skip to Main Content

Gas

L’Ue ha superato (ancora) la prova del distacco dal gas russo

Ancora una volta, l'Europa è riuscita a superare l'inverno senza affidarsi al gas russo: gli stoccaggi sono pieni e i prezzi sono tornati su valori normali. Calano, intanto, le entrate di Gazprom.

Winter is coming è un motto ben noto agli appassionati di Game of Thrones (Il Trono di Spade). Ma l’inverno è finito da una settimana e per l’Europa è tempo di bilanci dal punto di vista delle forniture energetiche dalla Russia e dagli altri partne. Spoiler: l’Ue ha superato ancora la prova.

L’UE PROSEGUE IL DISTACCO DAL GAS RUSSO

A dirlo sono i dati ufficiali rielaborati anche dall’Ispi con l’analista Matteo Villa: i tre elementi attorno a cui ruota il successo europeo nella prova invernale 2023-24 sono gli stoccaggi pieni, cioè le riserve, il costo del gas e la posizione sempre più debole di Gazprom.

Guardando il primo elemento, dai dati Gie/Agsi aggiornati al 26 marzo si vede come l’Italia ha una percentuale di riempimento vicina al 58%, in linea con la media Ue (58,90%) per un livello totale di storage pari a 712,16 TWh. Entro il primo novembre, gli stoccaggi dovranno esser di nuovo pieni al 90% e chiudere questa stagione con ottime percentuali di riempimento accelererà già il processo per il 2024-25.

Immagine

Sul prezzo, attualmente la quotazione di scambio al Ttf di Amsterdam segna un livello attorno ai 28 euro al MWh. Scrive Villa, commentando questo punto: “In termini reali siamo addirittura al di sotto del prezzo medio del decennio pre-invasione. Certo, la volatilità è superiore, e le nostre proiezioni indicano un equilibrio di 40€/MWh nel medio periodo”. Il valore dell’indice IGI (Italian Gas Index) per il 28 marzo è pari 30,39 €/MWh, in rialzo rispetto al 27 marzo attestatosi a 29,13 €/MWh

Immagine

Infine, Gazprom. Se Mosca ha provato a smistare le sue esportazioni in Asia, tra India e Cina, il gigante energetico non ha potuto che perdere in termini di entrate economiche. Anche a febbraio, le forniture dalla Federazione via tubo e gnl verso il Vecchio Continente sono calate dell’8,1% su base mensile, attestandosi a 4,52bcm.
Immagine

COSA POTREBBE SUCCEDERE ADESSO

Quali scenari, dato tutto ciò? Ora l’Ue riceve il 15% di gas da Mosca e presto questa percentuale scenderà al 10%. L’Italia ha da tempo promesso di completare il distacco dal gas russo alla fine di quest’anno. Sempre a livello continentale, a fine 2024 non verrà rinnovato l’accordo di transito via Ucraina del gas e questo da un lato potrà provocare tensioni ma dall’altro confermerà che il processo di distacco energetico sta proseguendo nella giusta direzione grazie ai nuovi partner, allo sviluppo delle fonti rinnovabili e a temperature miti che hanno inciso positivamente su prezzi e consumi.

Guardando alla prossima stagione fredda, analisti e aziende hanno riferito che l’Unione europea avrà scorte di gas in abbondanza il prossimo inverno, e i restanti acquirenti di gas russo in Europa centrale stanno lavorando su importazioni alternative, nel caso in cui da gennaio il transito attraverso l’Ucraina si interrompa.

(Articolo pubblicato su Energia Oltre)

Back To Top