skip to Main Content

Bilancio

L’Ue può vincere la corsa mondiale all’industria verde? Report Le Monde

La Commissione europea ha presentato delle proposte per sostenere l'industria verde. Intanto, il settore perde terreno rispetto alla Cina. L'articolo di Le Monde.

Un anno fa, gli europei temevano la prospettiva di interruzioni di corrente dopo che Mosca aveva deciso di interrompere la fornitura di gas nell’estate del 2022. Oggi ritengono di aver evitato il peggio, anche se i prezzi dell’energia sono aumentati con la guerra in Ucraina, e sono soddisfatti del modo in cui hanno gestito questa crisi, che avrebbe potuto danneggiarli molto di più.

Cosa dice il rapporto della Commissione

Questi sono i risultati di un rapporto pubblicato dalla Commissione martedì 24 ottobre. La diminuzione dei consumi (-18% rispetto alla media dei cinque anni precedenti), l’aumento dell’uso delle energie rinnovabili (nel 2022 produrranno il 39% dell’elettricità continentale) e la diversificazione delle fonti di approvvigionamento dovrebbero consentire alle importazioni di gas russo in Europa di scendere da 155 miliardi di metri cubi a meno di 45 miliardi di metri cubi tra il 2021 e il 2023.

Sebbene sia stata accompagnata da un’impennata dei sussidi ai combustibili fossili (123 miliardi di euro nel 2022), quando l’UE-27 ha intensificato le misure di sostegno per le famiglie e l’industria di fronte all’impennata dei prezzi, l’aggressione della Russia ha indubbiamente fornito argomenti a coloro che nell’Unione Europea (UE) difendevano una forte ambizione nella lotta contro il riscaldamento globale. Ha anche alimentato l’agenda della sovranità comunitaria dei Paesi membri, illustrando meglio di qualsiasi presentazione la necessità di ridurre la dipendenza.

Una corsa globale per la leadership nell’industria verde

È in questo contesto che l’UE ha adottato i vari atti legislativi del suo Patto Verde – la fine del motore a combustione interna entro il 2035, l’introduzione di una tassa sul carbonio alle frontiere, nuovi obiettivi per le energie rinnovabili, che dovranno rappresentare il 42,5% del mix energetico entro il 2030, il rafforzamento del mercato del carbonio, ecc… – che dovrebbero consentirle di ridurre le emissioni di CO2 di almeno il 55% entro il 2030 rispetto al 1990 e di raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050. “Nel 2022 le emissioni di gas serra saranno diminuite del 3% [rispetto al 2021] e del 32,5% rispetto al 1990”, ha dichiarato martedì il vicepresidente della Commissione Maros Sefcovic.

Sì, ma allo stesso tempo la corsa alla leadership nelle industrie verdi si è accelerata in tutto il mondo. La Cina è stata la prima a fare il grande passo, ponendosi obiettivi ambiziosi nel suo ultimo piano quinquennale, tra cui una svolta nel mercato delle auto elettriche. Secondo un rapporto della Commissione sulle “Iniziative europee per promuovere gli investimenti nelle tecnologie pulite”, anch’esso pubblicato martedì, “gli investimenti annunciati dalla Cina nelle tecnologie pulite superano i 280 miliardi di dollari”.

Altri hanno seguito l’esempio, tra cui il Canada, il Giappone e soprattutto gli Stati Uniti, il cui Inflation Reduction Act (IRA), previsto per agosto 2022, sta facendo venire i sudori freddi agli europei. Di fronte ai 369 miliardi di dollari (347 miliardi di euro) di sussidi annunciati da Washington, l’UE-27 ha capito che deve reagire se non vuole subire una nuova fase di delocalizzazioni e vedersi relegata al secondo posto nella battaglia per l’industria verde.

Sebbene sia ancora “troppo presto” per valutare le conseguenze dell’offensiva statunitense, la Commissione ha comunque rilevato “una chiara accelerazione degli investimenti nelle tecnologie pulite degli Stati Uniti”, in particolare “nei settori delle batterie, dell’energia solare ed eolica”. Gli esperti stimano che gli aiuti forniti nell’ambito dell’IRA rappresentino “dal 25% al 30% dei costi di produzione delle batterie”. Sottolineano inoltre che “gli investimenti nell’industria solare europea sono diminuiti all’interno dell’UE”.

“Legge sull’industria a zero emissioni”

Tra il 2021 e il 2027, 578 miliardi di euro di fondi UE dovrebbero essere destinati a progetti verdi, calcola la Commissione, citando in particolare il piano di rilancio europeo post-Covid 19, parte dei cui fondi dovrebbero aiutare la transizione climatica. La maggior parte di questa manna è concentrata sul raggiungimento di obiettivi e sull’introduzione di nuovi standard, piuttosto che sul sostegno all’industria europea. Potrebbe quindi andare principalmente a beneficio di aziende cinesi o americane! Gli europei sostengono che è giunto il momento di aiutare questi settori strategici per il futuro economico e climatico del Vecchio Continente.

È questo lo scopo del quadro temporaneo per gli aiuti di Stato, che consente loro di fornire un sostegno più diretto, o della legislazione attualmente in esame, come la legge sull’industria a zero emissioni, che dovrebbe essere la controparte industriale del Patto verde. Tuttavia, la situazione è urgente e l’UE, traumatizzata dal precedente dei pannelli solari, che ha visto la Cina eliminare tutta la concorrenza con sussidi massicci, vuole andare più veloce e più lontano.

Martedì la Commissione ha presentato le sue raccomandazioni per il settore europeo dell’energia eolica, che attualmente mostra segni di debolezza. “L’energia eolica è una tecnologia nata in Europa. È una storia di successo e dobbiamo mantenerla tale”, ha dichiarato il Commissario per l’Energia Kadri Simson. Ancora oggi, quattro dei maggiori produttori del settore sono europei (altri quattro sono cinesi), ma la loro quota di mercato complessiva si sta erodendo, passando dal 42% del 2020 all’attuale 35%. Peggio ancora, secondo l’esecutivo UE, entro il 2022 “i maggiori produttori europei di turbine registreranno perdite operative”.

L’aumento dei prezzi delle materie prime e dei tassi di interesse ha eroso la loro redditività. La concorrenza, dalla Cina oggi e forse dall’America domani, li sta indebolendo. La Commissione esorta ad agire e raccomanda, tra l’altro, agli Stati membri di ridurre notevolmente i tempi di rilascio delle autorizzazioni. “Per i grandi parchi eolici possono essere necessari fino a dieci anni”, afferma un esperto. Inoltre, incoraggia gli Stati membri a includere nei bandi di gara criteri qualitativi, come la sostenibilità e l’innovazione, che favorirebbero i produttori europei. Soprattutto, non esclude di avviare un’indagine antidumping o antisovvenzioni contro i produttori cinesi di turbine eoliche, come ha appena fatto per le auto elettriche.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top