skip to Main Content

Cina Terre Rare

L’estrazione di terre rare non è sostenibile: il caso della Birmania

L'approfondimento di Le Monde sulle condizioni di lavoro e di salute dei minatori in Birmania, che estraggono terre rare necessarie alla transizione ecologica.

Mentre l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico organizza a Parigi un forum sull’approvvigionamento responsabile dei minerali, uno studio dell’ONG Global Witness mette in guardia sull’impatto delle miniere al confine con la Cina, scrive Le Monde.

Ah Brang, un operaio birmano (nome di battesimo cambiato), trascina sacchi di acido ossalico nel bacino di raccolta di una miniera nello Stato di Kachin, nel nord della Birmania. Poi mescola la sostanza chimica con l’acqua usando un bastone, protetto solo da un paraschizzi e da guanti. “Anche se si indossa una maschera, la gola brucia e si tossisce molto. È come mangiare [questo prodotto], ha un sapore aspro e pungente”, descrive.

Questa testimonianza è stata raccolta dall’ONG Global Witness. Giovedì 23 maggio, Global Witness ha pubblicato un nuovo studio che avverte dell’impatto catastrofico dell’estrazione di terre rare pesanti in Birmania, mentre si svolgeva a Parigi il 17° Forum sulle catene di approvvigionamento minerarie responsabili, sotto l’egida dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Specializzata nella lotta contro il saccheggio delle risorse naturali nei Paesi in via di sviluppo, l’ONG aveva già rivelato, nel 2022, l’entità dell’attività mineraria in Birmania, vicino al confine con la Cina, e i suoi effetti sull’ambiente e sulle popolazioni locali. Il disprosio e il terbio (due dei diciassette metalli che compongono il gruppo delle terre rare) sono essenziali per la produzione di magneti per veicoli elettrici e turbine eoliche, necessari per trasformare il sistema energetico e abbandonare così i combustibili fossili.

Conseguenze aggravate

“A due anni dal nostro ultimo rapporto, abbiamo rivisitato il paesaggio minerario tossico di questa regione della Birmania settentrionale”, spiegano gli autori dello studio. Nuovi dati di mercato, immagini satellitari e testimonianze mostrano che la dipendenza del mondo da quest’area remota è solo peggiorata, così come le conseguenze per le persone che vi abitano”.

Nel 2015, in questa regione montuosa della Birmania operava solo una manciata di miniere di terre rare pesanti. Nel 2021, coprivano un’area grande quanto Singapore, con quasi 2.700 bacini di raccolta in 300 siti diversi. Negli ultimi due anni, la produzione è nuovamente raddoppiata, passando da 19.500 tonnellate di ossidi di terre rare pesanti nel 2021 a quasi 42.000 tonnellate nel 2023.

Nella “Regione speciale 1” dello Stato Kachin, controllata dalle milizie fedeli alla giunta militare al potere, il numero di mine è aumentato di oltre il 40%, la maggior parte delle quali illegali. L’attività si è estesa anche più a sud, nel territorio controllato dall’Organizzazione per l’indipendenza del Kachin, in conflitto con l’esercito. Nel suo ultimo rapporto sui minerali critici, pubblicato il 17 maggio, l’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) conferma che la Birmania è la regione in cui l’estrazione di terre rare legate ai magneti è aumentata maggiormente dal 2015, con una quota della produzione globale passata dallo 0,2% al 14%.

Sostanze chimiche nel suolo

Tuttavia, l’estrazione di questi metalli in una regione caratterizzata da estrema instabilità è particolarmente dannosa per l’ambiente. “Gli elementi di cui stiamo parlando sono conservati in una forma di argilla che si trova sul fianco di una collina e vengono estratti iniettando sostanze chimiche nel terreno”, spiega Ben Ayre, analista di Global Witness e uno degli autori dello studio. Una volta raccolti, gli elementi vengono trattati in bacini di raccolta. A causa dell’inquinamento generato da questa attività, la Cina ha esternalizzato gran parte dell’estrazione in Birmania.

Secondo i campioni consultati da Global Witness, diversi fiumi della “regione speciale 1″ contengono alti livelli di arsenico e minacciano di devastare un’area estremamente ricca di biodiversità, compresi vasti tratti di foresta primaria. Tutto è stato distrutto”, dice Ah Brang. Non si può più piantare nulla nei campi. Non posso più pescare nei ruscelli. Molti animali sono morti per aver bevuto quest’acqua”.

Lo studio riporta anche la lunga lista di disturbi lamentati dai residenti locali: tosse, intorpidimento, malattie della pelle, problemi renali, ecc. “Coloro che lavorano nei siti minerari sono quelli che soffrono di più. Chi lavora nei siti minerari utilizza sostanze chimiche come l’acido ossalico, noto per la sua capacità di rimuovere la ruggine dai metalli. È estremamente tossico e le segnalazioni che riceviamo di danni alla pelle e agli organi interni sono coerenti con i risultati degli studi scientifici sugli effetti di questi prodotti sull’uomo”, spiega Ben Ayre.

La domanda raddoppia di nuovo

La Birmania è “un esempio davvero estremo della distruzione diffusa causata dalla ricerca degli elementi specifici” che costituiscono le terre rare pesanti, aggiunge. Una volta estratti, questi metalli attraversano il confine per essere lavorati e raffinati in Cina, che controlla il 92% della capacità mondiale di lavorazione delle terre rare utilizzate nei magneti.

È improbabile che la pressione si allenti: secondo l’AIE, la domanda, che è già quasi raddoppiata tra il 2015 e il 2023, è destinata a raddoppiare nuovamente da qui al 2050.

Global Witness chiede la sospensione delle attività estrattive in Birmania fino a quando non saranno messi in atto meccanismi efficaci per proteggere la popolazione e l’ambiente. In occasione del forum dell’OCSE, si prevede anche di chiedere alle aziende che si riforniscono di terre rare pesanti di esercitare il loro dovere di diligenza per garantire che conoscano l’origine dei materiali che utilizzano nei loro prodotti. Nel suo recente rapporto, l’AIE sottolinea che le terre rare pesanti provenienti dalla Birmania sono difficili da rintracciare.

“Le turbine eoliche e i veicoli elettrici hanno un ruolo enorme da svolgere nell’affrontare la crisi climatica, ma non si può permettere che alimentino l’estrazione tossica e incontrollata”, insiste Colin Robertson, investigatore di Global Witness. Oltre alla Birmania, al forum è prevista la partecipazione di una delegazione di popolazioni indigene per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’impatto dell’attività mineraria in altri Paesi.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top