Energia

Cosa insegnerà il coronavirus al cambiamento climatico

di

coronavirus cambiamento climatico

Coronavirus e cambiamento climatico. L’analisi del Financial Times


Immaginate di aver lasciato la terra prima del coronavirus e di essere tornati questa settimana. Questo è più o meno quello che è successo a un team di 87 persone a bordo del rompighiaccio Polarstern, che ha passato gli ultimi sei mesi a fare ricerche sul clima nell’Artico ed è tornato sulla terraferma qualche giorno fa – scrive il FT.

Il mondo che li ha accolti è familiare, ma è cambiato. I sorrisi sono stati sostituiti da maschere; la gente si evita quando cammina per strada. E mentre i ricercatori erano in mare, l’argomento che stavano studiando – il cambiamento climatico e le emissioni – ha subito il più grande cambiamento della nostra vita. Con il  mondo in isolamento, le emissioni vedranno il loro più grande calo quest’anno dalla seconda guerra mondiale. Il progetto da 140 milioni di euro, noto come Mosaic Expedition, è uno dei più ambiziosi programmi di ricerca polare mai intrapresi. Molte delle loro osservazioni mostrano, in modo deprimente, che il riscaldamento nell’Artico è  in corso. Il cambiamento climatico non ha preso una pausa, anche se il coronavirus ha devastato l’economia globale e, purtroppo, centinaia di migliaia di vite. Un elemento di particolare preoccupazione è che la spedizione ha osservato livelli di ozono molto bassi, sollevando la questione se questo sia collegato al buco dell’ozono sopra l’Artico. (Bisogna fare ulteriori analisi prima di poterlo dire con certezza).

Anche se le emissioni di anidride carbonica sono diminuite considerevolmente durante la pandemia, questo è solo un piccolo tassello se misurato su scala planetaria. Il calo delle emissioni nel 2020 – circa l’8 per cento in meno rispetto all’anno scorso – ci porterà comunque sulla strada giusta per raggiungere l’obiettivo dell’accordo di Parigi di limitare il riscaldamento a 1,5 gradi centigradi. L’atmosfera terrestre non se n’è quasi accorta: le concentrazioni di anidride carbonica hanno raggiunto un nuovo record il mese scorso. Questo può sembrare controintuitivo, ma la CO2 rimane nell’atmosfera per molto tempo – più di un secolo. Finché continueremo a pomparla nell’aria, continuerà ad accumularsi.

Altri dati puntano cupamente nella stessa direzione: quest’anno ha visto il maggio più caldo mai registrato dalla strumentazione moderna. Nel frattempo, la Groenlandia ha visto livelli insolitamente alti di ghiaccio in fusione questa primavera, suggerendo che ne arriveranno altri in estate. Quindi, se l’isolamento non bastasse a guarire il pianeta, dovremmo rinunciare a sperare? Può sembrare deprimente  pensare che anche dopo che tutti gli aerei hanno smesso di volare e la vita normale si è fermata, il riscaldamento dell’atmosfera è continuato. Nonostante la popolarità delle immagini satellitari che mostrano l’inquinamento eliminato in una manciata di grandi città, lo stato del pianeta rimane più o meno lo stesso.

Ma c’è una buona notizia. La pandemia ha avuto un grande impatto su qualcosa che è fondamentale per affrontare il cambiamento climatico: i nostri valori. La vita sotto il coronavirus ha costretto tutti a intraprendere azioni collettive per proteggere la salute dell’altro e per rendersi conto che vale la pena di prepararsi a minacce lontane. Mentre il team del Polarstern si adegua alla vita sulla terraferma in mezzo al coronavirus, potrebbe sorprendersi di come i cambiamenti più profondi provocati dalla malattia siano quelli che non sono immediatamente visibili alla vista. L’isolamento è stato un periodo di riflessione prolungato e ha fatto sì che molti abbiano dato priorità alla sicurezza collettiva rispetto alla libertà individuale.

È anche l’antitesi della cultura dell’instant-gratification che alimentava molte abitudini non molto positive per l’ambiente, come volare via per un weekend o fare shopping per il fast fashion. Molti ricercatori e attivisti del clima sono tranquillamente ottimisti riguardo a un cambiamento di atteggiamento che porterà benefici al clima a lungo termine. La pandemia è stata anche un’occasione per immaginare come potrebbe essere il nostro futuro, dato che il futuro che ci aspettavamo è cambiato. Per quanto riguarda il Polarstern, ora c’è un nuovo equipaggio e un nuovo gruppo di ricercatori a bordo del rompighiaccio. La ricerca continuerà per tutta l’estate, fino alla fine della spedizione del Mosaico prevista per il prossimo ottobre. E quando l’ultimo team di ricercatori tornerà a terra quest’autunno, che tipo di nuovo mondo li aspetterà? Sarà probabilmente un mondo in cui il coronavirus non è totalmente sotto controllo – e nemmeno le emissioni globali. Ma potrebbe essere un mondo in cui, anche mentre il riscaldamento continua, la nostra mentalità è almeno più preparata ad affrontare il cambiamento climatico a lungo termine.

(Estratto dalla rassegna stampa internazionale a cura di Epr Comunicazione) 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati