Advertisement
skip to Main Content

Cambiamento climatico: chi pagherà per salvare il pianeta?

Cop26

Perché la transizione energetica abbia successo, le emissioni di gas serra dovranno essere tassate. L’approfondimento di Le Monde

Con l’avvicinarsi della Conferenza sui cambiamenti climatici di Glasgow – COP26 – il mondo è in ritardo rispetto all’obiettivo di limitare il riscaldamento a 1,5°C. Il problema è il costo della transizione climatica, che richiede enormi investimenti.

La buona notizia è che limitare il riscaldamento globale a 1,5°C è possibile. “Le soluzioni sono disponibili, e molte di esse sono economiche”, ha osservato l’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) giovedì 13 ottobre. La cattiva notizia, come tutti sappiamo, è che il mondo non è affatto vicino a raggiungerlo.

Per rimanere entro l’aumento di temperatura di + 1,5°C, l’umanità può ancora emettere un totale di 325 gigatonnellate di CO2. Al ritmo attuale, questo “budget di carbonio” sarà esaurito in otto anni. Con un aumento della temperatura di 2°C che durerà circa venticinque anni. Fine della storia. Al di là di questo, ogni emissione supplementare significherà un riscaldamento più virulento.

Il grande divario tra lo scenario sperato, a cui i paesi del mondo si sono impegnati nell’accordo di Parigi nel 2015, e la realtà si spiega in gran parte con un problema: l’economia. Per raggiungere la neutralità del carbonio nel 2050, come promesso dall’Unione Europea (UE) in particolare, dobbiamo cambiare il sistema elettrico, spegnere le centrali a carbone, mettere fine ai veicoli a benzina, isolare meglio le case, sostituire il riscaldamento con pompe di calore, inventare nuovi processi industriali per l’acciaio e il cemento, ecc.

All’inizio della COP26 il 1° novembre a Glasgow, in Scozia, Le Monde cerca di rispondere a due domande fondamentali: come finanziare la transizione ecologica? E chi paga?

RENDERE PIÙ VERDE LA PRODUZIONE DI ELETTRICITÀ

Cominciamo con l’incontrare un “ottimista” – lo dice lui. “Penso che ci sia un 30% di possibilità di limitare il riscaldamento a 1,5°C”, dice Adair Turner, con un grande sorriso. Tra il 2008 e il 2012, il britannico è stato presidente del Comitato per il cambiamento climatico, l’organismo statale che consiglia il governo britannico sulla sua strategia di cambiamento climatico. Ora ha creato un think tank, la Energy Transitions Commission, che cerca di determinare gli scenari più credibili per raggiungere la neutralità del carbonio in tutto il mondo. La sua conclusione: “La transizione climatica entro il 2050 avrà un impatto zero sul tenore di vita o sul PIL [prodotto interno lordo] pro capite.” Chiaramente, economicamente, la gente non soffrirebbe della transizione. “Ma questo non significa che la transizione non abbia un costo”, corregge subito.

Spiegazione. Il suo scenario – ce ne sono decine di relativamente simili – consiste nei seguenti passi. In primo luogo, la produzione di elettricità deve essere “rinverdita”, con l’energia eolica e solare (e nel suo caso, nucleare); poi, l’economia deve essere “elettrificata”: le automobili diventano elettriche, il riscaldamento elettrico viene generalizzato, la produzione di acciaio comincia a funzionare con forni ad arco elettrico…

Inizialmente, questa trasformazione sarà molto costosa. Ma a lungo termine produce risparmi. L’esempio tipico è l’auto elettrica, che è più costosa da acquistare ma più economica da gestire. Lo stesso vale per la produzione di elettricità: una volta installata, una turbina eolica o un pannello solare sono molto economici da gestire.

Per attuare la transizione climatica, il pianeta deve quindi affrontare un vero e proprio muro di investimenti prima di poter sperare di raccoglierne i frutti. Solo nel settore energetico, l’AIE stima che saranno necessari 4.000 miliardi di dollari (3.450 miliardi di euro) di investimenti all’anno da qui al 2030. Questo è più di tre volte quello che viene attualmente iniettato nell’energia verde. A seconda della stima e della regione, gli economisti sono d’accordo sullo stesso ordine di grandezza: un ulteriore 2% al 3% del PIL è necessario per gli investimenti.

In confronto, tra il 2010 e il 2019, gli investimenti globali – compresi tutti i settori – sono stati in media il 24,3% del PIL. Due o tre punti in più non sono quindi insormontabili, ma sono “tutt’altro che trascurabili dal punto di vista macroeconomico”, nota l’economista Jean Pisani-Ferry, autore di una recente nota sulla transizione climatica per il Peterson Institute for International Economics.

Questo aumento degli investimenti globali significa meccanicamente una riallocazione dei flussi finanziari verso un minor consumo. Il signor Turner lo illustra con un esempio: “Per una famiglia, investire in una pompa di calore costa circa 15 mila euro. Per questa famiglia, questo significherà inevitabilmente qualche ristorante, vacanza o attività di svago in meno. Lo stesso vale a livello macroeconomico.” Chiaramente, anche in questa visione “ottimista” di un costo netto zero entro il 2050, la transizione causerebbe prima un calo del potere d’acquisto nei prossimi quindici anni, prima che i guadagni si facciano sentire.

Secondo Pisani-Ferry, l’ordine di grandezza dello shock della transizione climatica sarebbe vicino a quello dello shock petrolifero del 1974. Per fare questo calcolo, usa il lavoro degli economisti Nicholas Stern e Joseph Stiglitz, che stimano che per limitare il riscaldamento a 2°C, la CO2 a livello mondiale dovrebbe valere tra 50 e 100 dollari per tonnellata entro il 2030. Dato che l’umanità emette attualmente 36 gigatonnellate di CO2 all’anno, e che costa solo 10 dollari per tonnellata in media (questo varia molto da regione a regione e da settore), questo corrisponderebbe a uno shock del 3,7% del PIL (mettendo il CO2 a 100 dollari). “In confronto, lo shock petrolifero del 1974 (…) fu del 3,6% del PIL”, ricorda il signor Pisani-Ferry. Pisani-Ferry ci ricorda. È vero che l’economia mondiale si è ripresa dallo shock petrolifero, dimostrando che l’ostacolo non è insormontabile, ma gli sconvolgimenti che seguirono furono enormi.

La transizione climatica comporterebbe lo stesso profondo cambiamento nell’organizzazione dell’economia. Come le miniere di carbone dell’Ovest che una volta chiuse, interi settori scompariranno e saranno sostituiti da altri. Con grandi sfide per accompagnare socialmente le persone che perderanno il loro lavoro. “Ci sono 1.200 tecnici di pompe di calore nel Regno Unito e 130.000 tecnici di caldaie a gas”, nota Rebecca Heaton di OVO Energy, un fornitore di elettricità del Regno Unito. Il rapporto dovrà essere invertito.

Analizzando precisamente settantacinque settori, la società di consulenza McKinsey ha calcolato l’investimento necessario per una transizione verso la neutralità del carbonio nel 2050 per la sola UE in 1 000 miliardi di euro all’anno. “800 miliardi sono già investiti in attività e tecnologie ad alta intensità di carbonio, ma devono essere reindirizzati verso altre attività senza carbonio, e sono necessari altri 180 miliardi”, spiega Sébastien Léger, uno dei coautori del rapporto.

FAR PAGARE LE EMISSIONI DI GAS SERRA

Chi pagherà? Il settore privato? Solo in parte, dice McKinsey. Secondo l’azienda, solo il 39% degli investimenti necessari sono attualmente redditizi. Ma se una tonnellata di CO2 valesse 100 euro, e questo prezzo fosse applicato a tutta l’economia, tre quarti di esse diventerebbero redditizie.

La conclusione è chiara: se ci deve essere qualche speranza di una transizione di successo, le emissioni di gas serra devono essere tassate. L’UE lo sta già facendo in una certa misura, ma solo nel settore della produzione di energia, nell’industria pesante e nel trasporto aereo nazionale. Questo deve essere esteso a tutti i settori. “È possibile conciliare l’economia e il clima, ma il ruolo dei governi e della pianificazione è estremamente importante”, conclude Léger. “Abbiamo bisogno di politiche pubbliche determinate”, ha aggiunto Turner. Questo è vero per il prezzo della CO2, le norme ambientali o la spesa pubblica… La COP26 è molto importante in questo senso per inviare un chiaro segnale agli investitori.

Tuttavia, questo esempio analizzato da McKinsey è limitato all’UE, che rappresenta solo l’8% delle emissioni di gas serra. Per evitare un riscaldamento incontrollato, la Cina (27% delle emissioni) è l’attore principale. Questo richiede un sistema di solidarietà dai paesi ricchi (responsabili della maggior parte delle emissioni dalla rivoluzione industriale) verso i paesi emergenti.

Un esempio dà la misura del compito finanziario. Le centrali a carbone emettono il 20% dei gas serra del pianeta. Spegnerli è una priorità assoluta. Ma come? Attualmente, la grande maggioranza di loro si trova in Asia, dove la loro età media è di 13 anni. Hanno ancora decenni di funzionamento: mantenerli in funzione costa poco, mentre spegnerli richiede una compensazione e un investimento per sostituirli con energia rinnovabile. “L’unica soluzione è che l’Occidente paghi la Cina per spegnere le sue centrali a carbone, ma potete immaginare come sarà accolto politicamente?” dice James Nixon dell’Oxford Economics.

Infine, tutti questi scenari sono nella versione ottimista, quella della famosa “crescita verde”, con un “costo netto” pari a zero entro il 2050. “È una bella storia, ma è vera?” si chiede M. Nixon

Ha gestito i modelli forniti dal progetto Advance, una rete di 15 centri di ricerca che non dipendono dal settore privato (a differenza del think tank di Turner o di McKinsey). La sua conclusione: limitare il riscaldamento a 1,5°C ridurrebbe il PIL globale del 3% nel 2030 e del 2% nel 2050.

FREDDA LOGICA ECONOMICA

Certamente, guardando molto lontano fino al 2100, un riscaldamento catastrofico di 4°C o 5°C causerebbe alla fine un violento collasso economico nella seconda metà del secolo. Ma è così lontano. Gli attuali leader, specialmente negli Stati Uniti e in Cina, sono disposti ad accettare un grosso taglio del potere d’acquisto nel prossimo decennio in cambio di un miglioramento dopo la loro morte? “La conclusione probabile è che il mondo non seguirà lo scenario di riscaldamento di 1,5°C”, dice Nixon.

È il primo a suggerire che il PIL è la misura sbagliata per questo dibattito. Gli eventi meteorologici estremi, le ondate di rifugiati che possono causare, il crollo della biodiversità o l’aumento delle morti per le ondate di calore richiedono un’azione. Ma la fredda logica economica va nella direzione opposta.

Questo non è una sorpresa, dice il signor Pisani-Ferry: “Fondamentalmente, la decarbonizzazione significa mettere un prezzo su una risorsa che era gratuita”, in questo caso la produzione di CO2. In questo contesto, è difficile immaginare che la crescita sarà la stessa. Potrebbe non essere una questione di “decrescita”, ma almeno di crescita ridotta. A meno che, ovviamente, non si limitino le emissioni di gas serra, con il rischio di conseguenze climatiche catastrofiche.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore