i produttori di acciaio cinesi che la Commissione sta valutando di aprire.

Ciò farebbe parte di un accordo più globale tra la Commissione e la Casa Bianca sull’alluminio e l’acciaio, che potrebbe essere annunciato a Washington il 20 ottobre, in occasione di un vertice UE-USA e che, secondo un diplomatico europeo, potrebbe dare l’impressione che ci sia “un accordo politico”. E ha continuato: “Potrebbero esserci sussidi per l’acciaio cinese. Ma dobbiamo assolutamente evitare che Pechino abbia la sensazione che l’UE agisca per motivi politici” e si allinei agli Stati Uniti.

La vicenda è iniziata nel 2018 quando, in nome della sicurezza nazionale, Donald Trump ha deciso di imporre una tassa del 25% sull’acciaio e del 10% sull’alluminio provenienti dall’UE. A seguito di ciò, l’UE-27 ha adottato misure di ritorsione, in particolare sulle importazioni di Harley-Davidson. Nel maggio 2021, dopo l’elezione di Joe Biden, europei e americani hanno messo in pausa la guerra commerciale e si sono dati tempo fino all’ottobre 2023 per trovare una soluzione, che già allora secondo Washington avrebbe comportato una sovrattassa sui prodotti cinesi da parte dell’UE. “Su entrambe le sponde dell’Atlantico, vogliamo evitare a tutti i costi un ulteriore aumento dei dazi doganali”, ha commentato un alto funzionario europeo.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top