Energia

Ecco come il coronavirus contagerà i prezzi del petrolio

di

petrolio

Il Coronavirus sta influenzando domanda e prezzi del petrolio. Fatti, analisi e commenti

Il coronavirus contagia anche il settore petrolifero. Mentre la domanda di greggio, in Cina, diminuisce (con lavori e attività fermi), Vitol, Royal Dutch Shell e Litasco sono alla ricerca di supercisterne per lo stoccaggio dell’olio nero in mare.

Nemmeno il rialzo dei prezzi di Brent e Wti, registrato nella mattinata, fa essere positivi gli analisti, che si attendono un calo delle quotazioni nel giro di breve termine.

SALGONO I PREZZI DEL PETROLIO

Partiamo dalle quotazioni. Giornata positiva in Borsa per Brent e Wti. Al momento in cui scriviamo, il primo guadagna oltre l’1% superando quota 54 dollari al barile, mentre il Wti sfiora tocca i 50,52 dollari al barile (+0,95).

NUOVO CALO ALL’ORIZZONTE

Rialzi, però, che non bastano per cambiare il clima di mercato sul petrolio. “Un più ampio sentiment positivo diffusosi nei mercati asiatici ha spinto al rialzo i prezzi del greggio”, ha detto Margaret Yang, analista di CMC Markets, a Reuters. “Il rimbalzo è lieve e potrebbe essere di breve durata poiché la domanda di energia della Cina dovrebbe rimanere debole a breve termine a causa dell’impatto del virus”.

CORONAVIRUS CIGNO NERO PER MERCATO

Negativo anche Warren Pies, analista di Ned Davis Research, intervistato dalla Cnbc: il diffondersi del coronavirus è “un vero cigno nero” per i mercati del greggio, ha detto l’esperto.

CINA, DOMANDA IN CALO

E a testimoniarlo sarebbero i numeri della domanda. Secondo Pies, il diffondersi del virus ha ridotto la domanda cinese di petrolio da 2 a 3 milioni di barili al giorno. Secondo quanto riportato da Reuters, le raffinerie statali cinesi prevedono, a febbraio, di tagliare fino a 940.000 barili al giorno (bpd), quasi l’1% della domanda mondiale, dai loro tassi di lavorazione del greggio.

SERVONO AZIONI COORDINATE

Per risollevare in modo decisivo i prezzi servirebbero azioni coordinate. “Sebbene oggi il petrolio si stia riprendendo, la mancanza di azioni coordinate da parte dell’OPEC + significa che è probabile che le preoccupazioni sull’eccesso di offerta avranno il sopravvento”, ha affermato Eugen Weinberg, analista di Commerzbank.

Dello stesso parere anche Margaret Yang: “OPEC+ e Russia dovranno presentare un piano di taglio della produzione coerente per sostenere i prezzi del petrolio”.

INTERVENTO OPEC+?

E all’interno del cartello, in realtà, la proposta è arrivata: aumentare i tagli, per la seconda parte dell’anno, di 600.000 barili al giorno, limitando complessivamente la produzione di 2,2, milioni barili al giorno.

L’ATTENDISMO RUSSO

Ma la Russia non sembra essere d’accordo e ha deciso di prendersi tempo. Per Edward Moya, senior market analyst presso OANDA, “l’Opec+ sembra essere intrappolata in una modalità wait-and-see, dal momento che la Russia può farcela con un petrolio a 40 dollari e, di conseguenza, potrebbe non essere così ansiosa di raggiungere un accordo per un ulteriore taglio di 600.000 barili al giorno”.

AUMENTARE LO STOCCAGGIO è LA SOLUZIONE?

Anche le big dell’Oil&Gas hanno deciso di muoversi per far fronte all’eccesso della domanda. Vitol, Royal Dutch Shell e Litasco, come racconta Bloomberg, sono alla ricerca di supercisterne per stoccare il petrolio.

A confermare il trend sono anche due proprietari di petroliere, che hanno dichiarato che la domanda di stoccaggio è in aumento, ma non hanno rivelato le società che stanno operando in questo modo.

(articolo aggiornato alle ore 14)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati