skip to Main Content

Cosa (non) fanno Disney, easyJet e Gucci per compensare la CO2

Crediti Carbonio

Più del 90% dei crediti di carbonio riferiti alle foreste tropicali sono crediti fantasma. Si tratta di quelli che si rifanno allo standard Verra e che sono acquistati da marchi come Gucci, Shell e Disney per etichettare i loro prodotti come “carbon-neutral”. Tutti i dettagli nell’inchiesta congiunta di Guardian, Die Zeit e SourceMaterial

 

Le compensazioni di carbonio della foresta adottate dal principale fornitore mondiale e utilizzate da Disney, Shell, Gucci e altre grandi aziende sono in gran parte prive di valore e potrebbero peggiorare il riscaldamento globale, stando a una nuova inchiesta.

IL 90% DEI CREDITI DI CARBONIO PER LA RIFORESTAZIONE NON HANNO ALCUN EFFETTO

La ricerca su Verra, il principale standard di carbonio al mondo per il mercato in rapida crescita delle compensazioni volontarie da 2 miliardi di dollari (1,6 miliardi di sterline), ha rilevato che, in base all’analisi di una percentuale significativa di progetti, oltre il 90% dei crediti di compensazione della foresta pluviale – tra i più comunemente utilizzati dalle aziende – sono probabilmente “crediti fantasma” e non rappresentano vere riduzioni di carbonio.

L’analisi solleva dubbi sui crediti acquistati da alcune aziende di fama internazionale – alcune delle quali hanno etichettato i loro prodotti come “carbon neutral”, o hanno detto ai loro consumatori che possono volare, comprare nuovi vestiti o mangiare certi cibi senza peggiorare la crisi climatica. Ma sono stati sollevati ripetutamente dubbi sulla loro reale efficacia.

L’indagine, durata nove mesi, è stata condotta dal Guardian, dal settimanale tedesco Die Zeit e da SourceMaterial, un’organizzazione no-profit di giornalismo investigativo. Si basa su una nuova analisi degli studi scientifici sui programmi di Verra per le foreste pluviali.

Si è inoltre basata su decine di interviste e reportage sul campo con scienziati, addetti ai lavori e comunità indigene. I risultati – che sono stati fortemente contestati da Verra – potrebbero porre seri interrogativi alle aziende che dipendono dalle compensazioni come parte delle loro strategie net zero.

COSA FA VERRA

Verra, che ha sede a Washington DC, gestisce una serie di standard ambientali leader per l’azione sul clima e lo sviluppo sostenibile, tra cui il suo standard di carbonio verificato (VCS) che ha emesso più di 1 miliardo di crediti di carbonio. Approva tre quarti di tutte le compensazioni volontarie. Il suo programma di protezione delle foreste pluviali costituisce il 40% dei crediti approvati ed è stato lanciato prima dell’accordo di Parigi con l’obiettivo di generare entrate per la protezione degli ecosistemi.

Verra sostiene che le conclusioni raggiunte dagli studi non sono corrette e mette in dubbio la loro metodologia. E sottolinea che il loro lavoro dal 2009 ha permesso di convogliare miliardi di dollari verso il lavoro vitale di conservazione delle foreste.

Ecco cosa ha rivelato l’indagine.

Secondo due studi, solo una manciata di progetti di Verra sulle foreste pluviali mostrava prove di riduzione della deforestazione, e ulteriori analisi indicavano che il 94% dei crediti non aveva alcun beneficio per il clima.

Secondo l’analisi di uno studio dell’Università di Cambridge del 2022, la minaccia alle foreste è stata sovrastimata in media del 400% per i progetti Verra.

GUCCI, EASYJET, DISNEY E NON SOLO

Gucci, Salesforce, BHP, Shell, easyJet, Leon e la band Pearl Jam sono tra le decine di aziende e organizzazioni che hanno acquistato compensazioni per le foreste pluviali approvate da Verra per rivendicazioni ambientali. Le questioni relative ai diritti umani sono un serio problema in almeno uno dei progetti di compensazione. Il Guardian ha visitato un progetto di punta in Perù e gli sono stati mostrati dei video che, secondo i residenti, mostravano le loro case abbattute con motoseghe e cavi da guardie del parco e polizia. Hanno parlato di sgomberi forzati e di tensioni con le autorità del parco. L’analisi: “È deludente e spaventoso”.

L’INCHIESTA GIORNALISTICA SUI CREDITI DI CARBONIO “FANTASMA”

Per valutare i crediti, un team di giornalisti ha analizzato i risultati di tre studi scientifici che hanno utilizzato immagini satellitari per verificare i risultati di una serie di progetti di compensazione forestale, noti come schemi Redd+. Sebbene diversi studi abbiano esaminato le compensazioni, questi sono gli unici tre che hanno cercato di applicare metodi scientifici rigorosi per misurare la deforestazione evitata.

Le organizzazioni che istituiscono e gestiscono questi progetti producono le proprie previsioni sulla quantità di deforestazione che fermeranno, utilizzando le regole di Verra. Le previsioni vengono valutate da una terza parte approvata da Verra e, se accettate, vengono utilizzate per generare i crediti che le aziende possono acquistare e utilizzare per compensare le proprie emissioni di carbonio.

Per esempio, se un’organizzazione stima che il suo progetto fermerà 100 ettari (247 acri) di deforestazione, può usare una formula approvata da Verra per convertire questo valore in 40.000 CO2e (anidride carbonica equivalente) di emissioni di carbonio risparmiate in una densa foresta tropicale se non avviene alcuna deforestazione, sebbene la formula vari a seconda dell’habitat e di altri fattori. Queste emissioni risparmiate possono poi essere acquistate da un’azienda e applicate ai propri obiettivi di riduzione delle emissioni di carbonio.

Due diversi gruppi di scienziati – uno con sede a livello internazionale e l’altro a Cambridge, nel Regno Unito – hanno esaminato un totale di circa due terzi degli 87 progetti attivi approvati da Verra. Alcuni sono stati esclusi dai ricercatori quando hanno ritenuto che non fossero disponibili informazioni sufficienti per valutarli in modo equo.

I due studi del gruppo internazionale di ricercatori hanno rilevato che solo otto dei 29 progetti approvati da Verra, per i quali era possibile effettuare ulteriori analisi, mostravano prove di significative riduzioni della deforestazione.

I giornalisti hanno potuto effettuare ulteriori analisi su questi progetti, confrontando le stime fatte dai progetti di compensazione con i risultati ottenuti dagli scienziati. L’analisi ha indicato che circa il 94% dei crediti prodotti dai progetti non avrebbe dovuto essere approvato.

I crediti di 21 progetti non avevano alcun beneficio per il clima, sette avevano un impatto tra il 98% e il 52% in meno rispetto a quanto dichiarato con il sistema Verra e uno aveva un impatto superiore dell’80%, ha rilevato l’indagine.

LO STUDIO DI CAMBRIDGE

Separatamente, lo studio condotto dal team dell’Università di Cambridge su 40 progetti Verra ha rilevato che, sebbene alcuni di essi avessero fermato la deforestazione, le aree erano estremamente ridotte. Solo quattro progetti erano responsabili di tre quarti della foresta totale protetta.

I giornalisti hanno nuovamente analizzato questi risultati più da vicino e hanno scoperto che, nei 32 progetti in cui è stato possibile confrontare le affermazioni di Verra con i risultati dello studio, gli scenari di base della perdita di foreste sembravano essere sovrastimati di circa il 400%. Tre progetti in Madagascar hanno ottenuto risultati eccellenti e hanno un impatto significativo sulle cifre. Se non si includono questi progetti, si ha una sovrastima media di circa il 950%.

Gli studi hanno utilizzato metodi e periodi di tempo diversi, hanno esaminato gamme diverse di progetti e i ricercatori hanno affermato che nessun approccio modellistico è mai perfetto, riconoscendo i limiti di ogni studio. Tuttavia, i dati hanno mostrato un ampio accordo sulla mancanza di efficacia dei progetti rispetto alle previsioni approvate da Verra.

Due degli studi hanno superato il processo di revisione paritaria e un altro è stato pubblicato come preprint.

LA RISPOSTA DI VERRA

Tuttavia, Verra ha fortemente contestato le conclusioni degli studi sui suoi progetti per la foresta pluviale e ha affermato che i metodi utilizzati dagli scienziati non sono in grado di catturare il vero impatto sul terreno, il che spiega la differenza tra i crediti che approva e le riduzioni delle emissioni stimate dagli scienziati.

Lo standard di carbonio ha dichiarato che i suoi progetti affrontano minacce locali uniche che un approccio standardizzato non è in grado di misurare, e che collabora con esperti di primo piano per aggiornare continuamente le sue metodologie e assicurarsi che riflettano il consenso scientifico. Ha accorciato il periodo di tempo in cui i progetti devono aggiornare le minacce che affrontano per cogliere meglio i fattori imprevisti, come l’elezione di Jair Bolsonaro in Brasile. Verra ha dichiarato di aver già utilizzato alcuni dei metodi impiegati dai ricercatori nei propri standard, ma non li ritiene appropriati per questo tipo di progetto.

Verra ha espresso particolare preoccupazione per l’uso di “controlli sintetici”, in cui il gruppo internazionale ha scelto aree comparabili e le ha utilizzate come base per le misurazioni della deforestazione. Verra riteneva che ciò fosse problematico perché i controlli potevano non riflettere le condizioni precedenti al progetto e inoltre avrebbero confrontato il progetto con uno scenario ipotetico piuttosto che con una “area reale, come fa Verra”. Ma gli autori dello studio sostengono che ciò non descrive correttamente il loro lavoro: le aree di confronto utilizzate in entrambi i casi sono aree reali, con livelli di deforestazione basati su tassi locali ai progetti. Il gruppo di Cambridge non utilizza controlli sintetici.

“Ho lavorato come revisore dei conti in questi progetti nell’Amazzonia brasiliana e quando ho iniziato questa analisi, volevo sapere se potevamo fidarci delle loro previsioni sulla deforestazione. Le prove dell’analisi – non solo i controlli sintetici – suggeriscono che non possiamo. Voglio che questo sistema funzioni per proteggere le foreste pluviali. Perché ciò accada, dobbiamo riconoscere l’entità dei problemi del sistema attuale”, ha dichiarato Thales West, autore principale degli studi del gruppo internazionale.

Erin Sills, coautrice del gruppo internazionale e docente alla North Carolina State University, ha dichiarato che i risultati sono “deludenti e spaventosi”. È stata una dei numerosi ricercatori che hanno affermato la necessità di cambiamenti urgenti per finanziare la conservazione delle foreste pluviali.

“Mi piacerebbe scoprire che la conservazione delle foreste, che preserva la biodiversità e i servizi ecosistemici locali, ha anche un impatto effettivo sulla riduzione del cambiamento climatico. Se così non fosse, sarebbe spaventoso, perché ci sarebbero un po’ meno speranze di ridurre i cambiamenti climatici”.

David Coomes, professore di ecologia forestale all’Università di Cambridge e autore senior di uno studio che analizzava la deforestazione evitata nei primi cinque anni di 40 schemi Verra, faceva parte del gruppo di ricercatori di Cambridge. Ha esaminato i risultati del Guardian e ha detto che c’è un grande divario tra la quantità di deforestazione che il suo team ha stimato che i progetti stavano evitando e ciò che lo standard di carbonio stava approvando.

“È sicuro che ci sono forti discrepanze tra ciò che stiamo calcolando e ciò che esiste nei loro database, e questo è motivo di preoccupazione e di ulteriori indagini. Penso che a lungo termine, quello che vogliamo è un insieme di metodi consensuali che siano applicati a tutti i siti”, ha detto.

Julia Jones, coautrice e docente presso la Bangor University, ha affermato che il mondo si trova a un bivio quando si tratta di proteggere le foreste tropicali e deve correggere urgentemente il sistema di misurazione delle riduzioni delle emissioni se si vuole che i mercati del carbonio aumentino.

“Non si tratta di scienza missilistica”, ha detto. “Siamo in un momento assolutamente critico per il futuro delle foreste tropicali. Se non impariamo dai fallimenti dell’ultimo decennio o giù di lì, c’è il rischio che investitori, privati e altri si allontanino da qualsiasi tipo di disponibilità a pagare per evitare la deforestazione tropicale e questo sarebbe un disastro”.

“Come persona che si trova al di fuori del selvaggio west dei mercati del carbonio, ho bisogno di credere che si possa far funzionare il sistema, perché sono necessari i soldi per finanziare le riduzioni delle emissioni derivanti dalla conservazione delle foreste”.

Yadvinder Singh Malhi, professore di scienze degli ecosistemi all’Università di Oxford e Jackson senior research fellow all’Oriel College di Oxford, che non ha partecipato allo studio, ha detto che due dei suoi studenti di dottorato hanno esaminato l’analisi senza rilevare alcun errore.

“Questo lavoro mette in evidenza la sfida principale nel realizzare i benefici della Redd+ in termini di mitigazione dei cambiamenti climatici. La sfida non consiste nel misurare gli stock di carbonio, ma nel prevedere in modo affidabile il futuro, ovvero cosa sarebbe successo in assenza dell’attività Redd+. E scrutare il futuro è un’arte oscura e disordinata in un mondo di società, politica ed economia complesse. Il rapporto mostra che queste previsioni future sono state eccessivamente pessimistiche in termini di tassi di deforestazione di base, e quindi hanno ampiamente sovrastimato i benefici climatici della Redd+. Molti di questi progetti possono aver portato molti benefici in termini di capacità di conservazione della biodiversità e di comunità locali, ma gli impatti sul cambiamento climatico su cui si basano sono purtroppo molto più deboli di quanto sperato. Vorrei che fosse altrimenti, ma questo rapporto è piuttosto convincente”.

LE CONSEGUENZE

Shell ha dichiarato al Guardian che l’utilizzo dei crediti è “in linea con la nostra filosofia di evitare, ridurre e solo successivamente mitigare le emissioni”. Gucci, Pearl Jam, BHP e Salesforce non hanno commentato, mentre Lavazza ha dichiarato di aver acquistato crediti certificati da Verra, “un’organizzazione di certificazione leader a livello mondiale”, come parte dell’impegno “serio, concreto e diligente” dell’azienda produttrice di caffè a ridurre la propria impronta di carbonio. L’azienda intende approfondire il progetto.

La catena di fast food Leon non acquista più compensazioni di carbonio da uno dei progetti oggetto degli studi, come parte della sua missione di massimizzare il proprio impatto positivo. EasyJet si è allontanata dalla compensazione delle emissioni di carbonio per concentrare il suo lavoro net zero su progetti come “il finanziamento dello sviluppo di nuove tecnologie per aerei a zero emissioni di carbonio”.

Barbara Haya, direttrice del Berkeley Carbon Trading Project, ha condotto ricerche sui crediti di carbonio per 20 anni, nella speranza di trovare un modo per far funzionare il sistema. Ha dichiarato: “Le implicazioni di questa analisi sono enormi. Le aziende utilizzano i crediti per dichiarare di aver ridotto le emissioni quando la maggior parte di questi crediti non rappresenta affatto una riduzione delle emissioni.

“I crediti per la protezione delle foreste pluviali sono il tipo più comune sul mercato al momento. E sta esplodendo, quindi questi risultati sono davvero importanti. Ma i problemi non sono limitati a questo tipo di crediti. I problemi esistono per quasi tutti i tipi di credito.

“Una strategia per migliorare il mercato è quella di mostrare quali sono i problemi e costringere i registri a rendere più severe le loro regole in modo che il mercato possa essere affidabile. Ma sto iniziando a rinunciare a questa possibilità. Ho iniziato a studiare le compensazioni di carbonio 20 anni fa, studiando i problemi dei protocolli e dei programmi. Eccomi qui, 20 anni dopo, a fare la stessa conversazione. Abbiamo bisogno di un processo alternativo. Il mercato degli offset è guasto”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore