skip to Main Content

Come si è mossa Edf sull’incidente nucleare in Cina. Report Le Monde

Edf Cina

Cosa scrive Le Monde sulle mosse di EDF dopo l’incidente alla centrale nucleare di Taishan, in Cina

Lunedì 14 giugno, gli esperti di EDF hanno fornito dettagli tecnici sull’incidente avvenuto al reattore EPR n. 1 della centrale di Taishan, nel sud-ovest della Cina.

Alcune ore prima, il canale televisivo americano CNN ha informato che le autorità americane erano state avvertite di questo malfunzionamento, l’8 giugno, da Framatome, filiale di EDF e progettista di questo reattore di terza generazione, di cui due esemplari sono in funzione in Cina dal 2019.

“Non ci troviamo davanti a una dinamica di incidente con fusione del nucleo”, ha detto un portavoce del gruppo francese, relativizzando così la gravità del problema. Anche se l’operatore ha dovuto “effettuare scarichi atmosferici” di gas rari “entro i limiti normativi definiti dall’autorità di sicurezza cinese”, ha aggiunto.

Si tratta di guaine di gruppi di combustibile che sono all’origine della fuga di xeno e krypton nel circuito primario dell’acqua sottoposto a pressione dell’edificio del reattore al momento della fissione, ha specificato ancora.

Il problema di tenuta era apparso nell’ottobre 2020, quando il reattore Taishan 1 è ripartito dopo un rifornimento di pellet di uranio incorporati nel rivestimento di zirconio. EDF afferma che in questa fase – e sulla base delle informazioni fornite dai suoi partner cinesi – “è prematuro dire se il reattore dovrà essere spento per risolvere il problema identificato”.

DIFETTO DI FABBRICAZIONE

Un tale incidente è già avvenuto in Francia. “Secondo le regole di funzionamento, oltre una certa soglia di concentrazione di questi gas rari, il reattore deve essere fermato”, ricorda Karine Herviou, vice direttore generale dell’Istituto di radioprotezione e sicurezza nucleare (IRSN). “Non abbiamo informazioni sul livello di questa soglia, e se sia stata raggiunta o meno. Quando questo tipo di evento si è verificato in Francia, EDF non ha raggiunto la soglia stabilita dalle regole operative e ha potuto aspettare la fine del ciclo per rimuovere le barre difettose.”

Come si può spiegare un tale incidente? “Può essere dovuto a un difetto di fabbricazione del rivestimento o a “corpi migranti” (viti che si muovono…)”, risponde la signora Herviou. I gruppi di combustibile sono fabbricati da Framatome nel suo stabilimento di Romans-sur-Isère (Drôme). “Ovviamente, dato che il reattore Taishan No. 1 è il primo del suo genere [è anche il primo EPR ad essere commissionato nel mondo], seguiremo la cosa molto da vicino”, avverte. Il feedback di questa esperienza dovrebbe essere di particolare beneficio per l’EPR di Flamanville (Manche), la cui connessione alla rete è prevista per il 2023.

Per diversi mesi, l’operatore del reattore ha analizzato i parametri fisico-chimici. Ma è stato solo sabato 12 giugno che EDF è stata informata di un reale deterioramento della situazione. Il gruppo è infatti azionista al 30%, con il suo partner storico CGN, China General Nuclear Power Group (70%), nella joint venture TNPJVC. È TNPJVC – e non EDF – che gestisce Taishan, una centrale da 3.300 megawatt che rifornisce cinque milioni di persone nella regione densamente popolata del delta del fiume Pearl (Shenzhen-Hongkong-Canton).

NON OFFENDERE LE AUTORITÀ CINESI

La direzione di EDF ha immediatamente convocato una riunione straordinaria del consiglio di amministrazione di TNPJVC per mettere sul tavolo tutti i fatti noti e prendere le decisioni necessarie. Lunedì 14 giugno nel pomeriggio, era ancora in attesa della risposta dei partner cinesi. Ma a Parigi, il governo e l’industria nucleare fanno di tutto per non offendere la sensibilità esacerbata delle autorità cinesi, che sono impermeabili a qualsiasi interrogazione pubblica.

Questi partner cinesi si rifiutano, ad esempio, di rispondere a possibili aumenti, da parte dell’autorità locale per la sicurezza nucleare, delle soglie regolamentari per il rilascio di gas nobili nell’atmosfera (dopo che la maggior parte della radioattività è stata rimossa). Questa è una possibile misura per mantenere l’impianto in funzione, dato che il consumo di elettricità supera la produzione in alcune parti della Cina. “Solo l’operatore può dirlo”, dice EDF. CGN dichiara che “i dati di monitoraggio regolari mostrano che l’impianto e il contesto ambientale circostante hanno parametri normali”.

Un ex dirigente di EDF, grande esperto della Cina, è perentorio: l’autorità di sicurezza non nasconderebbe mai delle uscite radioattive. Quanto all’Agenzia internazionale dell’energia atomica (AIEA), ha voluto rassicurare: “In questa fase, ha detto lunedì, non abbiamo alcuna indicazione che si sia verificato un incidente radioattivo”. L’evento non è nemmeno registrato nella scala internazionale INES, che classifica gli incidenti nucleari in base ai loro rischi radiologici su una scala da 1 a 7 (Chernobyl).

È senza dubbio più complesso in termini politici che in termini industriali o ambientali. Per esempio, non sappiamo perché sia stata la filiale americana di Framatome ad allertare il Dipartimento dell’Energia (DoE) a Washington, e cosa c’entri l’amministrazione Biden. Se non che CGN, gigante del settore nucleare cinese con CNNC, è stato inserito dagli Stati Uniti, nell’agosto 2019, nella lista nera dei gruppi con cui le aziende americane non possono più lavorare. Non è il caso della Francia: CGN è partner di EDF da quarant’anni e finanzia un terzo dei due EPR di Hinkley Point nel Regno Unito.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore