skip to Main Content

Perché l’Ue non potrà fare a meno del petrolio russo. Report Le Monde

Embargo

L’attuazione dell’embargo al petrolio russo non sarà facile, per l’Unione europea. Ecco perché. L’articolo di Le Monde

Lunedì 30 maggio, dopo lunghi negoziati, l’UE-27 ha deciso di non acquistare più petrolio dalla Russia. L’attuazione di questa iniziativa – leggiamo su Le Monde – non sarà facile.

I capi di Stato e di governo europei hanno evitato il peggio e sono riusciti a concordare, durante la riunione di lunedì sera (30 maggio) a Bruxelles, il sesto pacchetto di sanzioni, di cui l’embargo sul petrolio russo è senza dubbio la misura più emblematica. Ma sono ben consapevoli che sarà difficile per loro andare oltre.

Dal 24 febbraio e dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, l’UE-27 ha aumentato il numero di misure restrittive nei confronti di Mosca, vanificando le previsioni di tutti coloro, compresa la stessa UE-27, che pensavano che sarebbero stati divisi e impotenti. Hanno preso di mira il settore finanziario russo, gli oligarchi e altri soggetti vicini al Cremlino, le stazioni televisive di proprietà dello Stato e, soprattutto, il settore energetico russo. Da agosto faranno a meno del suo carbone ed entro la fine dell’anno rinunceranno al 90% delle importazioni di petrolio russo.

Ma il resto sembra più complicato. Martedì 31 maggio, in ogni caso, i capi di Stato e di governo europei hanno lasciato Bruxelles dopo una seconda giornata di Consiglio, con poche illusioni sulla loro capacità di decidere rapidamente su un embargo sul gas.

“Nessuno vuole comprare energia dalla Russia. La Russia è un Paese isolato, un Paese su cui non si può fare affidamento in alcun modo”, ha dichiarato il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, che è stato in prima linea nella lotta contro Mosca. “Per questo motivo stiamo discutendo su come allontanarci rapidamente non solo dagli idrocarburi russi come il carbone o il petrolio, ma anche, a lungo termine, dal gas”, ha spiegato.

Macron dice che “nulla deve essere escluso”

In realtà, Varsavia è in minoranza su questo tema. Anche gli Stati baltici, che tradizionalmente non fanno concessioni a Mosca, sono meno determinati. “Dovremo parlare di un settimo pacchetto di sanzioni perché la situazione in Ucraina non sta migliorando. Ma il gas è, ovviamente, molto più difficile del petrolio”, ha dichiarato il primo ministro estone Kaja Kallas. “Il gas deve far parte del settimo pacchetto, ma sono anche realista, non credo che ci sarà”, ha continuato.

Anche Karl Nehammer, cancelliere austriaco, ha escluso l’opzione di ulteriori sanzioni. “È più facile compensare un embargo petrolifero, per il gas è molto diverso in termini di sicurezza dell’approvvigionamento. Per questo motivo non discuteremo di un embargo per il prossimo pacchetto”, ha dichiarato. Lo stesso vale per il Belgio: Alexander De Croo ha chiesto “una pausa”.

Più sfumato, il presidente francese, Emmanuel Macron, ha giudicato martedì che “nulla può essere escluso per le prossime settimane”. Tutto dipenderà dalla situazione sul campo. E dobbiamo mantenere questa ambiguità strategica, che è molto utile. È chiaro che “un’escalation come quella che abbiamo visto con Boutcha potrebbe ovviamente cambiare l’accordo”, ha spiegato Clément Beaune, ministro delegato agli Affari europei.

Per il momento, l’UE-27 sa che non ha esaurito l’argomento del sesto pacchetto di sanzioni e che la sua attuazione deve essere la sua prima priorità se vuole rimanere credibile di fronte a Mosca, che conta sulle sue divisioni. L’Ungheria, la Slovacchia, la Repubblica Ceca e la Bulgaria hanno infatti ottenuto un’esenzione temporanea dall’embargo sul petrolio russo – da cui sono molto dipendenti e di cui difficilmente possono fare a meno, data la loro posizione geografica – e dovranno quindi trovare i mezzi per porre fine a questo stato di eccezione.

I negoziati saranno difficili

Questo deve essere fatto “il prima possibile”, si legge nelle conclusioni del Consiglio, senza indicare una data precisa. I negoziati saranno difficili, dato che Budapest chiede quattro anni e 800 milioni di euro per modernizzare le sue infrastrutture. Il primo ministro ungherese Viktor Orban ha dichiarato lunedì sera che “le famiglie ungheresi possono dormire tranquille”.

“Vogliamo fermare la macchina da guerra russa”, ha ribadito martedì 31 maggio Charles Michel, presidente del Consiglio. Dall’inizio della guerra, l’UE-27 ha acquistato petrolio, carbone e gas russo per un importo che presto sfiorerà i 60 miliardi di euro (di cui 26 miliardi per il gas), permettendo così al presidente Vladimir Putin di finanziare la sua guerra. “Al di là dei successivi dibattiti sulle sanzioni, credo che la cosa più importante sia la risposta strutturale, e quindi l’attuazione del piano della Commissione per il ritiro graduale ma totale dai combustibili fossili russi”, ha dichiarato Clément Beaune.

Martedì 31 maggio, l’UE-27 ha convalidato il piano della Commissione – denominato “RePowerEu” – per porre fine alla dipendenza dagli idrocarburi. Prevede acquisti congiunti, investimenti massicci nelle energie rinnovabili, diversificazione delle forniture e aumento delle scorte. Ma anche in questo caso i dibattiti si preannunciano burrascosi, poiché l’UE-27 dovrà decidere concretamente come attuarlo.

Come il suo collega Charles Michel, la Presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha evitato martedì di rispondere alle domande sulla possibilità di un settimo ciclo di misure restrittive che includa il gas. Ha sottolineato che la cosa più importante è che la questione energetica sia ora “al centro” dell’azione europea.

In effetti, l’UE-27 ha già iniziato a ridurre gli acquisti di gas russo. Mosca ha tagliato il gas alla Bulgaria e alla Polonia il 27 aprile, alla Finlandia il 21 maggio e, dal 31 maggio, ai Paesi Bassi e alla Danimarca. Ma si tratta di Paesi che avevano pianificato di assumere la propria indipendenza e la decisione del Cremlino ha solo accelerato un processo in corso. Gli altri, istruiti dal ricatto di Mosca e preoccupati per l’impennata dei prezzi, hanno iniziato a staccarsi dal gas russo. Ora rappresenta il 35% delle importazioni di gas della Germania, rispetto al 55% di tre mesi fa.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore