Advertisement skip to Main Content

Gas

Perché la Cina non può risollevare il gas russo. Report Economist

La Russia avrà sempre difficoltà a reindirizzare i 180 miliardi di metri cubi di gas che vendeva all'Europa, e che la Cina non può assorbire. L'approfondimento dell'Economist.

Quando i leader russi hanno interrotto la maggior parte delle forniture di gas del Paese all’UE nel 2022, hanno pensato di essere furbi. I prezzi sono immediatamente saliti, consentendo alla Russia di guadagnare di più nonostante i minori volumi di esportazione. Nel frattempo, l’Europa, che nel 2021 acquistava il 40% del gas dalla Russia, si è preparata ad affrontare inflazione e blackout. Eppure, due anni dopo, grazie agli inverni miti e alle enormi importazioni di gas naturale liquefatto (GNL) dall’America, i serbatoi di gas dell’Europa sono più pieni che mai. E Gazprom, il gigante russo del gas di proprietà statale, non riesce a realizzare alcun profitto.

La Russia avrà sempre difficoltà a reindirizzare i 180 miliardi di metri cubi (bcm) di gas, pari all’80% delle sue esportazioni totali di combustibile nel 2021, che un tempo vendeva all’Europa. Il Paese non ha un equivalente di Nord Stream, un condotto verso la Germania, che gli permetta di convogliare il gas verso clienti altrove. Mancano anche gli impianti per raffreddare il carburante a -160°C e le navi cisterna specializzate necessarie per il trasporto del GNL. Fino a poco tempo fa, questo era solo un fastidio minore. Tra il 2018 e il 2023 solo il 20% del contributo totale delle esportazioni di idrocarburi al bilancio russo proviene dal gas e, nonostante le sanzioni, la Russia continua a vendere molto petrolio a un buon prezzo.

La Russia ha bisogno di denaro

Ma mentre il conflitto si protrae, il Cremlino ha bisogno di denaro per mantenere in funzione la sua macchina da guerra. I prezzi elevati del petrolio non dureranno per sempre. La capacità produttiva mondiale supera la domanda globale; solo i tagli alla produzione da parte dei produttori del Golfo e degli alleati, tra cui la Russia, mantengono i mercati in tensione. La carenza di fondi e di attrezzature sta ostacolando gli sforzi della Russia per esplorare nuovi giacimenti. La domanda globale potrebbe ridursi ulteriormente negli anni a venire. L’Agenzia Internazionale dell’Energia, un’agenzia di previsione ufficiale, prevede un picco nel corso di questo decennio, con l’avvio della transizione verde. Al contrario, la maggior parte dei previsori prevede che la domanda di gas, un combustibile più pulito, continuerà a salire.

Per la Russia, tutto ciò rende importante il rilancio delle vendite di gas. Purtroppo, le esportazioni verso l’Europa, che rappresentano ancora la metà dei 140 miliardi di metri cubi esportati dal Paese l’anno scorso, si ridurranno anche quest’anno. In teoria, la Russia ha due opzioni: costruire gasdotti verso altri luoghi o mettere il turbo alle esportazioni di GNL.

Il Siberian Express

La Russia sta già utilizzando maggiormente Power of Siberia, un gasdotto che collega i giacimenti di gas orientali, che non hanno mai servito l’Europa, alla Cina. Entro il 2025 le consegne potrebbero raggiungere i 38 miliardi di metri cubi, rispetto ai 10 del 2020; un’estensione potrebbe portare altri 10 miliardi di metri cubi all’anno entro il 2029. Ma a cambiare le carte in tavola sarebbe Power of Siberia 2, una linea proposta dall’ovest della Russia alla Cina che porterebbe 50 miliardi di metri cubi all’anno entro il 2029. Per quella data, si prevede che la domanda cinese raggiungerà i 600 miliardi di metri cubi, rispetto ai 390 miliardi dell’anno scorso. La Russia spera di fornirne un sesto.

Il problema è che la Cina non è sicura di volere davvero Power of Siberia 2. Ossessionati dalla sicurezza energetica, i suoi leader cercano da tempo di limitare la dipendenza da un singolo esportatore di combustibile. Le trattative con la Russia per il progetto sono in fase di stallo, con disaccordi che permangono sui termini cruciali del contratto, dal finanziamento al prezzo del gas.

Anche se completato, il progetto potrebbe offrire alla Russia un affare scadente. La Cina manterrà altre fonti di gas, a partire dall’Asia centrale. Gazprom, invece, dipenderà da un unico acquirente. Sergey Vakulenko, ex dirigente dell’azienda petrolifera, sostiene che la Cina potrebbe semplicemente aspettare fino al 2025-26, quando entrerà sul mercato una vasta fornitura di GNL dall’America e dal Qatar, prima di imporre condizioni terribili. Il ministero dell’Economia russo prevede già che il prezzo delle sue esportazioni di gas verso la Cina sarà in media di 257 dollari al metro cubo nel 2027, rispetto ai 320 dollari dei flussi verso gli altri clienti europei.

Il progetto comporterebbe anche altri rischi. Per recuperare l’investimento, Gazprom dovrebbe far funzionare il tubo a pieno ritmo per almeno 20 anni. In linea di principio, ciò è realizzabile. Nel processo di decarbonizzazione, la Cina ha spazio per ridurre il consumo di carbone, il combustibile più economico e più sporco, continuando a utilizzare il gas. Ma una ripresa economica potrebbe spingere la Cina ad aumentare ulteriormente la sua capacità di energia rinnovabile, nel qual caso potrebbe abbandonare il gas prima. Oppure la sua economia potrebbe andare peggio del previsto, spingendola a tornare al carbone.

La scommessa del gas liquefatto

Il sovradimensionamento della produzione di GNL – la seconda opzione della Russia – sembra una scommessa un po’ più sicura. Una volta su una nave, il carburante può essere spedito ovunque. E il GNL russo può competere con quello proveniente da altri paesi. Il gas che la Russia alimenta i suoi principali terminali di liquefazione è più economico di qualsiasi altro esportatore, ad eccezione del Qatar, e la liquefazione funziona bene al freddo. La Russia punta a incrementare le esportazioni di GNL a 100 milioni di tonnellate entro il 2030, pari a 138 miliardi di metri cubi di gas, rispetto ai 31 milioni dello scorso anno. Prevede che la sua quota di mercato raggiungerà il 20% entro il 2030, rispetto all’attuale 8%.

Ma questo obiettivo potrebbe essere ambizioso. I nuovi impianti di GNL e le strutture di trasporto necessitano di beni occidentali che le sanzioni hanno reso inafferrabili. Gli investitori giapponesi nell’Arctic Lng 2, il progetto di punta della Russia, si sono ritirati; quelli cinesi hanno chiesto all’America una deroga alle sanzioni che difficilmente verrà concessa. Per colmare il divario, la Russia sta elargendo sussidi a Novatek, la sua più grande azienda di GNL, e sta sviluppando tecnologie interne.

Per far emergere un’industria del gas autarchica ci vorrà del tempo. L’Arctic Lng 2, che inizialmente avrebbe dovuto iniziare le consegne entro il primo trimestre del 2024, ha sospeso la produzione il mese scorso. La società di consulenza Rystad Energy prevede che la produzione russa di GNL raggiungerà solo 40 milioni di tonnellate entro il 2035, circa 100 milioni in meno rispetto alle ambizioni del Cremlino. Trovare acquirenti sarà difficile. Anne-Sophie Corbeau della Columbia University ritiene che la Russia dovrà vendere ai Paesi più poveri, offrendo contratti generosi.

Questa serie di difficoltà significa che la Russia non sarà in grado di recuperare gran parte delle entrate che un tempo guadagnava dall’Europa. Con l’avanzare della transizione verde, gli esperti ritengono che l’età dell’oro del gas durerà al massimo un paio di decenni. Le sanzioni occidentali e gli errori russi non impediranno la guerra in Ucraina. Ma stanno infliggendo un duro colpo al futuro della Russia come principale fornitore di energia.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top