Energia

Eni si finanzierà in maniera rinnovabile con Intesa Sanpaolo, Unicredit, Bnp e Mediobanca

di

Eni

Eni lega la sua finanza al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Tutte le novità con Intesa Sanpaolo, Unicredit, Bnp e Mediobanca

 

La transizione energetica è in atto. Ed Eni, gigante dell’Oil&gas, ha deciso di essere tra i protagonisti. Il Cane a sei zampe rivede obiettivi e strumenti del piano industriale e per finanziare la trasformazione, oramai avviata, ha trasformato linee di credito, finanziamenti e derivati per 4,35 miliardi di euro in contratti finanziari sostenibile conIntesa Sanpaolo, Unicredit, Bnp e Mediobanca.

Tutti i dettagli.

ENI LEGA LA SUA FINANZA AL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI SOSTENIBILI

Partiamo dalle novità. Eni ha sottoscritto contratti finanziari sostenibili con primari istituti bancari per un ammontare complessivo di 4,35 miliardi di euro. Ogni contatto è legato al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite.

I CONTRATTI DI ENI

In particolare, le modifiche hanno interessato contratti già in essere, 1,5 miliardi di euro di finanziamenti, 2,4 miliardi di euro di linee di credito committed e 450 milioni di euro di derivati per la copertura del rischio tasso. Finanziamenti e linee di credito sono diventati “Sustainability Linked Loan”, i derivati “SDG linked Interest Rate Swap”, in conformità con i Sustainability Linked Loan Principles, spiega l’azienda.

MECCANISMO DI BONUS/MALUS

Eni, in particolare, ha introdotto, spiega l’aziend,  “un meccanismo di bonus/malus associato ad uno specifico obiettivo di performance di sostenibilità collegato ai Sustainable Development Goals, ed in particolare all’SDG 7 ‘Energia pulita e accessibile’ e all’SDG 13 ‘Lotta contro il cambiamento climatico’”.

LE BANCHE CHE HANNO SUPPORTATO ENI

Quali le banche che hanno supportato Eni in questa trasformazione? Banco Bilbao Vizcaya., Barclays, BNL gruppo BNP Paribas, BofA Securities, Crédit Agricole, HSBC, Intesa Sanpaolo, Mediobanca, Santander CIB e UniCredit.

IL PIANO INDUSTRIALE DI DESCALZI

La scelta di Eni non stupisce. La strategia del Cane a Sei Zampe, a febbraio 2020 ha presentato la nuova strategia al 2050, prevedendo al 2022 una riduzione di quasi 6 miliardi di euro degli investimenti nell’Upstream (che si concentrerà sul gas, la risorsa più sostenibile). Gli investimenti nelle attività Green cresceranno di 0,8 miliardi di euro raggiungendo nel 2022 il 17% degli investimenti totali (contro il 12% previsto originariamente) e il 26% nel 2023 (contro il 20%).

eni

LE PAROLE DI DESCALZI

Legando la finanza di Eni allo sviluppo sostenibile, “abbiamo fatto un ulteriore e importante passo avanti nel nostro percorso di transizione energetica”, ha commentato Claudio Descalzi, ad di Eni.

“Collegare i nostri strumenti finanziari agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite è per noi un impegno forte e concreto, attraverso il quale vogliamo trasmettere al mercato e ai nostri stakeholder l’assoluto rigore e l’irreversibilità della nostra evoluzione sostenibile verso la decarbonizzazione”, ha aggiunto Descalzi.

Articoli correlati