skip to Main Content

Il sistema energetico europeo si squaglierà con questa ondata di calore estiva?

Sistema Energetico Europeo

Il sistema energetico europeo fatto di rinnovabili e non è in crisi, secondo il Financial Times, e ormai, come ha detto l’ex ad di Snam Marco Alverà, non resta che augurarsi “un inverno caldo”

 

L’ondata di caldo torrido che ha colpito l’Europa sta mettendo a dura prova il sistema energetico del continente, facendo salire i prezzi dell’energia elettrica e aumentando il rischio di gravi carenze nelle forniture di gas per l’inverno. Scrive il Financial Times.

Le temperature record di quest’estate hanno fatto aumentare la domanda di energia per il raffreddamento e hanno colpito la produzione di elettricità da fonti nucleari, idroelettriche e a carbone, in un momento in cui l’Europa sta cercando di ridurre la sua dipendenza dal gas russo.

“La speranza era che l’estate potesse dare un po’ di respiro al mercato energetico europeo”, ha dichiarato Fabian Ronningen, analista della società di consulenza Rystad. “Ma questa ondata di caldo si aggiungerà alla crisi più avanti e si preannuncia negativa per l’inverno. Si avvicina al nostro scenario peggiore”.

Temperature estremamente elevate, che hanno alimentato pericolosi incendi in Spagna, Portogallo, Francia e altrove, sono state registrate in tutto il continente mentre il Met Office britannico ha emesso il suo primo “allarme rosso” per il caldo estremo.

Questo ha contribuito a far aumentare la domanda di energia, in quanto i consumatori accendono i condizionatori d’aria, ha limitato la produzione di energia nucleare in Francia e Svizzera perché l’acqua dei fiumi è diventata troppo calda e ha ridotto la produzione di energia idroelettrica a causa della siccità.

L’interruzione della fornitura di energia elettrica causata dalle ondate di calore – che, secondo gli scienziati, stanno diventando sempre più frequenti e intense a causa dei cambiamenti climatici – ha alimentato il rally da record dei prezzi dell’energia elettrica in alcune parti d’Europa, anche se i prezzi del gas sono diminuiti negli ultimi giorni.

In Francia, l’energia elettrica da consegnare il giorno successivo è salita del 23%, raggiungendo martedì il massimo storico di 640 euro per megawattora, mentre l’ondata di caldo ha esacerbato i problemi della flotta nucleare del Paese, assediata da problemi di manutenzione. Prima dello scorso inverno, i prezzi superavano raramente i 100 euro per megawattora.

L’acqua dei fiumi viene utilizzata per raffreddare i reattori nucleari francesi e l’acqua riscaldata viene scaricata nuovamente nei fiumi. Tuttavia, le temperature stanno raggiungendo una soglia regolamentare volta a impedire che lo scarico dell’acqua riscaldata danneggi l’ambiente locale.

Questo mese l’autorità di regolamentazione francese ha derogato ai requisiti di quattro impianti gestiti da EDF – che lo Stato si sta muovendo per nazionalizzare completamente – “per garantire la sicurezza della rete elettrica” e consentire agli impianti di continuare a funzionare.

“È molto insolito alzare questi limiti” e la mossa dimostra “quanto siano disperate” le autorità francesi, ha dichiarato Reinhard Uhrig di Friends of the Earth Austria.

Di conseguenza, la Francia, di solito il più grande esportatore di energia in Europa, sta importando elettricità dal Regno Unito e da altri Paesi, tra cui la Spagna, per colmare il divario.

William Peck, analista del mercato energetico dell’UE presso ICIS, un gruppo di analisi dell’energia, ha dichiarato che i prezzi all’ingrosso dell’elettricità in Francia e Germania sono in procinto di raggiungere i livelli settimanali e mensili più alti dalla liberalizzazione del mercato alla fine degli anni ’90, anche dopo aver aggiustato l’inflazione.

Altrove, le alte temperature e le scarse precipitazioni in Germania hanno portato il fiume Reno al livello più basso di luglio in oltre un decennio. Questo ha limitato la fornitura di carbone alle centrali elettriche e minaccia di ripetere la siccità del 2018 che ha interrotto i trasporti e colpito l’economia del Paese.

Uwe Kiwitt, un capitano di nave che trasporta carburante ai siti lungo il Reno, ha detto che l’ondata di caldo ha complicato le sue consegne.

“Con l’abbassamento del livello dell’acqua, il calcolo della quantità trasportabile diventa sempre più difficile”, ha detto il dipendente della HGK Shipping, una compagnia di navigazione interna. “Ogni tonnellata che possiamo portare con noi è importante”.

Le ulteriori pressioni sulla rete energetica si aggiungono alla sfida per l’Europa di riempire i propri depositi di gas prima dell’inverno, mentre regna l’incertezza sulla possibilità che la Russia riprenda i flussi lungo il gasdotto Nord Stream 1 verso la Germania, che sono stati sospesi.

Anche la generazione di energia da fonti rinnovabili è diminuita, poiché l’alta pressione nelle calde giornate estive genera meno vento. Anche gli impianti a gas e quelli solari diventano meno efficienti con il caldo e la produzione di energia idroelettrica diminuisce con il prosciugamento dei bacini.

La produzione di energia idroelettrica in Francia è stata di 2,3 gigawatt domenica, rispetto alla media dello stesso giorno di 4,1GW negli ultimi sette anni, secondo RTE, l’operatore di trasmissione francese.

L’Europa non è l’unica a dover affrontare un clima caldo che ha messo sotto pressione le forniture energetiche. Le ondate di calore in Cina hanno fatto sì che le centrali elettriche bruciassero più carbone, facendo lievitare i prezzi già record. Secondo le previsioni di S&P Global Commodity Insights, gli Stati Uniti dovranno ricorrere a livelli elevati di produzione di energia elettrica da gas per rimanere al fresco durante l’ondata di caldo che sta colpendo il Texas e altri Stati.

Mentre il caldo è un problema per l’Europa, i dirigenti del settore energetico sperano che il clima mite venga in soccorso durante l’inverno per aiutare a tenere sotto controllo la domanda.

“Il clima sarà più importante di qualsiasi altra cosa quest’inverno”, ha dichiarato Marco Alverà, ex amministratore delegato di Snam, l’operatore italiano di gasdotti. “Dobbiamo incrociare le dita e sperare che sia un inverno caldo”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore