Energia

Come si muoverà Eni sulla fusione nucleare

di

Fusione nucleare 1

Potrebbero essere 4 i centri di ricerca per la fusione nucleare che l’Eni ha in cantiere. Il tutto grazie alla collaborazione con il Mit di Boston e, in Italia, con l’Enea e il Cnr. Ma non solo. Ecco tutti i dettagli.

Avanti tutta anche verso le rinnovabili e la fusione nucleare per il Cane a sei zampe, dunque. “Fusione magnetica”, la chiamano i tecnici.

Dopo l’accordo sottoscritto tra Eni e Mit, il gruppo capitanato dall’ad, Claudio Descalzi, sta infatti mandando in porto il progetto che prevede la realizzazione di centri di ricerca: in Italia e uno negli Stati Uniti.

A marzo l’Eni ha sottoscritto un accordo col Mit che consentirà alla società di svolgere “congiuntamente programmi di ricerca sulla fisica del plasma, sulle tecnologie dei reattori a fusione, e sulle tecnologie degli elettromagneti di nuova generazione”.

All’opera ci saranno il gruppo italiano e la società Commonwealth Fusion Systems (CFS), nata come spin-out del Massachusetts Institute of Technology e che è partecipata da Eni. Obiettivo? Sviluppare il primo impianto che produrrà energia grazie alla fusione.

Un centro di ricerca avrà sede a Boston. Eni e Mit hanno annunciato un investimento iniziale di 50 milioni di dollari per far diventare un prototipo di reattore a fusione realtà entro 15 anni.

Gli altri due centri di ricerca per la fusione nucleare avranno sede in Italia. Uno a Gela e uno a Venezia-Marghera, secondo le indiscrezioni di Start Magazine. Un ruolo nella ricerca nel settore sarà appannaggio anche del centro Eni a Novara che si occupa tra l’altro di rinnovabili.

Il centro di Gela sarà il frutto anche di un’intesa tra Eni e Cnr che hanno siglato a maggio una “partnership per l’avvio di attività di ricerca congiunte nell’ambito di aree tecnologiche e scientifiche strategiche per Eni e di potenziale grande impatto per il Paese come l’economia circolare, le energie alternative e la tutela ambientale”.

A Gela il centro ricerche si occuperà della fusione magnetica, il cosiddetto “nucleare pulito” che potrebbe fornire grandi quantità di energia a emissioni zero.

A Porto Marghera ci sono pour parler a livello locale per definire una collaborazione Comune-università-Eni. Il Comune già aveva candidato la città come sede Enea per la fusione nucleare ma poi il bando è stato vinto da Frascati. Ora i contatti sono con l’Eni, trapela da ambienti veneziani.

A Venezia si pensa in particolare ad aree che rientrano nell’accordo di scambio di terreni tra il Comune e l’Eni: saranno ceduti diversi lotti, come quelli dentro la zona del Petrolchimico.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati