skip to Main Content

Piano Trump

Donald Trump cancellerà l’Ira di Biden? Report Ft

Donald Trump potrebbe cancellare, o modificare drasticamente, l'Inflation Reduction Act, la grande legge di Biden per la produzione di tecnologie pulite negli Stati Uniti. L'ex-presidente vuole favorire gli investimenti nei combustibili fossili. L'approfondimento del Financial Times.

Donald Trump ha intenzione di smantellare la legge sul clima del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, di aumentare gli investimenti nei combustibili fossili e di eliminare le norme volte ad accelerare la transizione verso i veicoli elettrici se sarà eletto il prossimo anno, scrive il Financial Times.

Alti funzionari della campagna elettorale e consiglieri dell’ex presidente hanno dichiarato che, durante il suo secondo mandato, cercherà di rivedere radicalmente la politica climatica ed energetica degli Stati Uniti per “massimizzare la produzione di combustibili fossili”. Hanno aggiunto che l’Inflation Reduction Act – il fulcro della strategia economica di Biden, con 369 miliardi di dollari di agevolazioni fiscali e sussidi per l’energia pulita – sarebbe nel mirino di Trump.

“Alcuni dei prezzi di alcuni di questi crediti sembrano essere enormemente sottovalutati”, ha dichiarato al Financial Times un alto funzionario della campagna di Trump. “Cercheremmo di tagliare molte di queste spese”.

I funzionari repubblicani di una seconda amministrazione Trump sarebbero armati di un mandato per revisionare o abolire le agenzie governative, epurare i funzionari, tagliare la spesa per i programmi di energia pulita e abrogare le restrizioni all’industria dei combustibili fossili, hanno detto persone che hanno familiarità con i piani.

PERCHÉ TRUMP È CONTRARIO ALL’INFLATION REDUCTION ACT

Trump non ha nascosto la sua opposizione all’IRA, che ha definito “il più grande aumento delle tasse della storia”, né la sua avversione per l’energia verde. Ha inveito contro le politiche climatiche del suo successore, che ha incolpato di aver fatto aumentare il prezzo della benzina e di aver compromesso quello che sosteneva essere il suo obiettivo di garantire l’“indipendenza energetica” degli Stati Uniti.

In un recente video della campagna elettorale, Trump ha affermato che l’energia statunitense è “debole, inferiore agli standard e inaccessibile” perché si basa sulla generazione eolica. “I mulini a vento arrugginiscono, marciscono, uccidono gli uccelli”, ha detto l’ex presidente.

Le interviste ai funzionari della campagna di Trump e ai consiglieri attuali e precedenti evidenziano il netto contrasto che gli elettori statunitensi dovranno affrontare l’anno prossimo sulle politiche climatiche ed energetiche. Biden ha promesso di ringiovanire le aree industriali e di ridurre le emissioni sovvenzionando l’energia verde, mentre Trump ha giurato di fermare questo programma e di eliminare i limiti alla produzione di combustibili fossili.

SPINTA ALLE TRIVELLAZIONI DI PETROLIO E GAS

“Nel primo giorno della seconda amministrazione Trump, il Presidente si è impegnato a ritirare ogni singolo regolamento di Joe Biden che uccide i posti di lavoro e le industrie”, ha dichiarato Carla Sands, consigliere di Trump e vicepresidente del Centro per l’energia e l’ambiente dell’America First Policy Institute, un think tank conservatore.
Sands ha dichiarato che Trump lavorerà con i leader del Congresso per ridurre quella che ha definito “l’IRA socialista e del grande governo”, per eliminare gli standard di risparmio di carburante per le auto e per “porre fine alla guerra all’energia americana” che ha collegato all’aumento dei prezzi dell’energia e del gas.

Questo includerebbe la riapertura dei terreni federali che sono stati limitati alle trivellazioni di petrolio e gas, ha aggiunto Sands. David Banks, un ex consigliere di Trump che ha lavorato alla “visione per il dominio energetico” dell’amministrazione, ha detto che l’ex presidente probabilmente si ritirerà di nuovo dall’accordo sul clima di Parigi, come ha fatto nel 2017. Biden ha aderito all’accordo nel suo primo giorno di mandato.

“In un’amministrazione Trump questo è quasi garantito”, ha detto Banks, descrivendo l’ex presidente come “uno scettico del clima”. “Per Trump è più una preoccupazione economica e di competitività”.

Con i sondaggi che danno Trump molto avanti rispetto ai suoi rivali per la nomination repubblicana – e recentemente ha superato Biden in alcuni sondaggi a livello nazionale – i conservatori si stanno concentrando sullo sviluppo di una serie coerente di politiche che potrebbero essere lanciate rapidamente dopo le elezioni.

Think-tank come la Heritage Foundation e l’America First Policy Institute hanno elaborato progetti politici e messo insieme team di ex funzionari nella speranza di evitare che si ripeta l’inizio caotico della presidenza Trump, che ha comportato lunghi ritardi nella nomina del personale essenziale per attuare i cambiamenti politici.

“È necessario avere persone molto competenti che siano pronte a partire fin dall’inizio”, ha detto Rick Perry, l’ex governatore del Texas che è stato segretario all’energia sotto Trump dal 2017 al 2019. “Sto parlando di persone che busseranno alla porta delle agenzie il giorno dopo le elezioni e fondamentalmente inizieranno il processo, cosa che non è successa nel 2016”.

Il Progetto 2025, un progetto politico conservatore di 920 pagine della Heritage Foundation, chiede l’eliminazione di diverse agenzie del dipartimento dell’energia centrali per l’agenda climatica di Biden, tra cui l’Ufficio programmi di prestito, che sta erogando 400 miliardi di dollari per aiutare le industrie a decarbonizzarsi, l’Ufficio per l’efficienza energetica e le energie rinnovabili e il Corpo per l’energia pulita.

I PASSI NECESSARI PER CANCELLARE L’IRA

La proposta di Trump di rivedere la politica climatica ed energetica ha allarmato i democratici e gli ambientalisti. “Un altro mandato di Trump minaccerebbe la nostra democrazia, frenerebbe i progressi climatici che stiamo facendo a casa nostra e rafforzerebbe la mano dei negazionisti del clima in tutto il mondo”, ha dichiarato Kevin Curtis, direttore esecutivo del NRDC Action Fund, un gruppo di difesa ambientale.

L’abrogazione dell’IRA richiederebbe una legge del Congresso. La legge ha ottenuto un ampio sostegno da parte dell’industria, con gli sviluppatori di energia verde che l’hanno acclamata come uno sforzo di trasformazione che stimolerà gli investimenti in nuove industrie di energia pulita e rinnovabile in tutti gli Stati Uniti.

I critici, compresi i politici dell’UE, hanno sostenuto che i sussidi equivalgono al protezionismo e aumentano i costi dell’energia, interrompono le catene di approvvigionamento globali e aggravano l’inflazione. La maggior parte degli investimenti per progetti nell’ambito dell’IRA è stata destinata ai distretti repubblicani del Paese.

Brouillette, che è succeduto a Perry come segretario all’energia, ha detto che Trump potrebbe dimostrarsi più moderato di quanto temono alcuni attivisti, aggiungendo che qualsiasi presidente repubblicano entrante probabilmente riconoscerà che le parti “buone” dell’IRA dovrebbero essere mantenute. “Ci sono incentivi nell’IRA per continuare lo sviluppo dell’energia nucleare…”. Direi che queste politiche sono del tutto in linea con le politiche di Trump e le vedrei continuare”, ha detto.

Ammar Moussa, portavoce della campagna di rielezione di Biden, ha dichiarato che la produzione di petrolio degli Stati Uniti ha “raggiunto un livello record”, superando i livelli di Trump. “Se i repubblicani del Maga [Make America Great Again] avessero davvero a cuore l’indipendenza energetica degli Stati Uniti, sosterrebbero il programma del Presidente Biden”, ha dichiarato Moussa.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top