Energia

Il Golfo fa la macumba per i prezzi del petrolio

di

petrolio

Le economie del Golfo hanno bisogno di riformare le loro economie e renderle meno dipendenti dal petrolio. Ma hanno bisogno dei proventi del petrolio per farlo.

 

Le compagnie petrolifere stanno riportando ottimi risultati nel primo trimestre grazie ai prezzi più alti del greggio, facendo riflettere gli azionisti sulla questione della transizione energetica. Ma non tutti sono felici. Nonostante il netto miglioramento dei prezzi di riferimento negli ultimi mesi, i produttori di petrolio del Medio Oriente dovrebbero rimanere in rosso quest’anno.

Abu Dhabi e Qatar sono le uniche due eccezioni che potrebbero registrare eccedenze di bilancio, ha affermato Fitch Ratings in un nuovo rapporto diffuso questa settimana e ripreso da Reuters. Il resto delle economie petrolifere, tuttavia, continuerà a lottare con i deficit di bilancio a causa dei prezzi non ancora abbastanza alti.

“I prezzi elevati del petrolio per garantire il pareggio di bilancio evidenziano la portata della sfida della riforma della finanza pubblica e per lo più rimangono ben al di sopra dei prezzi del petrolio attuali o previsti”, ha detto l’agenzia di rating, osservando che per il greggio Brent ci si aspetta una media di 58 dollari al barile quest’anno e nel lungo termine.

PAREGGIO A 100 DOLLARI AL BARILE PER IL BAHRAIN

Naturalmente questa rappresenta un cattiva notizia per quasi tutte le economie del Golfo. Il Bahrain, ha detto Fitch, ha bisogno del Brent a 100 dollari per il breakeven. Il Kuwait ha bisogno di oltre 80 dollari al barile. L’Arabia Saudita, il più grande produttore del Golfo, ha bisogno del Brent a circa 70 dollari per bilanciare il suo budget 2021-2022.

LA CRISI AVEVA GIA’ COLPITO

Ma non si tratta di una sorpresa. Quanto difficile sarebbe stata una diversificazione economica per gli stati del Golfo dipendenti dal petrolio è diventato evidente durante la precedente crisi dell’industria petrolifera. All’epoca, i governi di questi paesi dovettero introdurre misure di austerità per far fronte alla crisi e tentarono alcune riforme, che furono accolte da una forte opposizione pubblica.

Ora, meno di cinque anni dopo, le economie del Golfo sono di nuovo nella stessa posizione: hanno bisogno di riformare le loro economie e renderle meno dipendenti dal petrolio. Ma hanno bisogno dei proventi del petrolio per farlo. L’unica altra opzione è una severa austerità, che nessun governo della regione rischierebbe.

DEBITI DEI PAESI DEL GOLFO ALLE STELLE

Di conseguenza, nelle economie del Golfo è in corso una emissione di debito combinata con la vendita di asset. Nel luglio dello scorso anno, al culmine della prima ondata della pandemia, S&P Global Ratings affermò che gli stati arabi del Golfo avrebbero probabilmente accumulato fino a 490 miliardi di dollari di deficit di bilancio entro il 2023.

La conferma è arrivata pochi giorni dopo che il Fondo monetario internazionale ha emesso una previsione secondo cui i ricavi dei produttori di petrolio in Medio Oriente e Nord Africa potrebbero vedere un crollo di 270 miliardi di dollari entro la fine del 2020. Le economie dei soli produttori del Golfo, ha detto un funzionario del Fondo. all’epoca, potrebbe ridursi del 7,6% nel 2020.

SECONDO IL FMI PROSPETTIVE ROSEE PER I PAESI DEL GOLFO

Ora, il FMI ha prospettive molto migliori per le economie del Golfo. Ciò grazie alle migliori prospettive per l’economia globale, anche se nulla è scolpito nella pietra a causa della situazione dinamica legata alla pandemia. Il Fondo prevede una crescita compresa tra lo 0,7% per il Kuwait e il 3,1% per gli Emirati Arabi Uniti. L’economia saudita, secondo il FMI, è destinata a crescere del 2,9% quest’anno, sottolinea Reuters.

COSA STANNO FACENDO I PAESI DEL GOLFO PER ARGINARE LA CRISI

A novembre 2020, le sei nazioni del Golfo avevano emesso circa 100 miliardi di dollari di debiti, battendo il loro record precedente, stabilito solo un anno prima. Oltre al debito, i governi del Golfo, attraverso le compagnie petrolifere statali, hanno fatto ricorso anche alla quotazione di alcune attività commerciali e alla vendita di asset. “ADNOC di Abu Dhabi ha dichiarato all’inizio di questo mese di voler quotare le sue attività di perforazione sulla borsa valori locale e Saudi Aramco ha annunciato un accordo per vendere il 49% delle sue attività di gasdotti a un consorzio guidato da EIG Global Energy Partners.

“Nel frattempo, i prezzi non sono aumentati, rendendo più difficile il lavoro delle economie del Golfo. È chiaro a tutti che per diversificare dal petrolio queste economie necessitano di maggiori entrate petrolifere. Quello che potrebbe essere visto come un circolo vizioso è il motivo per cui i loro sforzi per la diversificazione hanno avuto finora un successo piuttosto misto. E a meno che i prezzi non si riprendano fortemente, queste economie continueranno a girare in questo cerchio. Le possibilità che ciò accada sono scarse”, ha evidenziato Oilprice.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati